Controllore aggredito, Fratelli d’Italia-Varese Cresce: “Corsi di difesa personale per gli addetti”

Diverse proposte avanzate da Fedi e Cosentino

27 febbraio 2016
Guarda anche: Varese
Cosentino

«Ormai queste aggressioni sono quotidiane, io e i miei colleghi non ne possiamo più di lavorare in queste condizioni, è sempre peggio, o chiudi gli occhi e lasci che si viaggi nell’illegalità o se dai una multa il rischio è automatico»

Quanto dichiarato alla Prealpina da un controllore di un autobus di Autolinee Varesine aggredito giovedì in viale Milano a Varese pone sotto i riflettori una situazione intollerabile sotto tutti i punti di vista che deve essere obbligatoriamente affrontata e  risolta.

A tal fine Fratelli d’Italia AN- Varese Cresce proporrà una serie di punti da inserire nel programma della coalizione che sostiene Paolo Orrigoni che affrontino in maniera chirurgica il problema.

Innanzitutto l’istituzione del Vigile di quartiere che preveda il pattugliamento di n. 2 agenti a piedi: ciò consente di mantenere un rapporto diretto coi cittadini e coi commercianti risolvendo le criticità e le urgenze in tempi stretti o, addirittura, prevenendoli, oltre ad aumentare la percezione di sicurezza.

Inoltre gli agenti saranno presenti sui mezzi del trasporto pubblico locale aumentando la sicurezza sugli stessi.

Reclamiamo con forza poi che nel prossimo bando di affidamento del servizio del trasporto pubblico locale sia obbligatorio per i gestori l’installazione di almeno una telecamera su ogni mezzo.

Il bando sarà aperto proprio quest’anno da parte del nuovo gestore del trasporto pubblico della zona Varese-Como-Lecco, pertanto bisogna assolutamente approfittarne. Tutto ciò servirà a proteggere passeggeri, autisti e controllori oltre a riconoscere chi non paga il biglietto.

Si potrebbe anche gestire i passeggeri come avviene per i trasporti extraurbani, ovvero chiedendo l’esibizione all’autista del biglietto al momento della salita sul pullman.

Nel contempo invitiamo l’amministrazione attuale a convocare al più presto una Commissione sulla Sicurezza, portando al tavolo i gestori del servizio e sinergicamente ricercare delle soluzioni per limitare questi rischi, chiedendo nel contempo la collaborazione della Polizia Stradale.

Infine riteniamo non più procrastinabile da parte del Comune l’ istituzione di corsi gratuiti di difesa personale per gli addetti in servizio e se la legge lo consente, munirli di Laser o spray al peperoncino.

Proposte concrete per migliorare la vivibilità e la percezione della sicurezza a Varese insomma, come avviene in tante altre città europee.

Fabio Fedi

Giacomo Cosentino

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti