Denunciato pakistano: faceva il parcheggiatore abusivo a Varese

La Polizia Locale ha fermato un richiedente asilo, che si faceva consegnare i ticket dei parcheggi non scaduti e li rivendeva ad altri automobilisti

17 dicembre 2015
Guarda anche: Varese
polizia locale

Ormai non basta più controllare che chi parcheggia negli spazi a pagamento abbia regolarmente pagato al parcometro, esponendo poi il bigliettino in modo visibile sul cruscotto. Ovviamente, occorre anche controllare che il biglietto esposto sia relativo al giorno in cui l’auto è parcheggiata e il tempo autorizzato non sia scaduto.

Sì, perché c’è sempre chi confida nella assenza o nella superficialità dei controlli, pensando di farla franca, magari esponendo il bigliettino di un parcometro staccato qualche giorno prima e già utilizzato. E’ lo stesso fenomeno – incredibile a dirsi ma verificato più volte – di chi si appropria della multa lasciata sotto il parabrezza di un auto in divieto di sosta, per parcheggiare a sua volta in divieto, infilando la stessa multa sotto la propria auto, pensando di poterla fare franca.
Da qualche tempo, in alcune città, si è verificata la presenza di persone che, approfittando della buona fede degli automobilisti che stanno lasciando il parcheggio, si fanno lasciare il tagliando del parcometro e, se questo non è ancora scaduto, lo rivendono a nuovi arrivati, ovviamente a prezzo inferiore. In questo modo, con lo stesso biglietto, più persone e più veicoli possono parcheggiare, sfruttando i minuti rimasti inutilizzati dal primo acquirente, che è anche l’unico che ha regolarmente pagato la sosta al parcometro.

“Se si trattasse di un atto di gentilezza di chi, prevedendo di sostare a lungo, si ritrova a dover lasciare anzitempo il parcheggio già pagato, decidendo di lasciare il proprio ticket ad un nuovo arrivato, non saremmo nel pieno della liceità ma si potrebbe anche tollerare” spiegano dal Comando di Polizia Locale.

“Ciò che è intollerabile – spiega l’assessore alla Polizia Locale, Carlo Piatti – è che ci sia chi voglia lucrare su questo, magari estorcendo in modo non sempre ortodossi il ticket a chi sta lasciando il parcheggio. Questo non è tollerabile ed è per questo che la Polizia Locale di Varese è intervenuto prontamente per stroncare il tutto sul nascere.
L’assessore spiega che la Polizia Locale del capoluogo è subito intervenuta su segnalazione del direttore generale di AVT, fermando un cittadino pakistano di anni 28, che assieme ad altro soggetto, per ora sfuggito alla Polizia Locale, tentava di rivendere i tagliandi già utilizzati nell’area a pagamento di Piazzale Kennedy.
Il cittadino Pakistano, in Italia in qualità di richiedente asilo, è stato fermato attorno alle 14,30 di mercoledì pomeriggio e gli è stata contestata violazione al codice della strada per esercizio abusivo dell’attività di parcheggiatore, con sanzione di € 771; lo stesso soggetto sarà indagato per tentata truffa ai danni della società pubblica di gestione dei parcheggi.

Tag:

Leggi anche:

  • Sport varesino: i risultati di calcio, volley, basket

    Si è concluso un altro weekend sportivo, anzi per l’esattezza si chiuderà questa sera alle ore 20.30 con il posticipo di basket dell’Openjobmetis che in casa con Pistoia si gioca una partita delicatissima in virtù dell’obiettivo salvezza. Per il resto turni di campionati poco
  • Pallanuoto: vittoria convincente della BPM Sport Management contro la Roma Vis Nova

    Tre punti per dimenticare la delusione europea. La BPM Sport Management, nel turno infrasettimanale di Campionato (16ª giornata), giocato ieri pomeriggio, batte nella Piscina del Foro Italico la Roma Vis Nova per 20-9 (6-3, 3-2, 4-3, 7-1) e centra la sesta vittoria consecutiva. I Mastini
  • Volley – La UYBA vola ai quarti, ma che fatica!

    La UYBA torna da Minsk con la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Cev in tasca. Il ko per 3-2 (25-22, 22-25, 25-21, 24-26, 15-10) rimediato nella gara di ritorno degli ottavi in casa del Minchanka Minsk, infatti, consente alle farfalle di strappare il pass per il turno successivo in virtù
  • BCC Cup, il basket con il cuore raccoglie 10.000 euro per la fondazione Il Ponte del Sorriso

    Il primo trofeo BCC Cup è andato alla solidarietà. La grande partecipazione di pubblico sugli spalti del PalaBorsani e l’agonismo messo in campo dalla Pallacanestro Openjobmetis Varese e dal Legnano Basket Knights hanno fatto vincere il grande cuore del basket e di tutti gli appassionati della