“Come reagire al terrorismo”. I Giovani Padani lanciano la battaglia con Roberto Maroni

Un incontro per capire come muoversi dopo gli attentati

29 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
0001

Martedì 29/03 alle 21.00 i Giovani Padani di Varese terranno un’incontro con l’ex-Ministro dell’Interno e Presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni dal titolo “Come reagire al terrorismo”.
L’evento che si terrà nella storica Sede della Lega Lombarda di Piazza del Podestà 1, sulla pagina facebook “Giovani Padani del Varesotto” viene presentato come una serata con l’intendo di riflettere sugli attacchi islamisti che insanguinano il mondo e con la missione di analizzare quali strumenti di rezione abbiamo noi, come comunità e nel singolo.
Quest’evento come tutti gli altri eventi culturali, svolti e che si svolgeranno, organizzati dalla sezione locale dell’MGP sono aperti a tutta la cittadinanze e specialmente ai giovani varesini.

Tag:

Leggi anche:

  • IUS SOLI, Angei (Giovani Padani): “I Ragazzi Del Pd Sono Fuori Dalla Realtà”

    “La legge sullo Ius soli è come il Cavallo di Troia. E fa veramente tristezza vedere alcuni, ma per fortuna non molti, miei coetanei scendere in piazza e darsi da fare per un provvedimento strumentale come questo”. Con queste parole Stefano Angei, Coordinatore cittadino dei Giovani Padani
  • Giovani per Salvini Premier a Varese

    Ha riscosso grande successo la prima serata del tour “Giovani per Salvini Premier”, promosso dal Movimento Giovani Padani del Varesotto, che si è svolta ieri sera, giovedì 18 gennaio, nella sezione leghista di Angera. Il format “Giovani per Salvini Premier”, come spiega il Coordinatore
  • Flash Mob Autonomista!

    Organizzato dai Giovani Padani del Varesotto, nella giornata di sabato 7 ottobre è in programma preso il Comune di Varese in Via Sacco 5 un Flash mob per dire si all’autonomia della Lombardia, in vista del prossimo referendum che si terrà il 22 ottobre. Tutte le info sul Referendum del
  • Orizzonte Ideale e Giovani Padani insieme per Defend Europe

    Dopo le recenti inchieste giudiziarie che hanno coinvolto le organizzazioni non governative nel traffico di migliaia di persone provenienti dall’Africa e dall’Asia, e vista l’immobilismo del nostro governo che non fa nulla per bloccare questa moderna “tratta degli