Ecco chi è il bambino delle barrette Kinder

Inglese, 21 anni, ha fatto da modello per la Ferrero dieci anni fa

08 gennaio 2016
Guarda anche: Mondo
bateson

Un’ardita ricerca sui social media ha permesso ad alcuni utenti di scovare l’identità del celeberrimo “bambino della Kinder”, il viso stampato su ogni confezione delle barrette prodotte dalle Ferrero e consumate da milioni di utenti in tutto il mondo.

Si tratta di Josh Bateson, 21 anni, da Londra dove studia Relazioni Internazionali, come riporta corriere.it: nel 2005, quando aveva 11 anni, sostituì il tedesco Günter Euringer che per oltre trent’anni aveva rappresentato il volto delle barrette Kinder.
Sopra vediamo Josh nella versione attuale: qui sotto, invece, la confezione che lo ha reso celebre al mondo.

barrettekinder1

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta