Due auto in fiamme a Valle Olona. Indagano i Carabinieri

Nella notte tra sabato e domenica ben tre roghi, a due vetture e a un negozio, sono avvenuti in città

24 agosto 2015
Guarda anche: Varese Città
Carabinierinuova

Due auto in fiamme in piena notte. E’ quanto è avvenuto alle 2.30 circa tra sabato e domenica, nel quartiere di Valle Olona. 

Le vetture, di proprietà di due amici, rispettivamente una Fiat 500 e una Honda, che si trovavano in piazza don Gabbani, hanno preso fuoco. Gli inquirenti avrebbero escluso che si tratti di un fatto accidentale. L’indagine è quindi aperta. Nella stessa notte, poco dopo mezzanotte, ha preso fuoco invece un negozio in via Vittorio Veneto, nel centro di Varese.

Tag:

Leggi anche:

  • Gavirate, appello dei genitori “Vogliamo giustizia”

    Una vicenda che continue a sollevare non poche polemiche quella dei maltrattamenti ai bambini, ospiti dell’asilo privato di Gavirate. Una donna è stata arrestata, un’altra denunciata e sugli altri membri dello staff si sono aperte le indagini per stabilire eventuali coinvolgimenti. Il dolore e
  • Busto Arsizio, scuola sotto sequestro

    Porte chiuse agli studenti fino (almeno) al 1° maggio, in seguito al provvedimento diramato ieri della procura di Busto Arsizio. Sul crollo parziale del soffitto si sono aperte le indagini per verificare la situazione dello stabile e capire i motivi di quanto accaduto, determinando se e come
  • Taser, via libera all’uso in sei città italiane

    Il Taser torna nelle tasche delle guardie del corpo, nonostante la decisione presa anni fa dell’ONU che ne vietava l’uso perchè considerato uno strumento di tortura. La nuova sperimentazione per il momento riguarda solo alcune città italiane, sono sei i centri dove il taser (pistola che usa
  • Indagine Trenord, perquisiti gli uffici amministrativi

    Mentre si cercano testimoni che quella mattina erano presenti al disastro, e possano fornire informazioni utili allo svolgersi delle indagini in corso, il magistrato ha dato il via libera per effettuare delle perquisizioni nelle uffici amministrativi della sede Trenord di Milano e in quella di Roma