ISLAM, IMMIGRAZIONE: IL NEMICO DI VARESE!

Nel pomeriggio di sabato 9 dicembre il comitato Varese ai Varesini svolgerà nel capoluogo bosino presso l’ex sede MSI di Via Piave 12 una conferenza dal titolo: “ISLAM, IMMIGRAZIONE: IL NEMICO DI VARESE!” (ore 14.30 apertura al pubblico, ore 15.30 inizio interventi)

04 dicembre 2017
Guarda anche: Varese Città

In tale occasione verranno presentate le petizioni “STOP ISLAM” e “BASTA ACCOGLIENZA BUSINESS, FERMIAMO L’INVASIONE” ed inoltre il Prof. Lodovico Ellena presenterà il suo libro “SI PUO’ ANCORA CRITICARE L’ISLAM?”.

Russo Federico, membro del direttivo di V. ai V. intende affermare: “Varese ai Varesini non è solo presidi e volantinaggi, con queste due petizioni, rivolte al Sindaco di Varese e al Prefetto, intendiamo coinvolgere concretamente i nostri concittadini in questa nostra crociata a difesa della Città, a difesa Nostra Civiltà. Con “STOP ISLAM” chiediamo la chiusura immediata dei centri di cultura islamica di Via Giusti e Via Pisacane, seri controlli igienico-sanitari e fiscali a tutti gli esercizi commerciali islamici e totale contrarietà a nuove aperture evitando i grandi assembramenti, il divieto tassativo all’erogazione di sussidi/finanziamenti, alla concessione di case popolari o locali di riunione a qualsiasi individuo o associazione manifesti disprezzo verso la cultura, le tradizioni, le leggi, le abitudini cristiane e occidentali. Con “BASTA ACCOGLIENZA BUSINESS, FERMIAMO L’INVASIONE!” intendiamo ratificare il consenso, la volontà dei varesini a chiedere l’arresto definitivo di tutti i progetti utili l’accoglienza dei migranti e la conseguente chiusura di tutte le strutture ad essi dedicate, l’espulsione immediata dalla Città come da tutto il suolo nazionale di tutti i migranti non in possesso dei requisiti utili l’ottenimento del “diritto d’asilo”, l’appello affinchè il governo nazionale disconosca il Regolamento di Dublino e il Trattato di Shengen e si attivi in concrete iniziative nel campo delle espulsioni, della difesa dei confini nazionali, intraprendendo anche incisive azioni comunicative, in primis ai paesi africani e asiatici, sul disprezzo e sul rifiuto di chiunque intenda rigettare la nostra cultura, le nostre tradizioni, le nostre leggi o di qualsiasi individuo abbia intenzione di raggiungere il nostro paese solo per lucrare sul nostro sistema assistenziale. Nei giorni, nelle settimane a seguire della conferenza di sabato 9 organizzeremo presidi e relativi banchetti di raccolta firme sia in centro città quanto nei quartieri periferici. Contro i nemici di Varese, per la Nostra Civiltà, per il futuro nostro e di quello dei nostri figli!”.

Tag:

Leggi anche:

  • La settimana si apre con la pioggia, ma torna presto il sole

    Il centro geofisico prealpino annuncia l’arrivo di forti temporali e un leggero abbassamento delle temperature estive nei primi giorni di questa settimana, ma già da martedì sera tornerà il sereno. Questa temporanea instabilità atmosferica è dovuta alla presenza di una bassa pressione sulle
  • Minacce alla Lega, Gesuito “Installare subito telecamere”

    “E sono tre, infatti se la memoria non mi inganna, si tratta del terzo atto intimidatorio in poco più di un anno, ai danni della sede storica della Lega di Varese. Nelle due precedenti, segretario Carlo Piatti, abbiamo espresso condanna al gesto, e solidarietà ai nostri amici della Lega, oggi,
  • Articolo Tre Varese, giornata tra sorrisi e merende

    “Ringraziamo sia Zio Ciccio che Max Panachia, oltre a Vanessa Baggioli, per aver messo a disposizione, a titolo gratuito, il loro prezioso tempo per far trascorrere una giornata diversa, improntata sulla gioia e sulla condivisione”.  “Un sentito grazie a tutto il personale ed ai
  • Angei (Lega): “La Varese di Galimberti? No ai Volontari anziani, sì ai richiedenti asilo”

    “Ci piacerebbe vedere lo stesso impegno e lo stesso entusiasmo, che l’assessore Molinari e il centrosinistra varesino mostrano per le iniziative che hanno per protagonisti i migranti, anche nei confronti dei disoccupati italiani e dei nostri giovani”.  Queste le dure parole di