Il Comune e gli esuli commemorano i martiri delle Foibe. FOTO

Cerimonia nei Giardini degli Esuli in via Pista Vecchia

10 febbraio 2016
Guarda anche: Varese Città
IMG-20160210-WA0008

Una cerimonia per tenere vivia nella coscienza soprattutto delle nuove generazioni la tragedia delle Foibe e dell’esodo delle popolazioni di Istria, Dalmazia e Venezia Giulia.

Si è svolta questa mattona alle 11, nel parco di via Pista Vecchia, dedicato appunto agli esuli, la cerimonia per il Giorno del Ricordo.

Presenti il sindaco Attilio Fontana, gli assessori Riccardo Santinon, Sergio Ghiringhelli e Giuseppe Montalbetti, il consigliere comunale Giacomo Cosentino e una delegazione delle associazioni degli esuli.

Come ogni anno, hanno partecipato anche numerosi studenti.

Leggi anche:

  • Le FOIBE: “E’ cambiato qualcosa?”

    “Ci si può chiedere se, nell’approccio dei media, della scuola, della cultura, della gente comune, nei confronti delle Foibe e dell’Esodo, sia negli ultimi anni cambiato qualcosa. Qualcosa, intendo, rispetto al muro di silenzio variegato di odio che per decenni ha circondato questi
  • Foibe, la commemorazione del Comitato spontaneo 10 Febbraio in un luogo simbolo per la Città

    Per anni il Comitato si è cimentato in cortei itineranti, per questa edizione si è deciso di concentrare la  sensibilità al ricordo e alla riflessione in un luogo simbolo per la Città: il giardino degli istriani, giuliani e dalmati. Appuntamento quindi sabato 10 febbraio ore 21 nel predetto
  • Samarate – Lotta studentesca Varese ancora impegnata nel ricordare i martiri della foibe

    Dopo aver precedentemente aderito al corteo svoltosi il 10 Febbraio a Varese, i militanti di Lotta Studentesca attraverso una serie di iniziative all’interno degli istituti scolastici hanno voluto ricordare una pagina di storia a lungo dimenticata: l’uccisione dei nostri compatrioti da
  • “Foibe e esodo, io non scordo!”

    Da quel fatidico giorno, per almeno i dieci anni successivi, furono 350mila le persone che abbandonarono le loro case e tutti i loro averi per tornare in Italia, un’Italia che dalle terre adriatiche se ne era andata, e per non chinare la testa di fronte all’arroganza del governo