Kinanto apre a Varese. Capi con stoffe pregiate da tutto il mondo

E' stato inaugurato ieri, giovedì 22 ottobre, il secondo store dopo Milano

23 ottobre 2015
Guarda anche: Varese
Abito Kinanto

“Ogni capo che realizziamo è unico e inimitabile: niente doppioni o abiti prodotti in serie. Vogliamo far emergere la personalità di ogni donna, dando risalto a gusti e preferenze personali”. È questa la filosofia alla base di Kinanto, il marchio fashion che ha inaugurato in questi giorni un nuovo show room in via Griffi 3 a Varese.

L’idea di realizzare capi in tessuti pregiati, con attenzione ai dettagli e cura sartoriale, è di due ex manager che per anni hanno lavorato in aziende multinazionali, Antonella Padova e Roberta Vanetti e che, tre anni fa, hanno aperto il primo show room, in corso Como 9 a Milano. “La nostra idea imprenditoriale è piaciuta molto e abbiamo riscontrato un buon successo, per questo abbiamo deciso di aprire un secondo punto vendita a Varese” dicono.

Lo show room funziona come una sorta di salotto dove le clienti incontrano Antonella e Roberta, preferibilmente su appuntamento, per costruire il proprio look: “La qualità e l’unicità sono i punti di forza del nostro marchio: nei nostri show room ognuno può costruire il proprio capo su misura, adattarne uno esistente o crearne di nuovi secondo i propri gusti. Non abbiamo una collezione vera e propria ma delle proposte di modelli che spesso hanno i nomi delle clienti, proprio a sottolineare lo stretto rapporto di correlazione”.

L’obiettivo è far diventare i circa 100 metri quadrati dello show room di Varese, che si trova all’interno di in un cortile nell’area pedonale, un punto di ritrovo e incontro al femminile. “Il nostro negozio è un salotto a disposizione delle donne, ci piacerebbe farlo diventare uno spazio sereno dove potersi trovare per parlare di temi che ci stanno a cuore o anche solo per fare quattro chiacchiere tra amiche” dicono Antonella e Roberta.
Tutti i capi firmati Kinanto sono cuciti da artigiani italiani e ricamati a mano, con attenzione ai dettagli e cura sartoriale, e sono realizzati in materiali pregiati che provengono un po’ da tutto il mondo.

“L’attenzione ai tessuti è per noi fondamentale – affermano – utilizziamo molto la seta in tutte le sue forme (cady, crepe, raso, organza, chiffon e taffetas) e abbiamo anche broccati fatti con sete lavorate, freschi di lana e anche con lana e seta. Per le stagioni più fredde, prediligiamo il cachemire, anche quello impermeabile. Realizziamo anche molti abiti in viscose naturali, pensati per le donne che viaggiano molto, in quanto non si stropicciano negli spostamenti”.

Le stoffe sono acquistate in piccole quantità per realizzare solo un capo: le rimanenze vengono utilizzate per realizzare accessori o i dettagli di altri capi che vanno a far parte della linea Kinanto Reloaded. Nello show room di Varese, così come in quello di Milano, trovano spazio anche accessori creati da altri stilisti che incarnano la filosofia dell’unicità di Kinanto come i gioielli di Cristina Pastori e i costumi di Scostumata.

La storia

Antonella e Roberta sono due amiche che hanno in comune un passato come manager in aziende multinazionali e la passione per i tessuti pregiati. Da qui, la decisione di dedicarsi insieme all’avventura imprenditoriale di Kinanto. Antonella, siciliana, fin da piccola impara a conoscere e amare il mondo della sartoria.

“Devo questa passione a mia zia che mi ha trasmesso l’amore per i tessuti, tanto che a 6 anni ho chiesto in regalo una macchina per cucire – racconta Antonella – Crescendo ho fatto altre scelte: dopo la laurea mi sono dedicata a progetti lavorativi per multinazionali che nulla avevano a che fare con questo settore. Per lavoro ho viaggiato molto e, ogni volta, mi ritagliavo uno spazio tutto per me, cercando nei Paesi che visitavo delle stoffe caratteristiche e particolari da mettere in valigia. Dal 2008 ho iniziato a creare dei capi per le amiche che sono stati accolti con entusiasmo”. Così nel 2011 è nato Kinanto, un nome che rappresenta la collaborazione profonda tra Antonella e il marito Chino, che la sostiene e incoraggia partecipando attivamente al progetto, fin dai primi passi. Nel luglio 2015 al progetto Kinanto si aggiunge Roberta Vanetti, di Varese, anche lei una storia familiare legata ai tessuti: “Mia nonna cuciva gli abiti per le ricche famiglie milanesi in vacanza nelle ville Liberty della Valganna, un’attività che per me aveva un grandissimo fascino – racconta Roberta che è sposata con Mario e ha una figlia, Lisa – ho lavorato nella comunicazione per una grande multinazionale e adesso ho voluto dedicarmi a questo progetto per realizzare questo sogno nel cassetto”.

Foto nuova

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto – La BPM Sport Management espugna Torino con una grande prestazione

    La terzultima giornata della regular season del Campionato di A1 non riserva sorprese per la BPM Sport Management. Il sette di Gu Baldineti batte in trasferta il Torino ’81 per 19-9 (3-2, 5-3, 7-0, 4-4) e grazie ad un’ottima prestazione continua la preparazione alla Final Six, in programma tra
  • Progetto Binda 2017, quando il ciclismo è passione

    Il “Progetto Binda 2017” prende ufficialmente il via martedì 25 aprile con la Piccola Tre Valli Varesine, giunta alla sua 41° edizione. La tradizionale gara – valevole come 2° prova del Giro della Provincia categoria Allievi e come 3° Trofeo Veneto Banca – si disputerà a Induno
  • La Pro Loco fa il “giro del mondo” con Paola Gianotti

    Emozionante serata nella Sala consiliare del Castello Visconteo per il “Mese della Cultura” organizzato dalla Pro Loco Fagnano Olona guidata da Armida Macchi e Paolo Bossi. Guest star del momento è stata la famosa ciclista Paola Gianotti, contattata tramite il Gruppo Sportivo
  • Pallanuoto, 24ª giornata: la BPM Sport Management nella tana del Torino ‘81

    Torna il campionato di Serie A1. Ad un mese dalle Final Six di Torino, la BPM Sport Management domani sarà proprio nel capoluogo piemontese per sfidare il sette di coach Aversa. Una sfida in cui i Mastini sono i favoriti sulla carta, ma che non dovranno assolutamente sottovalutare in quanto il