Incidente ferroviario nel comune di Gallarate

Intervento dei vigili del fuoco sui binari gallaratesi: scontro fra auto e treno, nessun ferito

23 novembre 2016
Guarda anche: AperturaCronacaGallarate
incidente-auto-treno
Oggi, mercoledì 23 novembre, alle ore 15:30 i vigili del fuoco del distaccamento di Busto/Gallarate sono intervenuti nel comune di Gallarate (Va) in via Pietro Micca per incidente ferroviario.
Per cause ancora in fase di accertamento, un’autovettura e un convoglio ferroviario si sono scontrati nei pressi di un passaggio a livello.
Nell’urto non si sono registrati feriti.
I vigili del fuoco intervenuti con un’autopompa hanno messo in sicurezza i mezzi.
Tag:

Leggi anche:

  • Sinistra Gallarate contro Cassani “Si dimentica dell’emergenza abitativa”

    In una città dove il numero delle famiglie sfrattate o a rischio sfratto continua a crescere, dove il numero delle case popolare resta del tutto insufficiente a garantire il diritto alla casa, il sindaco decide di impiegare tempo e soldi per mettere in mezzo a una strada altre famiglie gallaratesi
  • Cance cade in una grotta, salvato dai Vigili del Fuoco

    Sul posto si è portata una squadra di vigili del fuoco. Gli specialisti del S.A.F. (Speleo Alpino Fluviale) hanno effettuato il recupero con tecniche speleologiche. Per raggiungere il quadrupede hanno attrezzato una discesa di trenta metri nel cuore della montagna, raggiunto l’animale lo
  • Fondo sociale regionale: a Gallarate 630mila euro

    Fondo sociale regionale: assegnati al distretto di Gallarate 630mila 584 euro. Il contributo è destinato agli operatori di settore con sede e che operano nell’ambito territoriale, realtà che si occupano del sostegno e dell’assistenza di bisognosi e delle famiglie con problemi di carattere
  • Gallarate, stop ai diesel Euro 3

    Da lunedì 1 ottobre e fino al 31 marzo 2019 è in vigore anche a Gallarate l’ordinanza regionale a tutela della qualità dell’aria. La limitazione permanente alla circolazione nel periodo invernale è in vigore dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19.30. Il provvedimento in questi sei mesi