A Varese la “prima” europea dell’asportazione senza cicatrici della tiroide

L'intervento del chirurgo Gianlorenzo Dionigi è il primo del suo genere nel Vecchio Continente

06 luglio 2016
Guarda anche: SaluteVarese Città
Ospedale

E’ stata eseguita a Varese la prima asportazione della tiroide senza cicatrici chirurgiche. L’intervento è stato eseguito dal Professor Gianlorenzo Dionigi, Direttore della S.C. Chirurgia Generale 1, ASST dei Sette Laghi, Università degli Studi dell’Insubria.

«L’asportazione della ghiandola tiroidea, senza cicatrici, avviene mediante un piccola incisione di un centimetro, “nascosta” nel cavo orale. Il vantaggio principale di questa tecnica chirurgica è l’eccellente risultato estetico con l’eliminazione completa di cicatrici chirurgiche nel collo o in altre sedi visibili. Un ulteriore evidente vantaggio è l’assenza di complicanze della ferita chirurgica stessa quali soprattutto il cheloide, l’ipertrofia della cicatrice, i sieromi ed ematomi. I pazienti inoltre si mobilizzano dal letto precocemente, si alimentano e parlano il pomeriggio stesso dell’intervento» commenta il professor Gianlorenzo Dionigi.

E’ il primo intervento chirurgico del genere in Europa. Sette procedure simili sono state eseguite ad oggi negli Stati Uniti, 70 in Asia tra Corea del Sud, Tailandia e Cina.

La tecnica chirurgica senza cicatrici è stata proposta e validata da un gruppo di studio internazionale (Transoral Thyroidectomy Study Group) composto dai massimi esperti della chirurgia endocrina quali lo stesso Prof. Gianlorenzo Dionigi, il Prof. Jeremy Richmond (John Hopkins, Baltimora, Stati Uniti), i Professori Robert Uldesman e Tobias Carling (Yale University, New Haven, USA), Professore Hoon Yub Kim (Korea University, Seoul) e Angkoon Anuwong della Siam University di Bangkok.

La nuova tecnica chirurgica senza incisioni è strettamente dipendente dall’esperienza del Chirurgo e dalle nuove tecnologie e moderni strumenti chirurgici dedicati quali il monitoraggio dei nervi laringei (NIM 4.0), dissettori a radiofrequenza (Thunderbit) e strumenti endoscopici.

I criteri di selezione per questo tipo di intervento sono i noduli tiroidei con diametro non superiore ai 5 cm., il volume della ghiandola tiroidea non superiore ai 45ml., la diagnosi preoperatoria di patologia benigna della tiroide o di un piccolo tumore, l’assenza di indicatori biochimici ed ecografici di tiroidite, non segni clinici ed ecografici di linfadenopatia cervicale.

«L’intervento chirurgico si è reso possibile grazie al significativo supporto dell’ASST dei Sette Laghi, la Cattedra di Endocrinologia del Prof. Luigi Bartalena per la perfetta preparazione del Paziente, Dr. Salvatore Cuffari ed il Dr. Alessandro Bacuzzi per i delicati aspetti anestesiologici, il Prof. Luigi Boni, Direttore del Centro di Ricerche in Chirurgia Mininvasiva e tutto il Personale Infermieristico del Blocco Operatorio per la preziosa collaborazione intraoperatoria. Questo è certamente un importante riconoscimento europeo ed internazionale per la ASST dei Sette Laghi e l’Università degli Studi dell’Insubria in particolare» ha concluso il chirurgo.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio