Castronno: tutto pronto per il motoraduno dedicato a De Molli

Domenica 22 maggio l'evento dei ducatisti nella frazione di Sant'Alessandro

18 maggio 2016
Guarda anche: Varese Città
Motoraduno Ducati

Una pacifica invasione, protagoniste centinaia di moto rombanti, animerà domenica 22 maggio il piccolo e quieto borgo di Sant’Alessandro, in Comune di Castronno, con ritrovo alle 9 sulla piazza cavalier De Molli, davanti alla chiesa del borgo. Un luogo facilmente raggiungibile, a circa 500 metri dall’uscita Autolaghi A8 di Castronno.

Va in scena il “Motoraduno Cavalier De Molli” promosso dal Doc (Desmo Owners Club) “Insubria” e dall’associazione “Sant’Alessandro in piazza onlus”, e
intitolato all’imprenditore fondatore dell’omonima industria che fu anche sindaco di Castronno per dieci anni dal 1964. Saranno presenti moltissimi appassionati con le loro fiammanti Ducati (“ducatisti” sono i componenti del club organizzatore) ma il raduno è aperto anche a moto di tutte le altre marche, provenienti da città italiane e straniere. Dopo il ritrovo e le iscrizioni alla manifestazione è previsto un giro panoramico e turistico tra le Prealpi varesine, un lungo corteo di moto percorrerà le strade più suggestive del territorio con una spettacolare meta finale.

Al termine tutti di nuovo a Sant’Alessandro per un momento di ristoro (con formula di aperitivo o pranzo) presso il Circolo del paese dove sono previsti
intrattenimenti tra cui una gara di rombo preceduta da una spettacolare esibizione di Trial Freestyle, con l’accompagnamento musicale della banda “0-18” onlus di Oggiona Santo Stefano, composta da nove giovani sotto i 18 anni. Al termine, estrazione delle lotteria e premiazione delle varie categorie (“rider” partecipante
più giovane, più anziano, proveniente da più lontano, club più numeroso, scarico più rumoroso…). Apposite segnalazioni guideranno partecipanti fino al raduno, che ha il patrocinio del Comune di Castronno ed è giunto alla terza edizione dopo le due svoltesi con successo nel 2014 e nel 2015. Ulteriori informazioni si possono ottenere alla e-mail info@doc-insubria.eu.

Il Doc Insubria, guidato dal presidente Luigi Battistella, nasce dall’aggregazione di motociclisti che hanno anzitutto la grande passione per le “Rosse di Borgo
Panigale”. La scelta del nome deriva dall’affiliazione ai club Ducati ma anche dal fatto di annoverare soci provenienti dalla regione insubrica, area che comprende le province di Como, Varese, Verbano-Cusio-Ossola, e la vicina Svizzera. Denominatore comune la passione per le moto Ducati unita all’amore per i viaggi con le rombanti due ruote. Importante resta anche l’interesse per attività formative e culturali con interventi di formazione e di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale realizzati tra l’altro in alcune scuole della provincia.

Tag:

Leggi anche:

  • Draghi Valle Olona: a settembre una nuova avventura per il Minibasket

    Partirà a Settembre una nuova avventura per il Minibasket grazie alla collaborazione tra Polisportiva Sportpiu, Scuola Basket Castellanza e A.S.D. Draghi Gorlazy di Gorla Maggiore: la Scuola Minibasket Draghi Valle Olona, il primo centro sovraterritoriale della zona! Il Progetto concretizza
  • Riqualificazione del campo da rugby di Giubiano, accordo firmato

    Questa mattina a Roma è stata firmata la convenzione tra il Coni e i 32 Enti locali che hanno presentato, e sono stati selezionati, nell’ambito del bando “Fondo Sport e Periferie”, dedicato alla riqualificazione degli impianti sportivi italiani. Tra i comuni presenti a Roma c’era anche
  • Un percorso mondiale per la 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine

    La 2° edizione della Gran Fondo Tre Valli Varesine, in programma a Varese sabato 30 settembre (crono) e domenica 1° ottobre (gran e medio fondo) sarà una gara da non perdere. Entrata da quest’anno nel circuito UCI GRAN FONDO WORLD SERIES la Gran Fondo Tre Valli Varesine 2017 sarà una prova
  • Sanità: illustrato il modello di inclusione dell’Associazione Special Olympics

    Promuovere sempre di più lo sport come mezzo di inclusione sociale per i disabili intellettivi anche gravi e valutare anche la possibilità di individuare un riferimento regionale per la formazione di allenatori e istruttori dello sport unificato (l’attività motoria e sportiva fatta