Chupa Chups Party: una serata al Salotto per celebrare il più famoso lecca lecca al mondo

Nato in Spagna alla fine degli anni Cinquanta, oggi è il dolce più celebre al mondo. E merita una festa in suo onore

13 novembre 2015
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
Chupa Chups

Una serata all’insegna del Chupa Chups. E’ questo il tema della prossima festa del Salotto di viale Belforte, che si svolgerà sabato 14 novembre a partire dalle 22.

Il locale di Vito Lionetti, grazie all’affiatato team di “volontari artistici” composto da Sergio Minelli, Roberto Capellaro e Lara Aldizio, offre sempre eventi originali e non scontati. Come il “Chupa Chups Party”.

E se i più maliziosi staranno già pensando male, li sfidiamo a dirci chi è l’autore del logo dell’azienda che produce il lecca lecca e che ne porta lo stesso nome. Basta una piccola ricerca su internet, un pizzico di curiosità che vada oltre la banalità quotidiana, e si scopre che il logo per il prodotto dell’azienda spagnola fu disegnato niente meno che dal grandissimo pittore surrealista Salvador Dalí.

Festeggiare il Chupa Chups è quindi un tributo ad una grande storia imprenditoriale e non solo.

La nascita del Chupa Chups, il cui nome deriva dal verbo spagnolo chupar, ovvero succhiare, si deve a una ricerca fatta da Bernat negli anni Cinquanta, sul fatto che i dolci all’epoca non venivano fabbricati pensando ai bambini, che scartando le caramelle si sporcavano le mani, rendendole tutte appiccicose. Quindi, creò il celebre lecca lecca sorretto da un bastoncino di legno, in seguito sostituito da quello di plastica.

Bernat capì che all’epoca i dolci non venivano fabbricati pensando ai bambini, che nello scartare le caramelle rendevano le loro mani appiccicose; allora gli venne l’idea di realizzare invece delle caramelle sorrette da un bastoncino di legno (in seguito sostituito da quelli in plastica, data la scarsità di legname in Spagna). Inoltre, sempre per migliorare le vendite, istruì i rivenditori a posizionare i lecca lecca vicino alla cassa anziché dietro al bancone, cosicché potessero essere più facilmente a portata di mano dei bambini. Una volta costruiti i macchinari di fabbricazione, Bernat scelse di vendere i lecca lecca al prezzo di una peseta ciascuno.

Nel 2003, alla morte di Bernat, Chupa Chups vendeva 4 miliardi di lecca lecca all’anno in 150 nazioni, aveva 2000 dipendenti, fatturava per 500 milioni di euro ed il 90% delle vendite provenivano al di fuori della Spagna.

Nel luglio del 2006 l’intera azienda fu acquistata dal gruppo Perfetti Van Melle.

Il 26 settembre 2008 la Chupa Chups ha festeggiato a Barcellona, con un grande concerto trasmesso su Mtv, i 50 anni della sua fondazione.

Il logo della Chupa Chups fu creato dal pittore surrealista Salvador Dalì. Quando fu lanciato per la prima volta, era accompagnato dallo slogan “És rodó i dura molt, Chupa Chups” che, tradotto dal catalano, significa “È rotondo e dura molto, Chupa Chups”.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare