Fondazione Molina, Cosentino (Forza Italia): «Non c’è confronto interno. E “piovono” veti dall’alto»

Il centrodestra è sempre più spaccato sulle nomine per il nuovo cda della Casa di riposo. Duro attacco del consigliere comunale di Liberi per Varese nei confronti dei suoi vertici. Mentre il Pd chiede al sindaco di prorogare l’attuale cda fino alle elezioni dell’anno prossimo

11 Febbraio 2015
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Da sinistra Giacomo Cosentino e il sindaco Attilio Fontana

Il centrodestra “va a pezzi” sulla Fondazione Molina. E lo scontro non riguarda solo quello sul presidente, tra Lega e Liberi per Varese (Forza Italia più Udc), ma è anche interno agli azzurri, sull’indicazione dei due nomi da inserire nel consiglio d’amministrazione.

Lunedì sera si è svolta una riunione cittadina, dove si è ribadita la candidatura di Christian Campiotti come presidente. E dove sono stati indicati, tramite votazione, i due nomi per il cda in quota Liberi per Varese: Leandro Ungaro ed Edoardo Paganini. Ma a contestare la scelta è il consigliere comunale azzurro Giacomo Cosentino.

«Non ho potuto partecipare alla riunione per motivi di lavoro – spiega Cosentino – ma all’ordine del giorno non c’era la discussione sul Molina. È stata inserita all’ultimo momento, come mi hanno riferito i partecipanti, telefonandomi in diretta. Un metodo, quello di inserire all’ultimo una votazione, inaccettabile. Non solo perché manca di rispetto nei confronti di chi ogni giorno lavora sul territorio per il partito, ma anche perché, come ho più volte detto pubblicamente, la partita era già stata decisa ad altri livelli, senza una vera condivisione. Basti pensare che dal livello provinciale è stato posto un veto su uno dei candidati, l’avvocato Eugenio Piccolo».
Quest’ultimo è in quota Orizzonte Ideale, l’associazione cui Cosentino fa riferimento. «Un veto che è stato posto senza motivarlo».

E il Pd torna ad attaccare il sindaco Attilio Fontana sul rinvio delle nomine.

«Il bando di gara per il rinnovo del cda della Fondazione Molina, dopo essere stato prorogato, è ormai chiuso da un mese e mezzo – scrivono il segretario cittadino Luca Paris e il capogruppo Fabrizio Mirabelli – come è noto sono pervenute 19 candidature. Avevamo chiesto, pubblicamente, al sindaco Fontana  di procedere alla scelta dei membri del cda in maniera trasparente, privilegiando le competenze e le professionalità che tra questi nomi non mancano e coinvolgendo il consiglio comunale».

«Siamo dispiaciuti dal fatto di non avere ricevuto alcuna risposta da parte del sindaco ed ancora di più che questo imbarazzante empasse sembra essere causato, principalmente, dagli equilibri interni alla maggioranza di centrodestra  e dalle pressioni delle segreterie politiche dei partiti che sostengono tale maggioranza, sempre più distante dai problemi reali dei cittadini e sempre più agonizzante – continuano – chiediamo pertanto al sindaco di liberarsi dal ruolo puramente notarile cui l’hanno confinato Lega, Forza Italia e Udc e di assumere, in piena autonomia e come gli consente la legge, la decisione, per esempio prorogando il cda attuale, che ha certamente i necessari requisiti di competenza e di professionalità, fino alle prossime elezioni.
Sarà il prossimo sindaco, ai sensi del vigente regolamento comunale per le nomine e dopo le elezioni amministrative del 2016, a dover confermare questa scelta che, evidentemente, è l’unica sensata da poter operare in questo momento, stanti i veti incrociati posti dai partiti della maggioranza all’attuale primo cittadino».

Tag:

Leggi anche:

  • Fontana mostra il robot processa tamponi H24

    “Questo e’ uno dei robot che in Lombardia processa tamponi h24. Siamo al Parco Tecnologico Padano, polo di ricerca e genetica, eccellenza lombarda”. A mostrarlo e’ il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana dalla sua pagina Facebook, oggi in visita al Parco
  • Indagine test sierologici, Guardia di Finanza a casa di Fontana

    I militari della Guardia di Finanza di Pavia si sono presentati nell’abitazione del presidente della Lombardia, Attilio Fontana, per effettuare copia forense del cellulare del governatore. Il blitz, scattato in mattinata, è stato disposto dalla Procura di Pavia che indaga sull’accordo
  • Mascherine, uso obbligatorio anche a Luglio

    Mascherine obbligatorie fino al 14 luglio in tutti i comuni del territorio lombardo. Arriva oggi l’ufficialità della notizia, già chiacchierata da diversi giorni: le mascherine rimangono obbligatorie anche all’aperto fino al 14 luglio. La nota diffusa dal presidente di Regione
  • Il Presidente Fontana incontra il Ministro Boccia “Non vanifichiamo quanto fatto finora”

    “Utile e positivo”. Così il ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia, e il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, commentano l’incontro avvenuto martedì 26 maggio a Palazzo Lombardia. “Ci siamo confrontati in termini di carattere generale, sulla situazione