Cassano Magnago: pakistana segregata in casa

Quattro anni di vera e propria schiavitù domestica per una donna

23 febbraio 2016
Guarda anche: Gallarate
Violenza

Violenza

Da Cassano Magnago giunge una storia davvero triste e, per certi versi, inquietante di violenza domestica perpetuata nel tempo.

Una giovane pakistana sarebbe infatti stata indotta alla schiavitù domestica per oltre quattro anni, sino alla denuncia avvenuta nel 2015: continuamente vittima di violenze e vessazioni da parte di tutti i membri della famiglia (marito, suocera, cognati), la donna non poteva avere alcun tipo di contatti col mondo esterno. Inoltre, al termine della sua prima gravidanza le fu impedito di vedere il neonato in ospedale, poi morto dopo pochi mesi: come se non bastasse, persino l’alimentazione era sotto il controllo dei suoi familiari.  L’intera famiglia è stata arrestata dai Carabinieri con diverse ipotesi di reato.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti