Armi da guerra in casa. Arrestato un cittadino italiano in provincia di Varese

L'uomo, 53 anni, è stato condotto, dopo l'idenfiticazione in Questura, nel Carcere dei Miogni

26 giugno 2015
Guarda anche: AperturaVarese
Poliziafoto

Aveva armi da guerra, detenute illegalmente, nella propria abitazione. Nascoste nella lavatrice. 

Nell’ambito della costante osservazione di soggetti frequentanti ambienti d’interesse, personale della Digos ha concluso un’attività che ha permesso il rinvenimento di un quantitativo ingente di armi e munizioni da guerra detenute illegalmente da un cittadino pluripregiudicato.

L’uomo, un cittadino di origini calabresi di anni 53 residente nell’alto varesotto, con numerosi precedenti di polizia per falso, evasione e stupefacenti, era monitorato in quanto già indagato dallo stesso Ufficio per attestazioni false a favore di cittadini stranieri in fase di regolarizzazione.

L’attività si è conclusa con una perquisizione effettuata all’interno della propria abitazione e delle pertinenze dove, dopo un’accurata ricerca, è stato notato un elettrodomestico parzialmente riadattato. Gli operanti hanno approfondito la ricerca e forzando il coperchio superiore della lavatrice sono apparsi un fucile Kalasnikov 7,62 x 39 mm con un caricatore completo di 25 cartucce, un fucile a pompa cal. 12 con varie munizioni tra cui 21 cartucce cal. 7,62 x 39, 2 cartucce cal. 12 palla elicoidale, 9 cartucce cal. 12 e 1 confezione da 20 cartucce cal. 7,62 x 39 mm.

L’uomo è stato arrestato e accompagnato in Questura per il fotosegnalamento e condotto successivamente presso la locale Casa circondariale.

Armi sequestrate

Tag:

Leggi anche: