Forza Italia, il varesino Giacomo Cosentino diventa dirigente nazionale dei giovani

Il consigliere comunale di Varese, vicino a Licia Ronzulli, e proveniente dalle file ex An, è stato nominato all’interno dei sei membri lombardi che faranno parte dell’organismo dirigenziale del movimento

09 Ottobre 2014
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Finuova

 

Anche Varese ai vertici di Forza Italia. Grazie ai giovani militanti.

Ieri pomeriggio, nella sede romana di Forza Italia in piazza San Lorenzo in Lucina, la deputata Annagrazia Calabria, Presidente nazionale dei giovani di Forza Italia, ha ufficializzato la nascita della Direzione Nazionale del movimento giovanile del partito, formata da amministratori locali, eletti nelle università, giovani imprenditori, studenti, tutti scelti “per merito e in rappresentanza di tutto il territorio del Paese” dichiara Calabria e avverte “non significa necessariamente essere migliori, ma deve sempre contare il merito. La rottamazione è sbagliata, anche la contrapposizione generazionale è sbagliata, bisogna tenere ferma la bussola del merito”.

Tra i nuovi dirigenti sono 6 quelli provenienti dalla Lombardia tra cui Giacomo Cosentino, Consigliere e Vice Capogruppo di Forza Italia in Comune a Varese, il quale dichiara: “ringrazio l’On. Annagrazia Calabria per la mia nomina a Dirigente nazionale dei giovani di Forza Italia, questa promozione è il riconoscimento di parecchio lavoro e molti sacrifici fatti quotidianamente – e da anni- sul territorio varesino e varesotto. Condivido totalmente e mi motivano le dichiarazioni di Andrea Volpi, membro dell’ufficio di presidenza e reduce dal suo grande successo elettorale romano – dove è stato il primo degli eletti di Forza Italia nel consiglio metropolitano di Roma Capitale – in cui afferma che i nuovi dirigenti nazionali possono senza dubbio essere considerati il cuore pulsante da cui Forza Italia deve ripartire per dare nuovo smalto al proprio operato.” Continua Cosentino “dobbiamo iniziare a lavorare a livello nazionale per riprendere quei contenuti, progetti, idee, battaglie di cui non si parla più da parecchio tempo. Non c’è più margine di errore, il popolo di centro destra non ce lo perdonerebbe. Da noi giovani deve partire la nuova azione politica di Forza Italia che si dovrà concentrare, in primis, sui problemi di coloro che non arrivano alla fine del mese, sul diritto alla casa, sulla sicurezza, sull’assistenza sociale e sulla difesa del territorio”. 

Conclude Cosentino “a breve andrò a Roma a presentare progetti ed idee concrete che è necessario portare avanti nei vari territori: per quanto riguarda la Lombardia, conoscendo la competenza e la serietà dei vertici regionali ed in particolar modo del Vice coordinatore vicario Alberto Villa, peraltro tra i primi degli eletti nel consiglio metropolitano di Milano, sono sicuro che faremo un ottimo lavoro”.

 

 

 

Tag:

Leggi anche:

  • Silvio Berlusconi negativo al test del coronavirus

    E’ risultato negativo il test effettuato negli ultimi giorni a Silvio Berlusconi che il 2 settembre scorso era stato trovato positivo al Covid-19. Già il 29 settembre scorso Adriano Galliani, in occasione di una partita del Monza, aveva riferito di un primo tampone negativo, notizia poi non
  • Oltre 500.000 mila euro per cultura e giovani

    Ripartire dai giovani e dalla cultura: Fondazione Comunitaria del Varesotto dà una spinta al territorio della provincia di Varese promuovendo due nuovi bandi – grazie alle risorse messe a disposizione da Fondazione Cariplo – bando Arte&Cultura2020 e
  • Oltre 5000 euro raccolti da Forza Italia a Varese a favore dei medici

    Si è conclusa domenica 3 maggio, ultimo giorno del lockdown, la raccolta fondi promossa dal coordinamento provinciale di Forza Italia Varese destinata all’acquisto di dispositivi di protezione individuale (DPI) da destinare ai medici di assistenza primaria della provincia. “Vogliamo
  • Lega Giovani Varese: I Làghee Scendono In Piazza Contro Il Nutriscore

    Nella giornata di domenica, in piazza Garibaldi ad Angera, la Lega Giovani Làghee è scesa in piazza per protestare contro il nuovo tipo di etichettatura che l’UE vuole imporre all’Italia e al Made in Italy. La protesta dei giovani, usando una formula ormai abitudinaria per il gruppo