I Gilet Gialli Di Auser. Gli Angeli Custodi Dei Bimbi Con Disabilità

“Torniamo a casa ogni giorno stanchi, ma felici”. Il sindaco di Gallarate “Sono insostituibili”

08 Luglio 2019
Guarda anche: Gallarate

Presentata la convenzione tra amministrazione e Auser per il servizio di trasposto dei bambini con disabilità.
Negli storici locali dei “Figli del lavoro” in via del Popolo, il sindaco Andrea Cassani e l’assessore ai Servizi sociali Stefania Cribioli, hanno affiancato il presidente di Auser, Renato Losio, che ha illustrato nel dettaglio il servizio, grazie al quale per undici mesi all’anno i volontari della Onlus si occupano di portare a scuola o nelle strutture di assistenza i piccoli utenti.

Presenti anche gli angeli custodi dei ragazzi, che offrono il loro apporto gratuitamente dalle 7.30 della mattina fino a sera. “Torniamo a casa ogni giorno stanchi, ma felici. Un sorriso di questi bambini o una loro mano testa per farsi aiutare, non ha prezzo. Ci ripaga con gli interessi del nostro impegno”.

CHI SONO I GILET GIALLI
“Le famiglie ci chiamano “quelli dei gilet gialli””, ha esordito Losio, per fare capire quale sia il rapporto che si è subito creato con i genitori e con i bambini. “Merito anche sei Servizi sociali del Comune, che non solo si sono occupati della formazione dei nostri volontari, ma che ci hanno soprattutto introdotto nel migliore dei modi nei diversi contesti famigliari”.

Di seguito l’elenco dei “gilet gialli”, gli angeli custodi dei piccoli disabili trasportati da Auser. Ci tengono a restare sempre un passo indietro, a non comparire, ma per una volta è invece giusto ricordare almeno il loro nome e il loro cognome. E aggiungere un “grazie” a caratteri cubitali.

Renato Viero; Claudia Bellora; Sergio Zoccarato Guia Baldazzi; Michele Di Leone; Maria Luisa Bordignon; Luigi Maffioli; Grazia Calabrese; Fabien Crippa; Antonio Caristo; Francesco Suma; Paola Galante; Stefano Sabato; Jonata Loria; Serafino Bonalcaza; Luciana Sini; Franco Caravà; Silvia Stramaccia; Davide Frattini; Teresa Todisco; Emilio Turri; Ombretta Vernocchi; Sandra Bollini; Federica Carrano

DA SETTEMBRE
Dopo la sperimentazione superata a pieni voti, anche grazie alla possibilità di potere utilizzare in comodato d’uso cinque mezzi attrezzati (“e di questo dobbiamo ringraziare le aziende del territorio che ci hanno sostenuto economicamente”), la convenzione partirà ufficialmente a settembre: venti i minori inseriti nel progetto e venti i volontari (tra autisti e accompagnatori) che garantiranno il trasporto. “Il nostro”, ha proseguito il presidente, “è qualificato come “servizio pubblico”: da una parte è un onore, ma dall’altra è un onere, perché il servizio pubblico non può mai essere interrotto. La nostra “macchina” deve di conseguenza funzionare alla perfezione e perciò abbiamo sempre una parte del personale reperibile in modo tale da potere risolvere qualsiasi tipo di emergenza”.

<REALTA’ INSOTITUIBILE>
Il sindaco Andrea Cassani, da parte sua, ha voluto ricordare l’ex assessore Paolo Bonicalzi (<il progetto è stato avviato da lui>) per poi sottolineare come non si debba “dare per scontata l’attività di assistenza svolta da anni da Auser”. “Una attività”, ha aggiunto, “di grande valore e importanza, che l’amministrazione ha deciso di “sfruttare”. Questa onlus sta diventando una realtà insostituibile per il Comune di Gallarate”.

Altro aspetto non trascurabile della convenzione, è quello economico: “Grazie al lavoro di questi straordinari volontari”, ha rimarcato, “siamo riusciti ad abbattere i costi a nostro carico: il servizio prestato da queste persone è perciò anche diventato un “guadagno” per la collettività”.

<VALORE AGGIUNTO PER LA VITA>
Per il neo assessore ai Servizi sociali, Stefania Cribioli, era la prima volta nella sede di Auser: “E’ davvero un piacere conoscere dal vivo queste persone. I volontari di Auser, ciò che fanno e soprattutto come lo fanno, rappresentano un grande valore aggiunto per tutta la città. Il mio più grosso ringraziamento va a loro, che mettono al servizio del prossimo il loro cuore”.

I NUMERI
Quella di oggi è stata anche l’occasione per il presidente Losio di fornire i numeri delle attività svolte in un anno. Eccone alcuni: con il servizio “Filo d’argento” sono state gestite 8.855 chiamate, per un totale di 15.652 ore; sono invece 8.872 i servizi effettuati.

La sede è inoltre il punto di riferimento per altri servizi e per molte attività ricreative (i due campi da bocce sono sempre sold out): non è un caso se in via Del Popolo siano state accolte in dodici mesi 21.177 persone.

 

Fonte: fb/gallaratepiu

Tag:

Leggi anche:

  • Ospedale Unico, la polemica del Comitato per il diritto alla salute nel Varesotto

    La Regione va avanti sull’ospedale unico. I sindaci di Gallarate e Busto Arsizio obbediscono in silenzio. Ma la contrarietà cresce ed è sempre più evidente. E il Comitato per il diritto alla salute del Varesotto intende darle voce. Per questo, in occasione della commissione consiliare di
  • Arrestato cittadino italiano per spaccio di sostanze stupefacenti

    Venerdì 4 ottobre gli investigatori del Commissariato di Gallarate, a seguito di un’attività di indagine accertavano un’attività di spaccio presso un appartamento di questo centro cittadino, pertanto si sono appostati nei pressi dell’abitazione di O.K.I., un noto pregiudicato per reati
  • “Progetto mi Difendo” torna a Gallarate

    JBS Mornago, sempre in prima linea nel combattere e arginare il problema  della violenza sulle donne, organizza a Gallarate  il giorno 6 Ottobre dalle 10 alle 12 e dalle 13 alle 16, presso la palestra delle scuole Maino, il  corso Gratuito di difesa personale  ” Progetto mi
  • Gallarate, a rischio il reparto di pediatria

    Dopo la chiusura dell’oncologia a Busto Arsizio, la pediatria a Gallarate ha riaperto. Risultato frutto anche, ne siamo certi, dell’ondata di indignazione che si abbattuta sul direttore generale a seguito della denuncia del Comitato per il diritto alla salute. Il DG ha proseguito però