La felicità secondo gli studenti dell’Insubria

La presentazione dell’originale progetto venerdì 24 maggio presso la struttura di Varese

22 Maggio 2019
Guarda anche: AttualitàVarese Città

Felicità pubblica e privata è un progetto promosso dall’Università dell’Insubria realizzato dagli studenti del corso di Comunicazione pubblica e istituzionale. Il progetto ha raccolto e analizzato materiale su un campione di 1029 persone, tra le città di Varese e Como.

I risultati dell’indagine sono raccontati alla e al pubblico venerdì 24 maggio alle 11 a Varese, nell’aula 5 TM del Padiglione Morselli di via Ottorino Rossi, in videoconferenza con Como, aula VP1 di via Valleggio.

Prenderà a parte alla presentazione il coordinatore del progetto Franz Foti che presenterà alcuni dettagli di questa ricerca. Sarà presente inoltre il presidente del corso di Comunicazione Giulio Facchetti, ma saranno i ragazzi stessi a dialogare e raccontare questa esperienza.

Tag:

Leggi anche:

  • Nuovo corso all’Insubria “Lavorare in tv”

     «Lavorare in Tv: addetto alla produzione, responsabile casting, redattore, autore televisivo»: quello che è un sogno per molti all’Università dell’Insubria si può realizzare grazie a un nuovo corso di alta formazione tenuto da Depsa, autore di programmi televisivi molto
  • Insubria negli Usa per studiare la postura degli atleti

    Si chiama «Gait Analysis» ed è un metodo di studio dei movimenti corporei e delle posture coordinato da Andrea Moriondo, professore di Fisiologia all’Università dell’Insubria. Il progetto in questi anni ha fatto grandi passi in avanti: dai primi dati raccolti a Luino nel giugno
  • All’insubria Medicina È Sempre Più Appealing

    Raggiunto il traguardo della chiusura delle iscrizioni al test di Medicina e chirurgia, l’Insubria registra un deciso incremento degli iscritti: +24% con 656 iscritti rispetto ai 529 del 2017. Dato in controtendenza con il dato nazionale, che vede un aumento del 3% (da 66907 nel 2017 a
  • Biologia e Biotecnologia a porte aperte il 18 luglio

    Secondo le recenti stime, la bioeconomia in Italia rappresenta un valore pari al 10% dell’economia nazionale, con la Lombardia come punto di riferimento. In questo contesto Varese e Canton Ticino rappresentano un importante distretto biotecnologico e offrono valide opportunità