Scandalo nel Calcio, sette arresti. Tra le partite “comprate” ci sarebbe anche “Varese-Catania”

Secondo l’accusa, i dirigente del Catania avrebbero ”comprato” le partite per evitare la retrocessione

23 Giugno 2015
Guarda anche: ItaliaSportVarese Città
calcio

La Polizia ha eseguito sette ordinanze di custodia cautelare nei confronti di dirigenti del Catania che avrebbero comprato alcune partite del campionato di calcio Serie B appena concluso, per consentire alla squadra di vincere ed evitare così la retrocessione. I dirigenti arrestati sono accusati, a vario titolo, di frode in competizioni sportive e truffa. 

A finire ai domiciliari ci sono anche due procuratori sportivi e due gestori di scommesse online.

Sono in corso inoltre perquisizioni a Roma, Chieti, Campobasso e Catania.

Nell’indagine “I treni del gol” condotta dalla Digos, in collaborazione con la Polizia postale non ci sono indagati appartenenti ad altre società sportive.

Attraverso le intercettazioni telefoniche gli investigatori hanno registrato numerose conversazioni particolarmente chiare sul modo di alterare l’esito degli incontri di calcio del Catania validi per il campionato di Serie B.

I poliziotti hanno così scoperto l’esistenza di un’associazione per delinquere con una struttura organizzativa stabile, articolata in diversi ruoli e compiti.

L’attività illecita è iniziata a fine marzo dopo la sconfitta esterna del Catania con la ‘Virtus Entella’ del 21 marzo 2015, in piena zona retrocessione.

In quel periodo i vertici della società decidevano di attivarsi e prendere contatto con gli altri indagati per favorire le vittorie della squadra etnea negli incontri di calcio che si sarebbero disputati da quel momento in poi.

L’associazione, aveva a disposizione consistenti risorse economiche che utilizzava per pagare i corrotti, nonché di persone, contatti e rapporti di conoscenza per individuare ed avvicinare i calciatori disposti a “vendersi” in cambio di denaro.

Nel corso delle conversazioni, gli indagati, utilizzavano un linguaggio volutamente allusivo e decifrato dai poliziotti:

• “il magistrato” = il presidente Pulvirenti;

• “l’udienza o la causa” = l’incontro di calcio;

• “tariffa o parcella dell’avvocato” = prezzo per la corruzione del calciatore;

• “il treno” = il calciatore;

• “l’orario del treno o il binario” = il numero di maglia del calciatore.

Le partite di ‘Serie B’ di cui si ritiene accertata la combine sono 5:

Varese-Catania disputata il 2 aprile 2015 e terminata con il risultato di 0-3;

Catania-Trapani disputata l’ 11aprile 2015 e terminata con il risultato di 4-1;

Latina-Catania disputata il 19 aprile 2015 e terminata con il risultato di 1-2;

Catania-Ternana disputata il 24 aprile 2015 e terminata con il risultato di 2-0;

Catania-Livorno disputata il 2 maggio 2015 e terminata con il risultato di 1-1.

Sotto indagine è anche la partita Catania-Avellino disputata il 29 marzo 2015 e terminata con il risultato di 1-0.

Tag:

Leggi anche:

  • Stadio e Varesello, si guarda anche fuori dall’Italia

    Il nuovo gestore dello stadio “Franco Ossola” e del centro sportivo “Varesello” potrebbe non essere italiano. Palazzo Estense, dopo la pubblicazione – la scorsa settimana – del bando per la concessione delle due strutture, sta infatti scrivendo anche alle ambasciate di
  • Italia-Brasile di calcio femminile, Varese tifa Valentina Bergamaschi

    C’è grande attesa per la terza e ultima partita del girone dell’Italia Femminile ai Mondiali di calcio in corso di svolgimento in Francia. Stasera alle ore 21 (diretta tv su Rai Uno) le azzurre scenderanno in campo contro il Brasile, una delle squadre più forti e temibili del mondo.
  • Torneo di calcio alla memoria di Silvano Dellea

    L’Associazione Nazionale Carabinieri, sezione di Varese, guidata dal Tenente Roberto Leonardi, e il Gruppo degli amici del Premaggio, organizzano, grazie al contributo di Varese Pellicce, Sponsor ufficiale dell’evento, per sabato 11 maggio 2019, un torneo di calcio per ricordare l’agente
  • “Una Rete per tutti”, inaugurazione del nuovo campo a Busto Garolfo

    Il calcio diventa inclusivo, luogo di crescita e spazio educativo. È quanto si prefigge il nuovo campo da calcio di Busto Garolfo (in via Pascoli) che sabato 4 maggio viene ufficialmente presentato e intitolato “Una Rete per tutti”, dopo i lavori che hanno visto il Comune, la Bcc di Busto