Insubria presenta la mostra “STAGIONI DELL’ARTE A VARESE. RITRATTI DI VIVI PAPI”

La mostra sarà allestita presso il Battistero di Velate (Varese)

28 agosto 2018
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese provincia

Dal 25 agosto 2018, verrà aperta la mostra “Stagioni dell’arte a Varese. Ritratti di Vivi Papi”, allestita presso il Battistero di Velate (Varese).

Il progetto valorizza per la prima volta un capitolo della cospicua produzione del fotografo varesino specializzato in riproduzioni d’arteVivi Papi (1937-2005): i ritratti da lui scattati ad artisti ed esponenti della cultura attivi a Varese dalla fine degli anni Sessanta ai primi anni Duemila.
Fonte principale dei materiali esposti, il suo ricco archivio, donato dalla famiglia all’Università dell’Insubria e collocato nella sede del Centro Storie Locali a Villa Toeplitz.

Tra i numerosi ritratti presenti in mostra vi sono tra gli altri anche Renato Guttuso, Innocente Salvini, Marcello Morandini, Floriano Bodini e Vittore Frattini: figure artistiche che hanno potuto operare in un tessuto cittadino che attento e vivace, e in cui professionisti di altissimo rilievo, come Vivi Papi, hanno saputo inserirsi per innovare visioni e tecniche.

L’esposizione al Battistero include preziose stampe eseguite a mano da Vivi Papi, accanto a stampe realizzate per l’occasione da negativi digitalizzati. Ad accompagnare il racconto, un documentario biografico – realizzato da Cesare Gandini con Annamaria Fumagalli Papi e prodotto dal Centro Storie Locali -, immagini storiche inedite di Varese a monitor e alcuni cimeli di famiglia, tra cui un banco ottico e una borsa in cuoio per le fotografie in esterno.

“Intorno a questa idea – raccontano le curatrici Carla Tocchetti e Claudia Biraghi – abbiamo lavorato con passione e dedizione, con il partecipe supporto di Annamaria, anche lei fotografa. Pronti a trasformare l’idea in progetto, si sono associati numerosi partner e sostenitori: Comune di Varese, Fondazione Comunitaria del Varesotto, CNA Varese Ticino Olona, Parco Regionale del Campo dei Fiori, Comunità Maria Madre Immacolata, con la sponsorship tecnica di Gieffecolor”.

“Ritrarre le persone, i loro volti – ricorda la moglie Annamaria Fumagalli –, era per Vivi una passione nascosta, che ebbe modo di concretizzarsi nei ritratti di tutti coloro che aveva occasione di incontrare durante il lavoro, tra cui anche molti artisti”.

Ad arricchire l’omaggio al fotografo e all’ampio patrimonio documentario e artistico che ha lasciato alla sua città, saranno rese alla cittadinanza alcune testimonianze in vari luoghi storici della città: da Paolo Zanzi, sull’importanza dell’eredità di Vivi Papi per la realizzazione del progetto editoriale della “Storia di Varese” (Villa Toeplitz, 04 settembre ore 18), a Mauro della Porta Raffo una riflessione sul mecenatismo a Varese (Al Borducan, Sacro Monte, 7 settembre ore 15); a Daniele Cassinelli (Battistero di Velate, 14 settembre, ore 14) , che interviene con elementi di storia della fotografia a Varese dagli albori a Vivi Papi. Un evento al Battistero di Velate (16 settembre, ore 16) al cospetto degli impressionanti ritratti a Guttuso, rievocherà i ricordi di coloro che conobbero il Maestro personalmente, tra cui il fotografo stesso.

L’esposizione resterà al Battistero di Velate fino a domenica 16 settembre, poi proseguirà il 22 e 23 settembre con i medesimi orari di visita nell’antico borgo di Penasca a San Fermo, presso l’atelier-museo di Enrica Turri (1917-2005): pittrice varesina fondatrice e promotrice del Circolo degli Artisti, a pochi passi dalla Villa Bonacina dove, negli anni Cinquanta, Vivi bambino dimorò per qualche tempo con la sua famiglia.

L’esposizione sarà aperta con i seguenti orari: venerdì dalle 15 alle 18, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18; e su appuntamento a battisterodivelate@gmail.com

Tag:

Leggi anche:

  • Brianza “Quello che è successo in questi giorni lascia sconcertati e senza parole”

    “Quello che è successo in questi giorni lascia sconcertati e senza parole. Mi auguro che gli aguzzini del giovane sequestrato e torturato a Varese vengano presto consegnati alla giustizia e subiscano una pena esemplare”. Così la venegonese Francesca Brianza, vicepresidente del Consiglio
  • A Varese un bando per le iniziative culturali

    C’è tempo fino al 3 dicembre 2018 per richiedere l’assegnazione di contributi a sostegno delle attività di sussidiarietà diffusa in ambito culturale organizzate nell’anno 2018. Possono partecipare al bando le pubbliche amministrazioni, gli enti del terzo settore, gli enti
  • Violenza a Varese, Associazione Articolo Tre “Deriva preoccupante dei giovani”

    «Le notizie di cronaca nera che hanno coinvolto minori e giovanissimi della nostra città di Varese, pongono sul tavolo una seria riflessione in merito all’importanza di instillare la cultura della legalità, del rispetto e di combattere, anche facendo rete fra famiglie, associazioni ed
  • Addio a Ermes Buosi

      A dire addio al capitano Ermes, fondatore della nota pasticceria, sono i parenti e gli amici. La storia della famiglia Buosi nasce dalla passione per la pasticceria: era il 1958 quando Ermes Buosi aprì una piccola rivendita di prodotti dolciari, trasformandola qualche anno dopo,