All’insubria Medicina È Sempre Più Appealing

Aumentano del 24% le iscrizioni al test di medicina, in controtendenza rispetto al dato nazionale

01 Agosto 2019
Guarda anche: Scuola e Istruzione

Raggiunto il traguardo della chiusura delle iscrizioni al test di Medicina e chirurgia, l’Insubria registra un deciso incremento degli iscritti: +24% con 656 iscritti rispetto ai 529 del 2017. Dato in controtendenza con il dato nazionale, che vede un aumento del 3% (da 66907 nel 2017 a 68694 nel 2019).

Il risultato è particolarmente significativo, se si pensa che all’ateneo quest’anno sono stati assegnati venti posti in meno per la contrazione temporanea del numero di docenti. Si tratta di una riduzione sensibile, che si spera comunque possa essere compensata, considerato soprattutto l’aumento delle richieste da parte delle aspiranti matricole.

Il Presidente del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia, Marco Ferrario, commenta così la crescita in controtendenza: «Negli ultimi anni abbiamo cercato di migliorare l’offerta formativa, di promuovere le skill pratiche come i tirocini e di monitorare i dati della performance della didattica. Questo ha determinato un aumento del numero dei laureati nei tempi previsti e del voto medio di laurea. Quest’anno abbiamo avuto un incremento del 25% delle richieste di Erasmus da parte di studenti di Medicina e chirurgia che hanno deciso di trascorrere un periodo di studio all’estero, in perfetta linea con la vocazione internazionale del nostro Ateneo. C’è ancora parecchio da fare; come docenti e studenti di Medicina ne siamo coscienti. Ma un dato è certo: siamo sulla buona strada».

Giulio Carcano, Presidente della Scuola di Medicina, sottolinea il lavoro fatto per aumentare gli ospedali convenzionati dove gli studenti possono svolgere i tirocini: «In aggiunta alla ASST Sette Laghi Polo Universitario originario, è stato realizzato il secondo Polo Universitario di Uninsubria, alla ASST Lariana. E proprio in questi giorni abbiamo siglato la prima convenzione con ASST Valle Olona per iniziare dal prossimo anno accademico i tirocini del III e IV anno. Incrementi si stanno registrando anche per le iscrizioni ai test di ammissione alle lauree sanitarie triennali.»

Esprime soddisfazione anche il Magnifico Rettore, Angelo Tagliabue: «Ci sono chiare indicazioni che l’attrattività del nostro Ateneo sta progressivamente aumentando. Un buon segnale in previsione della visita degli esperti valutatori del Ministero dopo la pausa estiva.»

Tag:

Leggi anche:

  • Lune di carta e di celluloide all’Insubria

    Continua all’Università dell’Insubria la settima edizione di «Scienza & Fantascienza», ciclo di seminari per gli studenti di Scienze della Comunicazione ma anche per il pubblico esterno, dedicato quest’anno al tema «Cosa resta della Luna» e organizzato come sempre da
  • La Scuola di Milano in mostra alla Biblioteca Braidense per il progetto Giovani Pensatori dell’Insubria

    Preziosi documenti della Scuola di Milano, custoditi al Centro internazionale Carlo Cattaneo e Giulio Preti dell’Università dell’Insubria, sono esposti nella Sala Teresiana della Biblioteca Braidense di Milano, città che negli anni Trenta ha assistito alla nascita del cenacolo
  • Otto nuovi docenti in cattedra all’Insubria

    Otto nuovi docenti sono in arrivo a novembre alla Scuola di Medicina dell’Università dell’Insubria: l’ateneo investe, grazie all’aumento delle risorse a disposizione per acquisire personale. Diventano professori associati: Luca Cabrini per Anestesia e
  • All’Insubria nasce il Cerm

     All’Università dell’Insubria nasce il Cerm, Centro di ricerca sulle minoranze, il primo in Italia, che ha lo scopo di promuovere ricerche interdisciplinari di sociologia e sociolinguistica delle popolazioni minoritarie nel contesto italiano e europeo, coinvolgendo linguisti,