“Insubria Terra d’Europa”, il festival per ragionare sul futuro del continente. E sul ruolo che continua ad avere la Germania

Prende il via oggi, mercoledì 3 giugno, la nona edizione della kermesse culturale organizzata da Terra Insubre. Il tema è la Grande Guerra

03 giugno 2015
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese

Si alza il sipario sul festival “Insubria Terra d’Europa”, giunto ormai alla nona edizione. E che quest’anno avrà come tema il Centenario della Prima Guerra Mondiale. 

“Siamo giunti alla nona edizione – spiega Andrea Mascetti, tra i fondatori dell’associazione Terra Insubre – siamo quindi vicini al traguardo del decennio. Le edizioni passate hanno avuto temi importanti, dai Popoli dell’Europa alla Russia. Quest’anno non potevamo, vista la ricorrenza, non parlare della Grande Guerra”. Un conflitto sul quale emerge, da parte dell’associazione che organizza il festival, un giudizio storico assolutamente negativo. Non solo per l’atrocità dei massacri che sono una costante in ogni guerra. Ma anche per le conseguenze sui popoli europei.

“Noi siamo europeisti e guardiamo con grande fiducia all’Europa – dice Mascetti – ma non all’Europa di oggi. Il nostro ideale è l’unità tra popoli e patrie che deve superare gli stati nazionali. La Prima guerra mondiale fu scatenata infatti dagli Stati nazionali di matrice giacobina, che sono delle creazioni politiche che non corrispondono ai popoli. E come tutte le cose inventate e artificiali non possono che creare conflitti. Le patrie inventate portano a conflitti inevitabili”.

Il festival si svolgerà da mercoledì 3 a domenica 7 giugno, nella sala convegni di Villa Recalcati.
con la proiezione del film “Porca Vacca” di Pasquale Festa Campanile con Renato Pozzetto e Laura Antonelli (Italia, 1982), mercoledì 3 giugno alle 20.45.

L’attore Renato Pozzetto, protagonista del film, sarà presente alla proiezione. “Un inizio che possiamo definire leggero – sottolinea Mascetti – ma che in realtà mostra con ironia come l’Alto Comando piemontese abbia portato al fronte tantissimi ragazzi e l’impreparazione nel neonato esercito italiano”. L’analisi sul tema della guerra nel cinema, che spazierà anche su pellicole di Kubrick, verrà moderata da Paolo Mathlouthi.

Oltre a Pozzetto, ospiti d’eccezione saranno personaggi come Quirino Principe, germanista e traduttore di Tolkien e Junger, ma anche Massimo Lucchesini, già direttore di Alenia Aermacchi. Perché la Prima guerra mondiale vide per Varese lo sviluppo dell’industria bellica.
Una mostra, che verrà esposta al circolo Ra Ca’ dur Barlich, vedrà foto delle battaglie che si svolsero in Africa, durante il primo conflitto, anche con la prima aeronautica. Le immagini furono scattate da Andrea Bossi, nonno di Roberto Stefanazzi Bossi, attivista di Terra Insubre. Molto interessante sarà anche il convegno sulla “versione svizzera” della nostra Linea Cadorna. Dal momento che anche la Confederazione Elvetica temeva un’invasione da sud.
Nella giornata di sabato si analizzeranno le cause che portarono al primo conflitto mondiale con diversi incontri, tra cui la presentazione del libro di Gilberto Oneto “Il Guerrone” e l’approfondimento di Adolfo Morganti, che parlerà di come l’attività bellica italiana fu tra le principali cause della tensione in Europa e quindi dello scoppio della guerra.
Domenica, invece, si farà un salto nell’attualitò, con una tavola rotonda, alle 15, dal titolo: “Über Alles. La centralità tedesca e il futuro dell’Europa”. Parteciperanno il deputato Giancarlo Giorgetti, il professor Giuseppe Reguzzoni e l’eurodeputato Lorenzo Fontana.
“Ancora oggi – dice Mascetti – il destino dell’Europa sembra essere quello di trovarsi attorno o sotto, a seconda dei punti di vista, alla Germania”.

“La recente crisi ucraina – si legge nel programma – ha mostrato ancora una volta come non esista una politica estera dell’Unione Europea, o meglio come questa si identifichi semplicemente con quella tedesca.
All’assoluta inconsistenza di Bruxelles sul piano internazionale fa riscontro il ritrovato dialogo tra Berlino e Mosca a suo tempo preconizzato da Henri de Grossouvre, che rilancia il tema, più che mai attuale, del blocco continentale eurasiatico”.

Leggi anche:

  • Pallanuoto: la BPM Sport Management espugna il Foro Italico

    Arriva la terza vittoria in sette giorni. La BPM Sport Management ha iniziato il nuovo anno veramente alla grande. A farne le spese questa volta è la SS Lazio Nuoto che, alla Piscina del Foro Italico, è uscita sconfitta per 9-17 (1-7, 3-1, 3-6, 2-3). Ottime le prestazioni di Mirarchi e Luongo,
  • Pallanuoto: la BPM Sport Management a Roma contro l’insidia Lazio

    Dopo le fatiche di Coppa torna il Campionato. Messo in cassaforte il risultato del match di andata (12-10 / ritorno in programma sabato 18 febbraio), domani la BPM Sport Management sarà a Roma dove, alla Piscina del Foro Italico, sfiderà la SS Lazio Nuoto per la 12ª giornata del Campionato di
  • Un campione olimpico a Varese: Jury Chechi

    Il sindaco di Varese Davide Galimberti, il vicesindaco Daniele Zanzi e il presidente del Consiglio comunale hanno incontrato questa mattina a Palazzo Estense il campione olimpico Jury Chechi. Il famoso ginnasta sta trascorrendo qualche giorno a Varese, città in cui da atleta si è allenato per
  • Euro Cup, semifinale: alla BPM Sport Management il primo round contro l’Oradea

    Grande spettacolo in vasca alle Piscine Manara. Nell’andata della semifinale di Euro Cup, la BPM Sport Management batte 12-10 (3-4, 3-4, 2-1, 4-1) il CSM Digi Oradea, rimontando nel quarto tempo lo svantaggio maturato nella prima parte di gara . Nell’altro match lo Jadran Carine Herceg Novi