Stop alla defiscalizzazione, Pedemontana incerta fino a mercoledì

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni parteciperà mercoledì all’incontro del Cipe con il ministro Maurizio Lupi per arrivare allo sblocco dell’opera

26 Aprile 2014
Guarda anche: Varese Città
Maroni

Cinque tratti in attesa di defiscalizzazione e ancora nessuna certezza sul finanziamento della Pedemontana. La questione sembrava già chiusa nel migliore dei modi, e invece bisognerà aspettare almeno fino a mercoledì.

Lo ha annunciato ieri mattina il governatore della Lombardia Roberto Maroni, a margine delle celebrazioni del 25 Aprile. “Ho parlato con il ministro Lupi – ha dichiarato Maroni – e il Cipe è programmato mercoledì prossimo. Noi come Regione dovremo portare un accordo aggiuntivo. Stiamo negoziando in questi giorni i contenuti con il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti e soprattutto con il ministero dell’Economia e delle finanze. Speriamo bene”.

La soluzione precedentemente concordata in effetti doveva già essere approvata il 19 aprile, ma è stato rinviato tutto. “C’erano richieste assurde da parte del ministero dell’Economia – spiega Maroni – dicevano che avrebbero concesso la defiscalizzazione, ma in modo assolutamente inutile cioè solo una volta completata tutta l’opera”.

Per rendere l’idea, la Pedemontana è formata dalle due tangenziali e da cinque tratte: la A, che collega l’Autolaghi all’A9 Milano-Como-Chiasso e che sarà inaugurata a brevissimo, la B1 che collega l’A9 alla Lomazzo-Bizzarone, poi la B2, la C e infine la D che andrà fino a Dalmine e che sarà l’ultima ad essere realizzata, nelle previsioni tra il 2017 e il 2020.

Ora, che la defiscalizzazione venga concessa nel 2020 è inaccettabile per la prosecuzione dei lavori. “Come dire arrivederci e grazie” commenta Maroni. “Nella scorsa riunione abbiamo contestato la loro posizione e abbiamo deciso di rinviare il Cipe per trovare un accordo. Abbiamo bisogno i soldi subito altrimenti non serve. La defiscalizzazione deve riguardare tutta l’opera però deve essere erogata per le singole tratte e non alla fine di tutto. Deve essere un rimborso di soldi anticipati, se non funziona così è come non averli”.

Francesca Manfredi

Tag:

Leggi anche:

  • Il nuovo piantone arriverrà il 21 novembre

    In via Veratti arriverà il nuovo piantone, un meraviglioso Ginkgo Biloba di 12 metri di altezza e circa 25 anni di età. La piantumazione è prevista per il 21 novembre. L’intervento di preparazione della sede dove verrà piantato il nuovo albero dureranno circa una settimana. Intanto, fino
  • In consiglio si accende il dibattito sulle “quote rosa” dei parcheggi

    Una discussione molto intensa e prolungata si è tenuta nella giornata di mercoledì 7 ottobre durante la seduta del consiglio comunale, e che si è conclusa con la sostanziale bocciatura della proposta, cosi come esposta dal consigliere comunale della lista Orrigoni, Luca Boldetti: l’estensione
  • Via Magenta. Al via i lavori di restauro del ponte pedonale

    Cento anni, questa è l’età del ponte pedonale che collega la via Magenta a via Nino Bixio. Per festeggiare il centenario dell’opera all’ingresso della città, l’amministrazione darà il via ai lavori di restauro a partire dai primi giorni della prossima settimana. L’intervento si
  • Foibe ed esodo giuliano dalmata: storia e memoria del 10 febbraio

    Anche quest’anno è stato pubblicato il Bando di concorso regionale per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della Lombardia: “Il sacrificio degli italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia: mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i