Il Plis Valle della Bevera è una realtà

1560 ettari l'ampiezza del nuovo Plis per tutelare l'intera area

28 maggio 2016
Guarda anche: Varese
verde

Nella giornata di sabato è stato costituito ufficialmente, con la firma al decreto da parte del Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi, il Parco locale di interesse sovracomunale Valle della Bevera. Il Plis ha una superficie complessiva di circa 1.560 ettari, di cui il 40% ricade a Cantello, il 20% ad Arcisate, il 14% a Varese e Viggiù e il 6% a Induno Olona e Malnate. Nella sala consiliare del comune di Cantello erano presenti sindaci e amministratori dei Comuni interessati dal nuovo Plis, il Presidente del Parco Campo dei Fiori Giuseppe Barra, le associazioni che hanno lavorato alla progettazione di quest’area verde e che oggi, con la firma, hanno raggiunto un importante obiettivo.
«Oggi abbiamo riconosciuto a tutti gli effetti il Plis Valle della Bevera – ha dichiarato il Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi – Stiamo parlando di un parco strategico soprattutto sotto l’aspetto delle connessioni ecologiche. La costituzione di questo parco non è solo merito della Provincia, ma questo atto dimostra che proprio la Provincia è molto attenta e sensibile alle tematiche ambientali. Voglio anche ringraziare le associazioni, tutti i Comuni e le istituzioni, che hanno dato il proprio contributo, perché la costituzione di un Plis parte davvero dal basso, ovvero dai cittadini».

Il Plis Valle della Bevera
Con la crescente urbanizzazione le specie animali e vegetali rimangono sempre più isolate in aree verdi residuali. Questa condizione rappresenta un reale problema per le specie perché molteplici fattori possono spingere periodicamente gli organismi viventi a spostarsi da un’area all’altra: ad esempio trovare uno spazio adatto alla riproduzione; oppure i cambiamenti ambientali, come il normale alternarsi delle stagioni, ma anche situazioni straordinarie, come i cambiamenti climatici. Il PLIS della Bevera ha un ruolo strategico all’interno della rete ecologica provinciale: si connette con il Parco del Lanza e quindi con il Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate a est; con i massicci del lato sinistro della Val Ganna, con il Monte Useria, il Monte Scerè e il massiccio dell’Orsa a nord; in futuro potrà anche essere unito al Parco Campo dei Fiori.
Finalità istitutive dei P.L.I.S.

L’art. 34 della L.R. 86/83 sulle aree protette ha introdotto accanto a parchi regionali, parchi naturali, riserve naturali, monumenti naturali e aree di particolare rilevanza naturale e ambientale, la figura dei Parchi Locali di Interesse Sovracomunale (PLIS). Essi rivestono una grande importanza strategica nella politica di tutela e riqualificazione del territorio, inquadrandosi come elementi di connessione tra il sistema del verde urbano e quello delle aree protette di interesse regionale, permettendo la tutela di vaste aree a vocazione agricola, il recupero di aree urbane degradate, la conservazione della biodiversità, la creazione di corridoi ecologici e la valorizzazione del paesaggio tradizionale.

I PLIS rappresentano uno degli elementi di attuazione della RER che li include al suo interno, riconoscendone il valore come forma di tutela delle aree naturaliformi con posizione strategica. Non va dimenticato inoltre che all’interno dei Parchi Locali di Interesse Sovracomunale sono spesso presenti aree umide di importanza naturalistica, fiumi come l’Olona che costituiscono un corridoio ecologico da preservare e che i PLIS svolgono un ruolo di connessione ecologica importantissimo, spesso anche a livello interprovinciale (in Regione Lombardia sono presenti n. 87 PLIS interprovinciali). A conferma dell’importanza della continuità ecologica a cui i PLIS contribuiscono, il PTR (Piano Territoriale Regionale) individua la RER come una infrastruttura prioritaria per la Lombardia, conferendole una rilevanza inequivocabile e disponendone la prevalenza su ogni altra previsione difforme contenuta nei PGT, attraverso la legge regionale 12/2005.

I P.L.I.S. istituiti in Provincia di Varese e relativo Comune capofila

1. Parco I° Maggio (Malnate) – istituito 4 dicembre 1975 dalla Regione
2. Parco della Valle del Lanza (Malnate)
3. Parco Alto Milanese (Busto A.)
4. Parco del Lura (Saronno)
5. Parco del Fontanile di San Giacomo (Gerenzano) – istituito 10 novembre 2004 dalla Provincia
6. Parco del Bosco del Rugareto (Cislago)
7. Parco Medio-Olona (Fagnano Olona)
8. Parco Rile-Tenore-Olona (Castiglione)
9. Parco Golfo Quassa (Ranco)
10. Parco dei Mughetti
11. Parco delle Cinque Vette
12. Parco Cintura Verde Sud Varese
13. Parco della Bevera

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto – La BPM Sport Management parte col botto e affonda Torino

    Prima vittoria del 2017 per la BPM Sport Management. Con una prova molto convincente, il sette di Gu Baldineti batte 18-5 (3-1, 5-0, 5-2, 5-2) il Torino 81 e, complice il pareggio del CC Napoli a Savona (10-10), è terzo da solo con 25 punti. Nel primo tempo sblocca il match dopo circa cinquanta
  • La BPM Sport Management inizia il 2017 contro il Torino ‘81

    E’ ancora sotto gli occhi di tutti la grande serata di martedì che ha fatto di Busto Arsizio la capitale della Pallanuoto. Dopo la vittoria del Settebello del CT Campagna contro la Georgia, domani un altro grande match sarà di scena alle Piscine Manara. I Mastini di Gu Baldineti, infatti,
  • Pallanuoto – 7bello da urlo, Georgia annientata. Busto Arsizio fa festa – FOTO

    Sarà difficile da dimenticare per tutti gli appassionati di pallanuoto ma non solo, una serata che ha regala una miriade di emozioni dal primo all’ultimo istante. Alle piscine Manara di Busto Arsizio si è giocata ieri sera la sfida valida come terzo incontro di World League tra Italia e
  • Sport varesino: i risultati di calcio, volley, basket

    Un weekend all’insegna dello sport, come sempre, quello che ha tenuto banco in questo freddo scorcio di gennaio. Vediamo come si sono comportate le squadre della provincia di Varese. CALCIO SERIE D– Al primo impegno ufficiale post feste, nonché prima giornata di ritorno del campionato