Aggressioni sui treni, protesta a Varese: “Vogliamo più controlli. E l’Esercito”. FOTO

Tornelli per l'ingresso ai binari e più risorse per le Forze dell'Ordine. E l'esercito in città. Orizzonte Ideale, Lega Nord e Seniores di Forza Italia manifestato in Stazione Nord contro l'insicurezza

16 giugno 2015
Guarda anche: AperturaVarese Città
FB_IMG_1434467528047

 

“Basta aggressioni. Vogliamo più controlli”. 

Il presidio organizzato dal consigliere comunale di Forza Italia Giacomo Cosentino in Stazione Nord, iniziato alle 17.30 di oggi, martedì 16 giugno, ha visto l’adesione di numerosi attivisti dell’area di centrodestra. Ufficialmente hanno appoggiato la manifestazione l’associazione di destra Orizzonte Ideale, presente con una nutrita schiera, la Lega Nord e i Seniores di Forza Italia.

Presenti anche tre esponenti di giunta, l’assessore alla Sicurezza Carlo Piatti, l’assessore al Commercio Sergio Ghiringhelli e l’assessore ai Lavori pubblici Riccardo Santinon. E anche il consigliere comunale di Movimento Libero Alessio Nicoletti.

“Siamo qui per dire basta agli sbarchi e all’immigrazione selvaggia – ha detto Piatti – bisogna anche mettere la parole fine ai continui tagli alla sicurezza. Le Forze dell’Ordine devono essere messe in grado, con risorse e mezzi, di fare il proprio dovere”.

E’ stata espressa solidarietà, oltre che al capotreno e la macchinista aggrediti settimana scorsa a Milano, alla capotreno insultata e aggredita verbalmente ieri sulla tratta Gallarate-Varese da un gruppo di donne rom.

Secondo Piatti “il problema principale rimane la certezza della pena. Finché chi commette reati viene rimesso in libertà poco dopo, non risolveremo questi reati e non renderemo più sicure le nostre strade”.

Cosentino, che ha guidato la manifestazione, ha ribadito i motivi della protesta: “Vogliamo dimostrare che non ci arrendiamo di fronte all’aumento della violenza e intendiamo combattere per rendere più sicure le nostre città”.

Quindi sono stati distribuiti volantini con le richieste che intendono portare avanti:

1) portare a Varese l’operazione “strade sicure” prevedendo il pattugliamento dell’esercito non solo nelle zone sensibili della Città ma anche sui treni negli orari più a rischio e, come dice Maroni, “pronti a sparare”;
2) come già proposto dall’ex assessore Stefano Clerici, l’installazione alle stazioni di tornelli imponenti che impediscano l’accesso a coloro che sono senza biglietto ed anche l’incremento di telecamere di sorveglianza, che devono essere installate anche sui treni come già viene fatto a Milano, ad esempio, sui mezzi pubblici ATM (bus, metropolitana);
3) aumento del personale addetto alla vigilanza, e con le attrezzature necessarie per affrontare situazioni di pericolo, a bordo delle carrozze dei treni negli orari più a rischio dato che la Polizia, ad oggi, non ha risorse sufficienti.

Leggi anche:

  • Il giovane portiere azzurro Gianmarco Nicosia è un giocatore della Pallanuoto BPM Sport Management

    L’ex tesserato della Roma Vis Nova arriva alla corte del Presidente Sergio Tosi a conferma dell’opera di ringiovanimento della squadra e di un progetto tecnico rivolto al presente e che guarda con ambizioni al futuro. Da domenica Gianmarco Nicosia sarà dunque a Busto Arsizio per fare la
  • Eolo Campo dei Fiori Trail, sabato 23 settembre a Gavirate

    L’evento organizzato dalla 100% Animatrail  è in programma per tutta la giornata di sabato 23 settembre. Con il sostegno di Varese Sport Commission e Atletica Gavirate, a tutti i partecipanti verrà offerta la possibilità di scegliere tra una delle cinque gare proposte, tre agonistiche, una
  • Giro del Lago di Varese, domenica 24 settembre

    Domenica 24 settembre, con il patrocinio del Comune di Varese, Africa&Sport, Sestero Onlus e Veloclub Sommese, la Gam Whirlpool e Polha Varese hanno organizzato un doppio appuntamento sportivo: Il giro del lago di Varese e Tre ruote intorno al lavoro. Un doppio appuntamento sportivo, una gara
  • Tra borghi e vigneti sulla Via dei Terrazzamenti

    La Via dei Terrazzamenti è un percorso suggestivo che si sviluppa per 70 chilometri da Morbegno a Tirano attraverso borghi, boschi e vigne che si trovano sul versante retico della Valtellina. Durante la nostra gita ne percorreremo un tratto tra i più caratteristici di circa 15 chilometri da