Escalation di furti a Varese, appello al Prefetto: “Servono più agenti”

Due quartieri di Varese nel mirino dei ladri. L'ex assessore Stefano Clerici chiede di potenziare l'organico di Polizia di Stato

25 marzo 2015
Guarda anche: AperturaVarese Città
Furti

Un’escalation di furti in appartamento. Una vera e propria emergenza, quella che viene segnalata dai residenti di Biumo Superiore e viale Europa. 

I fatti che hanno scatenato la paura dei cittadini sono avvenuti soprattutto durante la scorsa settimana. E consistono in una serie di furti in appartamento che avrebbero colpito una struttura residenziale in via Cadolini, nella parte di Biumo Superiore vicina a viale Valganna, e alcuni condomini in viale Europa.

In via Cadolini sono tre i casi di furto. O meglio due, perché il terzo sarebbe solo un tentativo di furto, visto che la padrona di casa ha sorpreso i malviventi poco dopo che questi ultimi, due ragazzi di origine straniera, avevano rotto il vetro di una finestra della casa ed erano penetrati nell’appartamento.

La donna, che si trovava già nell’abitazione e la cui presenza, evidentemente, non era stata notata dai due dall’esterno, ha avuto una reazione coraggiosa. Anziché urlare, avrebbe esclamato: “Ma cosa siete venuti a fare, a rubare nella casa dei poveretti?”.

I due sono andati via subito e la signora ha avvertito i Carabinieri. E mentre si trovava al Comando per sporgere denuncia le è stato anche chiesto di identificare due persone che erano appena state fermate, a Masnago, da una pattuglia, mentre sarebbero stati intenti ad entrare in un appartamento del quartiere.

In viale Europa la stessa situazione, secindo quanto denunciano i residenti, che hanno lanciato l’allarme sulla presenza di due donne nomadi, sembrerebbe di origine rom dalle testimonianze, che sono state viste aggirarsi nel quartiere (anche se non è data la certezza di un collegamento tra le due donne e i furti).

A farsi portavoce della protesta dei cittadini, che chiedono maggiore sicurezza, è l’ex assessore Stefano Clerici, esponente di Forza Italia e dell’associazione di destra Orizzonte Ideale. Che sta portando avanti una campagna di ascolto nei rioni.
“La nostra città è sempre stata molto tranquilla – spiega Clerici – ma negli ultimi tempi è percepibile una presenza “massiccia” di nomadi in giro per la città. Ed un aumento notevole dell’insicurezza generale nelle vie cittadine. Si registra l’insofferenza dei cittadini, che non sono più disposti a tollerare questa situazione. Non intendo creare allarmismi, ma fare presente che occorre dare una risposta. La Polizia di Stato, a quanto mi risulta, ha subito numerosi tagli sul personale negli ultimi tempi. Il mio è un appello al prefetto Giorgio Zanzi, affinché faccia il possibile per ottenere più unità e mezzi per le Forze dell’Ordine in città”.

Tag:

Leggi anche:

  • Busto Arsizio, due marocchini in manette per spaccio

    A seguito della recrudescenza del fenomeno del traffico di sostanze stupefacenti, sono stati intensificati i controlli e le attività di vigilanza su tutta la rete autostradale di competenza della Sezione Polizia Stradale di Varese. Nel corso di un servizio di vigilanza stradale effettuato
  • Folle corsa in contromano in autostrada

    Percorreva l’autostrada A2 in Svizzera, nel tratto dopo Chiasso, in contromano causando panico e pericolo tra gli altri automobilisti. Fortunatamente non vi sono state gravi conseguenze, eccetto l’urto contro il guardrail centrale da parte del giovane. La corsa del 24enne residente in provincia
  • Tutela del consumatore e salute pubblica, maggiori controlli

      Nell’ambito dell’ordinaria attività della Polizia Locale c’è anche la costante attenzione nei confronti del consumatore: gli aspetti legati al controllo, alla prevenzione e all’eventuale repressione di comportamenti potenzialmente pericolosi per la salute pubblica sono
  • Gallarate, presunta automobilista distratta fermata in centro: era ricercata in tutta Europa

    Gli agenti della polizia locale di Gallarate l’hanno fermata in via Carlo Noè per sanzionarla perché si trovava alla guida di un’auto non revisionata. Ma dopo i controlli incrociati, quella che si era presentata ai loro occhi come una automobilista “distratta” ha assunto i connotati di