Varese2.0, il comitato dei “ribelli”, si presenta ai cittadini. “Basta decisioni nelle stanze del potere”

Il comitato si propone di dare voce alle persone. Partita la raccolta firme contro il parcheggio alla Prima Cappella. Non mancheranno altre battaglie

04 Aprile 2014
Guarda anche: AperturaVarese Città
Varese2.0

“Siamo ribelli, perché siamo stanchi di vedere che tutte le decisioni vengono prese nelle stanze del potere. Il nostro obiettivo è dare voce ai cittadini, raccogliere proposte e portarle avanti, facendoci ascoltare da chi amministra”.

La serata di presentazione del comitato Varese2.0, giovedì sera alla Galleria Ghiggini di via Albuzzi, è stata un successo. Almeno un’ottantina i partecipanti (65 sedie andate tutte occupate, almeno una decina di persone in piedi), che, dopo la presentazione del comitato da parte dei fondatori, hanno preso la parola. L’argomento principale, ovviamente, la battaglia contro il parcheggio della Prima Cappella. Presenti anche gli abitanti del quartiere, che hanno esposto la preoccupazione per i danni ambientali che si potrebbero verificare.

Pubblicoriunione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sul parcheggio è partita una raccolta firme, che andrà avanti nelle prossime settimane. È possibile scaricare i moduli dalla pagina Facebook del comitato, Vareseduepuntozero, e portarli compilati alla Galleria Ghiggini, che farà da punto di raccolta per i cittadini.

Dietro al tavolo dei relatori, i fondatori del comitato: Daniele Zanzi, Alessandro Ceccoli, Laura Caruso, Roberto Gervasini, Francesco Migliorini e Alessandro Maria Vinci.

“Il nostro obiettivo è fare rete – spiega Laura Caruso – mettere insieme i cittadini che vogliono una città migliore. Il comune denominatore che lega le persone che si sono ritrovate, che vengono anche da esperienze politiche diverse, è proprio l’attenzione all’ambiente e alla tutela del territorio”.

“Sono stanco di vedere come puntualmente ogni manifestazione democratica viene tacciata da chi invece dovrebbe ascoltare i cittadini – dice Daniele Zanzi – l’esempio più chiaro è quando i cittadini si opposero alla realizzazione del parcheggio di Villa Augusta. Nonostante la raccolta firme, non ci ascoltarono”.

Presente l’architetto Ovidio Cazzola, Dino Azzalin, e tra il pubblico anche i consiglieri comunali della lista civica Varese&Luisa Luciano Ronca e del Pd Fabrizio Mirabelli, il segretario Idv Alessandro Milani e il responsabile di Legambiente Dino De Simone.

 

Parcheggioquestione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il comitato non esaurirà la sua funzione solo con la battaglia sul parcheggio della Prima Cappella. Porterà avanti la sua azione anche su altre questioni, come è stato deciso durante la riunione. Ogni cittadino potrà proporre una battaglia. L’obiettivo infatti è tutelare Varese.

Tag:

Leggi anche:

  • Il nuovo piantone arriverrà il 21 novembre

    In via Veratti arriverà il nuovo piantone, un meraviglioso Ginkgo Biloba di 12 metri di altezza e circa 25 anni di età. La piantumazione è prevista per il 21 novembre. L’intervento di preparazione della sede dove verrà piantato il nuovo albero dureranno circa una settimana. Intanto, fino
  • In consiglio si accende il dibattito sulle “quote rosa” dei parcheggi

    Una discussione molto intensa e prolungata si è tenuta nella giornata di mercoledì 7 ottobre durante la seduta del consiglio comunale, e che si è conclusa con la sostanziale bocciatura della proposta, cosi come esposta dal consigliere comunale della lista Orrigoni, Luca Boldetti: l’estensione
  • Via Magenta. Al via i lavori di restauro del ponte pedonale

    Cento anni, questa è l’età del ponte pedonale che collega la via Magenta a via Nino Bixio. Per festeggiare il centenario dell’opera all’ingresso della città, l’amministrazione darà il via ai lavori di restauro a partire dai primi giorni della prossima settimana. L’intervento si
  • Foibe ed esodo giuliano dalmata: storia e memoria del 10 febbraio

    Anche quest’anno è stato pubblicato il Bando di concorso regionale per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della Lombardia: “Il sacrificio degli italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia: mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i