Aggressioni sui treni, protesta a Varese: “Vogliamo più controlli. E l’Esercito”. FOTO

Tornelli per l'ingresso ai binari e più risorse per le Forze dell'Ordine. E l'esercito in città. Orizzonte Ideale, Lega Nord e Seniores di Forza Italia manifestato in Stazione Nord contro l'insicurezza

16 giugno 2015
Guarda anche: AperturaVarese Città
FB_IMG_1434467528047

 

“Basta aggressioni. Vogliamo più controlli”. 

Il presidio organizzato dal consigliere comunale di Forza Italia Giacomo Cosentino in Stazione Nord, iniziato alle 17.30 di oggi, martedì 16 giugno, ha visto l’adesione di numerosi attivisti dell’area di centrodestra. Ufficialmente hanno appoggiato la manifestazione l’associazione di destra Orizzonte Ideale, presente con una nutrita schiera, la Lega Nord e i Seniores di Forza Italia.

Presenti anche tre esponenti di giunta, l’assessore alla Sicurezza Carlo Piatti, l’assessore al Commercio Sergio Ghiringhelli e l’assessore ai Lavori pubblici Riccardo Santinon. E anche il consigliere comunale di Movimento Libero Alessio Nicoletti.

“Siamo qui per dire basta agli sbarchi e all’immigrazione selvaggia – ha detto Piatti – bisogna anche mettere la parole fine ai continui tagli alla sicurezza. Le Forze dell’Ordine devono essere messe in grado, con risorse e mezzi, di fare il proprio dovere”.

E’ stata espressa solidarietà, oltre che al capotreno e la macchinista aggrediti settimana scorsa a Milano, alla capotreno insultata e aggredita verbalmente ieri sulla tratta Gallarate-Varese da un gruppo di donne rom.

Secondo Piatti “il problema principale rimane la certezza della pena. Finché chi commette reati viene rimesso in libertà poco dopo, non risolveremo questi reati e non renderemo più sicure le nostre strade”.

Cosentino, che ha guidato la manifestazione, ha ribadito i motivi della protesta: “Vogliamo dimostrare che non ci arrendiamo di fronte all’aumento della violenza e intendiamo combattere per rendere più sicure le nostre città”.

Quindi sono stati distribuiti volantini con le richieste che intendono portare avanti:

1) portare a Varese l’operazione “strade sicure” prevedendo il pattugliamento dell’esercito non solo nelle zone sensibili della Città ma anche sui treni negli orari più a rischio e, come dice Maroni, “pronti a sparare”;
2) come già proposto dall’ex assessore Stefano Clerici, l’installazione alle stazioni di tornelli imponenti che impediscano l’accesso a coloro che sono senza biglietto ed anche l’incremento di telecamere di sorveglianza, che devono essere installate anche sui treni come già viene fatto a Milano, ad esempio, sui mezzi pubblici ATM (bus, metropolitana);
3) aumento del personale addetto alla vigilanza, e con le attrezzature necessarie per affrontare situazioni di pericolo, a bordo delle carrozze dei treni negli orari più a rischio dato che la Polizia, ad oggi, non ha risorse sufficienti.

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio