Presentato il primo bus ibrido in servizio a Varese

Autolinee Varesine, Comune e Agenzia TPL presentano anche il potenziamento festivo del servizio per il Sacro Monte

01 Luglio 2019
Guarda anche: Trasporti Strade Autostrade

All’apparenza sembra un normalissimo Mercedes Citaro, il modello di autobus più venduto in tutta Europa nonché quello maggiormente presente nella flotta di Autolinee Varesine: eppure, il mezzo urbano numero 206, presentato venerdì mattina, ha una caratteristica fondamentale. Si tratta infatti del primo bus ibrido in circolazione a Varese: «Sul tetto del pullman sono installati gli accumulatori» spiegano i dirigenti di Autolinee Varesine «che permettono di recuperare energia in fase di frenata e di redistribuirla durante l’accelerazione, aiutando il motore anche nel funzionamento dei sistemi interni come il condizionamento».

Ciò consente, ovviamente, un risparmio di carburante quantificabile all’incirca nel 10% e dunque minori emissioni nell’atmosfera: una chiara scelta verde da parte dell’azienda, che continua a rinnovare la sua flotta (tra le più giovani di tutta Italia) proprio all’insegna di una marcata attenzione ambientale da un lato, e per la ricerca di un maggiore confort dall’altro.

Per l’Agenzia del Trasporto Pubblico Locale di Como-Lecco-Varese, si tratta di «un passo verso le nuove tecnologie, con la possibilità che il futuro del trasporto pubblico sia più green» spiega il vicepresidente Ambrogio Mazzucchelli, ribadendo come questo tema sia al centro dei programmi «della nostra Agenzia, la quale sta impostando il bando di gara per l’affidamento della gestione del servizio di trasporto pubblico nei prossimi anni con il fine di promuovere una mobilità più sostenibile».

Piena soddisfazione anche dai massimi rappresentanti del Comune di Varese: «Continua il nostro impegno per migliorare la qualità del trasporto pubblico e oggi con un netto passo in avanti in campo ambientale» sottolinea il sindaco Davide Galimberti, secondo cui «dopo il miglioramento generale della flotta, questo nuovo mezzo ibrido contribuirà a diminuire le emissioni inquinanti». Per l’assessore alla Mobilità Andrea Civati, «accogliamo con grande favore questa novità presentata da Autolinee Varesine, perché in soli tre anni abbiamo investito decisamente sul trasporto pubblico puntando agli standard di altre città europee simili a Varese per popolazione ed estensione».

Ma l’occasione si è rivelata utile anche per ricordare il potenziamento del servizio rivolto al Sacro Monte nella stagione estiva: da domenica 30 giugno, infatti, in tutti i giorni festivi la linea C transiterà dallo stadio (fermata di via Manin angolo via Valverde), per garantire un comodo interscambio con gli ampi parcheggi della zona. Non solo: proprio sulla tratta via Manin-stazione funicolare Vellone, la frequenza dei bus nei giorni festivi vedrà una corsa ogni 15 minuti, dalle 10 alle 19. Un’opportunità in più, dunque, per raggiungere il Sacro Monte con i mezzi pubblici: una scelta di rispetto e di amore verso la montagna varesina.

Tag:

Leggi anche:

  • Sicurezza nelle scuole: Conclusi i lavori alla San Giovanni Bosco

    Sicurezza, efficienza e maggiore confort: in sostanza una scuola più bella. Si sono conclusi i lavori alla Primaria San Giovanni Bosco dove in questi mesi sono stati sostituiti tutti gli infissi dell’edificio. L’altro intervento ha invece riguardato la palestra con la messa in
  • Strade, nuovo marciapiede in via Astico

    Un nuovo tratto di marciapiede in via Astico, dal civico 34 fino a via Lanfranconi. Opera che sarà completata anche da un nuovo impianto di illuminazione e alla quale si aggiungeranno, questa volta in via Ticino, altri due interventi: da un lato il sistema di irregimentazione delle acque bianche,
  • Stadio e Varesello, l’interesse arriva dall’Australia

    “Sarebbe utile approfondire gli aspetti inerenti allo stadio ‘Ossola’ e al centro sportivo ‘Varesello’, in aggiunta a eventuali altre strutture con destinazioni sportiva (con riferimento alle Olimpiadi Invernali 2026), alberghiera e di alloggio per studenti”. È
  • Strade, in via Bainsizza un guasto rallenta i lavori

    “Una perdita d’acqua dalle tubature sotterranee. Spesso succede quando i tubi sono vecchi o installati a una profondità non adeguata; basta anche solo una di queste due cause e, al passaggio dei mezzi per le asfaltature, le strutture cedono”. Così i tecnici comunali spiegano il