Sicurezza, salgono gli incidenti nel Varesotto

L’appello di Comune e Areu “Ripartenza con ordine per non mettere di nuovo sotto pressione la rete dei soccorsi”

14 Maggio 2020
Guarda anche: CronacaVarese provincia

Quasi millequattrocento interventi del soccorso medico nel Varesotto in una settimana, buona parte dei quali nell’ultimo weekend. In tre giorni si sono infatti registrate oltre 600 uscite sulle complessive 1375. Numeri da “fase 2”, dopo settimane in cui, a causa del lockdown, il ricorso al 112 era notevolmente diminuito. Statistiche che spingono però le autorità comunali e i responsabili dell’Azienda Regionale Emergenza Urgenza varesina a un appello alla cittadinanza.

«Occorre ripartire con calma – afferma Guido Garzena, direttore del 112 varesino – e occorre farlo per la salute di tutti. Il sistema sanitario è stato ovviamente messo a dura prova dall’emergenza coronavirus e, in alcuni aspetti, è stato anche modificato dalla pandemia. Basti pensare che ora un’ambulanza, prima di uscire, deve prendere tutti gli adeguati accorgimenti. La rete ospedaliera si è adattata alla nuova realtà, ma ogni passaggio è ora a suo modo più difficile. Nella scorsa settimana abbiamo gestito 250 codici rossi e oltre 700 gialli, con incrementi notevoli nel weekend. La voglia di uscire e di ripartire è normale, ma l’appello che facciamo è al buonsenso: evitiamo gli eccessi, scegliamo attività e percorsi commisurandoli al nostro stato di salute».

«Come Amministrazione – le parole del sindaco Davide Galimberti – non possiamo che condividere quanto esposto dalle autorità sanitarie. In città i numeri che abbiamo raccolto in queste settimane sono stati incoraggianti, esattamente come quelli della prima settimana della “fase 2”. Per superare questa emergenza, però, abbiamo bisogno dell’apporto di tutti. Anche nelle piccole cose. Più volte ci siamo trovati a descrivere medici e infermieri come i nostri eroi moderni, impegnati sul fronte di una guerra mai vista. Ora siamo chiamati a stare nuovamente al loro fianco, comportandoci in modo responsabile».

Tag:

Leggi anche:

  • Lamorgese: Fase 2, rimaniamo vigili e responsabili, non siamo fuori dall’emergenza Covid-19

    «Proteggerci e proteggere gli altri dal contagio». È l’appello al senso di responsabilità dei cittadini che il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese lancia oggi dalle pagine del quotidiano La Stampa, nel giorno della “ripartenza”, la cosiddetta Fase 2, il momento
  • Domenica di controlli per emergenza Covid-19

    Domenica 19 aprile sono state controllate 197.750 persone e 68.252 tra esercizi commerciali e attività. Le Forze di polizia proseguono nei servizi di controllo per il rispetto delle misure imposte dall’emergenza sanitaria Covid-19. Sono state contestate 8.641 sanzioni amministrative e
  • Chiusura attività produttive non essenziali o strategiche

    Non abbiamo alternative, in questo momento dobbiamo tutelare noi stessi e le persone che amiamo. Per questo il Governo ha deciso di compiere un altro passo: chiudere sull’intero territorio nazionale ogni attività produttiva che non sia strettamente necessaria, cruciale, indispensabile a
  • Mercati cittadini sospesi come da decreto

    “Sulla base del decreto della Presidenza del Consiglio per il contenimento del covid-19, e delle Faq presenti sul sito del Governo, abbiamo disposto la sospensione del mercato di piazzale Kennedy, quello di piazza Giovine Italia, quello del Coldiretti in piazza De Gasperi, e in generale di