Cava della Rasa, il sindaco Fontana smentisce la possibile ripresa degli scavi

L’amministrazione sottolinea come i lavori al secondo lotto del ponte della Rasa non siano collegati alla possibile riapertura della Motta Rossa. L’incontro di Legambiente e Lipu sulle cave, previsto questa sera, è saltato

17 Aprile 2014
Guarda anche: AperturaVarese Città
S6303848

Il piano cave, sospeso pro tempore dalla Provincia, ha ripreso la marcia verso l’entrata in vigore. Quindi, a Varese si torna a parlare della Italinerti nella valle della Bevera (la cava esattamente insiste sul territorio comunale di Cantello) e la Motta Rossa alla Rasa.

Per informare la cittadinanza stasera, giovedì 17 aprile, era in programma un incontro pubblico in salone Estense a cura di Legambiente e Lipu. Il programma prevedeva interventi di inquadramento della tematica, approfondimenti sullo specifico ed esemplare caso della cava della Rasa da parte del geologo Alessandro Uggeri, assessore del Comune di Brinzio, e riflessioni con conseguente discussone sul ruolo degli enti locali tra difesa del territorio, partecipazione dei cittadini e pianificazione regionale. L’incontro però è stato rimandato “a data da destinarsi”.

Nel frattempo il Comune di Varese ha smentito categoricamente l’esistenza di qualunque connessione tra il consolidamento del vecchio ponte della Rasa, finanziato dalla Provincia e deliberato dalla giunta comunale due settimane fa tra le opere urgenti, e la possibile partenza di nuove escavazioni alla cava sulla Martica. Ipotesi che il sindaco di Varese Attilio Fontana non esita a definire “folle”.

Il vecchio manufatto che collega Fogliaro alla provinciale della Rasa è piuttosto mal ridotto. Non è in grado di reggere volumi consistenti di traffico e passaggi frequenti di mezzi pesanti, come autobus di linea o camion, per questo ormai da due anni è stato dismesso e sostituito da un nuovo ponte che lo affianca senza oscurarne la visuale. Il suo recupero in ogni caso era previsto (e finanziato) fin dalla costruzione del ponte nuovo, dunque il Comune ha soltanto dato seguito all’impegno preso.

Il resto, per il sindaco, è “pura fantasia”. Il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Carlo Baroni del resto aveva già dato chiarimenti alla commissione consiliare una settimana fa. “I lavori sul vecchio ponte non partono per la riapertura della cava così come si è detto – dice Baroni – erano già preventivati e abbiamo dato il via libera all’esecuzione perché il manufatto ha bisogno di una manutenzione solida”.

Ma cosa succederà nelle cave di recupero varesine?
Entrambe le proprietà hanno richiesto la ripresa dell’escavazione. È in fase avanzata della procedura la Italinerti, nonostante le due procedure di ricorso ancora aperte, mentre tra i contrari all’escavazione all’ex cava Soffiantini, si è risvegliato lo spettro dell’eliminazione della cima della Martica. Il progetto della proprietà, La Rasa s.r.l di cui è socio il comune di Brinzio, è contenuto nel piano cave e prevede di portare via 2,5 milioni di metri cubi di materiale.

“Il piano cave non era mai stato sottoposto a Valutazione Ambientale Strategica – spiega Massimo Soldarini della Lipu – per questo si era aperta una procedura di infrazione della Comunità Europea. Adesso è iniziata la procedura di Vas ma non si capisce bene in che termini viene posta la questione. Se è una revisione del piano cave può avere un senso, ma se si tratta di una Vas postuma per giustificare il piano cave con un procedimento anomalo e giuridicamente contestabile siamo contrari”.

Di sicuro c’è la necessità di ingenti quantitativi di materiale per le grandi opere in corso di esecuzione in provincia e fuori, come la Pedemontana e il collegamento ferroviario Arcisate-Stabio. Nonostante le importanti difficoltà economiche che in entrambi i casi hanno portato a ritardi e a diversi blocchi dei cantieri si tratta di processi per i quali la disponibilità di materiale deve essere programmata con largo anticipo.

Francesca Manfredi

Tag:

Leggi anche:

  • Il nuovo piantone arriverrà il 21 novembre

    In via Veratti arriverà il nuovo piantone, un meraviglioso Ginkgo Biloba di 12 metri di altezza e circa 25 anni di età. La piantumazione è prevista per il 21 novembre. L’intervento di preparazione della sede dove verrà piantato il nuovo albero dureranno circa una settimana. Intanto, fino
  • In consiglio si accende il dibattito sulle “quote rosa” dei parcheggi

    Una discussione molto intensa e prolungata si è tenuta nella giornata di mercoledì 7 ottobre durante la seduta del consiglio comunale, e che si è conclusa con la sostanziale bocciatura della proposta, cosi come esposta dal consigliere comunale della lista Orrigoni, Luca Boldetti: l’estensione
  • Via Magenta. Al via i lavori di restauro del ponte pedonale

    Cento anni, questa è l’età del ponte pedonale che collega la via Magenta a via Nino Bixio. Per festeggiare il centenario dell’opera all’ingresso della città, l’amministrazione darà il via ai lavori di restauro a partire dai primi giorni della prossima settimana. L’intervento si
  • Smantellato Spazio Giovani di via Como, Lega in rivolta: “Sindaco lavora col favore delle tenebre”

    La ditta incaricata del trasloco è già al lavoro, mentre ancora attende risposta l’interrogazione con cui il consigliere della Lega Marco Pinti chiede al Sindaco di riaprire lo Spazio Giovani di via Como, da dieci anni punto di riferimento delle politiche giovanili della città, nonché