Kinanto apre a Varese. Capi con stoffe pregiate da tutto il mondo

E' stato inaugurato ieri, giovedì 22 ottobre, il secondo store dopo Milano

23 ottobre 2015
Guarda anche: Varese Città
Abito Kinanto

“Ogni capo che realizziamo è unico e inimitabile: niente doppioni o abiti prodotti in serie. Vogliamo far emergere la personalità di ogni donna, dando risalto a gusti e preferenze personali”. È questa la filosofia alla base di Kinanto, il marchio fashion che ha inaugurato in questi giorni un nuovo show room in via Griffi 3 a Varese.

L’idea di realizzare capi in tessuti pregiati, con attenzione ai dettagli e cura sartoriale, è di due ex manager che per anni hanno lavorato in aziende multinazionali, Antonella Padova e Roberta Vanetti e che, tre anni fa, hanno aperto il primo show room, in corso Como 9 a Milano. “La nostra idea imprenditoriale è piaciuta molto e abbiamo riscontrato un buon successo, per questo abbiamo deciso di aprire un secondo punto vendita a Varese” dicono.

Lo show room funziona come una sorta di salotto dove le clienti incontrano Antonella e Roberta, preferibilmente su appuntamento, per costruire il proprio look: “La qualità e l’unicità sono i punti di forza del nostro marchio: nei nostri show room ognuno può costruire il proprio capo su misura, adattarne uno esistente o crearne di nuovi secondo i propri gusti. Non abbiamo una collezione vera e propria ma delle proposte di modelli che spesso hanno i nomi delle clienti, proprio a sottolineare lo stretto rapporto di correlazione”.

L’obiettivo è far diventare i circa 100 metri quadrati dello show room di Varese, che si trova all’interno di in un cortile nell’area pedonale, un punto di ritrovo e incontro al femminile. “Il nostro negozio è un salotto a disposizione delle donne, ci piacerebbe farlo diventare uno spazio sereno dove potersi trovare per parlare di temi che ci stanno a cuore o anche solo per fare quattro chiacchiere tra amiche” dicono Antonella e Roberta.
Tutti i capi firmati Kinanto sono cuciti da artigiani italiani e ricamati a mano, con attenzione ai dettagli e cura sartoriale, e sono realizzati in materiali pregiati che provengono un po’ da tutto il mondo.

“L’attenzione ai tessuti è per noi fondamentale – affermano – utilizziamo molto la seta in tutte le sue forme (cady, crepe, raso, organza, chiffon e taffetas) e abbiamo anche broccati fatti con sete lavorate, freschi di lana e anche con lana e seta. Per le stagioni più fredde, prediligiamo il cachemire, anche quello impermeabile. Realizziamo anche molti abiti in viscose naturali, pensati per le donne che viaggiano molto, in quanto non si stropicciano negli spostamenti”.

Le stoffe sono acquistate in piccole quantità per realizzare solo un capo: le rimanenze vengono utilizzate per realizzare accessori o i dettagli di altri capi che vanno a far parte della linea Kinanto Reloaded. Nello show room di Varese, così come in quello di Milano, trovano spazio anche accessori creati da altri stilisti che incarnano la filosofia dell’unicità di Kinanto come i gioielli di Cristina Pastori e i costumi di Scostumata.

La storia

Antonella e Roberta sono due amiche che hanno in comune un passato come manager in aziende multinazionali e la passione per i tessuti pregiati. Da qui, la decisione di dedicarsi insieme all’avventura imprenditoriale di Kinanto. Antonella, siciliana, fin da piccola impara a conoscere e amare il mondo della sartoria.

“Devo questa passione a mia zia che mi ha trasmesso l’amore per i tessuti, tanto che a 6 anni ho chiesto in regalo una macchina per cucire – racconta Antonella – Crescendo ho fatto altre scelte: dopo la laurea mi sono dedicata a progetti lavorativi per multinazionali che nulla avevano a che fare con questo settore. Per lavoro ho viaggiato molto e, ogni volta, mi ritagliavo uno spazio tutto per me, cercando nei Paesi che visitavo delle stoffe caratteristiche e particolari da mettere in valigia. Dal 2008 ho iniziato a creare dei capi per le amiche che sono stati accolti con entusiasmo”. Così nel 2011 è nato Kinanto, un nome che rappresenta la collaborazione profonda tra Antonella e il marito Chino, che la sostiene e incoraggia partecipando attivamente al progetto, fin dai primi passi. Nel luglio 2015 al progetto Kinanto si aggiunge Roberta Vanetti, di Varese, anche lei una storia familiare legata ai tessuti: “Mia nonna cuciva gli abiti per le ricche famiglie milanesi in vacanza nelle ville Liberty della Valganna, un’attività che per me aveva un grandissimo fascino – racconta Roberta che è sposata con Mario e ha una figlia, Lisa – ho lavorato nella comunicazione per una grande multinazionale e adesso ho voluto dedicarmi a questo progetto per realizzare questo sogno nel cassetto”.

Foto nuova

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio