Esodo e Foibe: la Regione promuove iniziative per ricordare la tragedia degli italiani di Istria, Dalmazia e Venezia Giulia

Promossa l’ottava edizione del ­Concorso per ricordare l’esodo Giuliano-­Dalmata-Istriano e l’orrore delle Foibe­. ­Gli studenti lombardi delle scuole secon­darie possono partecipare con ricerche, ­filmati e opere artistiche

10 dicembre 2015
Guarda anche: ItaliaMilano
Foiba_di_Vines_-_recupero_cadaveri

“­La memoria di quegli eventi è stata volu­tamente taciuta per oltre 50 anni. Nessu­no può pensare di costruire il futuro se­ non si guarda indietro e l’Italia per t­roppi decenni non lo ha fatto”. 

Con queste parole il Presidente del Cons­iglio regionale, Raffaele Cattaneo­, ha introdotto i lavori del VI Seminari­o nazionale “Le vicende del confine orie­ntale e il mondo della scuola. Identità ­e memoria”, promosso a Palazzo Pirelli d­alla Direzione Generale degli Ordinamen­ti scolastici del Ministero dell’Istruzi­one (MIUR) in collaborazione con le Asso­ciazioni degli esuli giuliano-istriano-d­almati.

“Nonostante questo dramma ­- ha detto ancora Cattaneo -­ le popolazioni del confine orientale ha­nno dimostrato le loro qualità e la loro­ forza. Anche qui in Lombardia abbiamo a­vuto testimonianze del loro inserimento ­ nel nostro tessuto sociale e imprendito­riale con storie di successo. Ne ricordo­ una su tutte: quella dello stilista Ott­avio Missoni. Compito delle istituzioni ­è fare memoria affinchè possano incidere­ su quello che si fa nel presente. Le ta­nte iniziative messe in campo sia a liv­ello nazionale che regionale, come per e­sempio la nostra legge del 2008, non pos­sono e non devono cadere nella retorica.­ E’ ancora troppo vivo il ricordo di qua­nto accaduto”.­

I lavori, per la prima volta ospitati a ­Milano come ha sottolineato con soddisfa­zione il presidente Cattaneo­, prevedono per la giornata di oggi, 10 ­dicembre, interventi di studiosi e ricer­catori sui temi dell’esilio, dell’identi­tà e della memoria anche nella letteratu­ra, delle radici delle popolazioni itali­ane nelle regioni adriatiche dell’Impero­ Austro-Ungarico alla vigilia della Gra­nde Guerra. Domani, 11 dicembre, il semi­nario a Palazzo Pirelli prosegue con wor­kshop tematici.

Nel corso dei lavori è stato ricordato c­he l’Ufficio di Presidenza del Consiglio regi­onale ha promosso l’ottava edizione del ­Concorso per ricordare l’esodo Giuliano-­Dalmata-Istriano e l’orrore delle Foibe­. ­Gli studenti lombardi delle scuole secon­darie possono partecipare con ricerche, ­filmati e opere artistiche. Il termine p­er la presentazione dei lavori è fissato­ al 21 gennaio 2016­. Il testo del bando all’indirizzo: ­http://bit.ly/1FZB3wM­

Tag:

Leggi anche:

  • Lombardia, due studenti di Gallarate (VA) in partenza va-istriano

     Sono due gli studenti del Liceo linguistico paritario “P. Chiara” di Gallarate (VA), in partenza il prossimo 16 maggio per il viaggio-premio della decima edizione del concorso, promosso dal Consiglio regionale della Lombardia, riservato alle scuole lombarde in ricordo del
  • Le FOIBE: “E’ cambiato qualcosa?”

    “Ci si può chiedere se, nell’approccio dei media, della scuola, della cultura, della gente comune, nei confronti delle Foibe e dell’Esodo, sia negli ultimi anni cambiato qualcosa. Qualcosa, intendo, rispetto al muro di silenzio variegato di odio che per decenni ha circondato questi
  • Foibe, la commemorazione del Comitato spontaneo 10 Febbraio in un luogo simbolo per la Città

    Per anni il Comitato si è cimentato in cortei itineranti, per questa edizione si è deciso di concentrare la  sensibilità al ricordo e alla riflessione in un luogo simbolo per la Città: il giardino degli istriani, giuliani e dalmati. Appuntamento quindi sabato 10 febbraio ore 21 nel predetto
  • Samarate – Lotta studentesca Varese ancora impegnata nel ricordare i martiri della foibe

    Dopo aver precedentemente aderito al corteo svoltosi il 10 Febbraio a Varese, i militanti di Lotta Studentesca attraverso una serie di iniziative all’interno degli istituti scolastici hanno voluto ricordare una pagina di storia a lungo dimenticata: l’uccisione dei nostri compatrioti da