Gestione transfrontaliera inerti, Vincenzi: “Un accordo che non porta benefici”

Critiche del Presidente della Provincia alla recente deliberazione regionale

23 settembre 2015
Guarda anche: Politica
Vincenzi

Il presidente della Provincia Gunnar Vincenzi interviene a gamba tesa sull’accordo transfrontaliero per la gestione degli inerti, commentato ieri con soddisfazione dal consigliere regionale Luca Marsico. Ecco il testo del comunicato di Villa Recalcati:

Il ruolo di presidente della Provincia e tutte le battaglie ambientaliste a tutela del territorio che anche da sindaco del Comune di Cantello ho sempre portato avanti mi obbligano a esprimere tutte le mie perplessità in merito all’accordo sulla gestione transfrontaliera dei materiali inerti, ieri approvato in Consiglio regionale.

Ribadisco che si tratta di un accordo che non mi piace sia per come è stato costruito, sia per i contenuti sostanziali. Da un lato il contenuto non è mai stato condiviso con chi vive e governa da vicino i territori interessati: cittadini, istituzioni locali, sindaci, comunità montane e associazioni non sono mai stati interpellati o coinvolti. Dall’altro, in relazione alle intese approvate continuo a non vedere alcun beneficio per il nostro territorio. Insomma sono convinto che si tratti di una decisione presa sopra tutte le nostre teste e calata dall’alto.

L’unica nota lieta la si può rintracciare nel fatto che nella risoluzione approvata unitamente al testo dell’intesa è stata accolta la possibilità per le Province di Varese e Como, che ne avevano fatto espressa richiesta, di far parte del Comitato di controllo. Uno zuccherino insufficiente a fronte di un progetto legislativo che risulta indigesto e incomprensibile.

Colgo poi l’occasione per ribadire l’attenzione della Provincia, della Comunità Montana e di tutti i comuni interessati alle opere connesse all’Arcisate Stabio e alla loro ricaduta ambientale. E sottolineo che la proposta avanzata dai Comuni di avere un unico frantoio sulle aree di cantiere, dove per altro ve ne era già in funzione uno, ha come finalità principale quella di liberare i centri abitati di Induno e Gaggiolo e tutelare quindi la salute dei cittadini dall’inquinamento acustico e dalla polveri che tale attività cantieristica si porta dietro.

Invito perciò tutti coloro che hanno a cuore la tutela dell’ambiente e del territorio a sostenere le iniziative concrete che abbiamo portato avanti in passato e a condividere quelle future.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti