La vittoria di Davide contro “Golia”

Il candidato sindaco del centrosinistra ha vinto contro l’uomo forte del partito e contro i vertici della corrente del premier. Ed è molto temuto dal centrodestra, perché in grado di intercettare il voto del ceto medio

14 Dicembre 2015
Guarda anche: EditorialePoliticaVarese Città
FB_IMG_1450053618216

Davide contro “Golia”. Un gioco di parole che ci sta, non solo perché il vincitore alle primarie del centrosinistra di Varese si chiama Davide. Ma soprattutto perché ha battuto un “gigante” della politica varesina, il deputato Daniele Marantelli, da sempre uomo forte della sinistra nella Città Giardino e a livello provinciale. 

L’avvocato Davide Galimberti sarà il candidato sindaco del centrosinistra alle comunali di Varese del 2016.

Alle primarie, dopo un lungo testa a testa, è riuscito a sconfiggere Marantelli con 890 voti contro 858. Una vittoria di misura guardando i numeri. Peccato che Marantelli fosse dato vincente quasi da tutti.

A sostenere Galimberti l’area ex bersaniana (eccetto i fedelissimi di Marantelli), ma anche alcuni renziani.

Ma a farlo vincere è stata la politica del “porta a porta” e del confronto diretto con i cittadini.

Una politica, diciamo, a misura d’uomo, che ha avuto la meglio nonostante la “potenza di fuoco” dell’avversario, mediaticamente più forte.

Non è servito a Marantelli portare in città una sfilata di “big”, dal ministro Andrea Orlando al sottosegretario Luca Lotti.

Il gruppo che ha sostenuto Galimberti, che è lo stesso che esprime la segreteria cittadina del Pd, guidata da Luca Paris, ha ottenuto una doppia vittoria, sconfiggendo sia una figura storica del centrosinistra varesino che i vertici della corrente vicina al premier.

La discesa in campo di Marantelli è stata l’ultima in ordine di tempo. Ed è stato un vero e proprio “travaglio” per il partito.

Mentre la segreteria cittadina aveva aveva da tempo scelto di sperimentare le primarie, per la prima volta in assoluto per le elezioni locali, in quella che è la “culla del leghismo”, i marantelliani cercavano di spingere per evitarle, e candidare direttamente il deputato.

In aiuto di questi ultimi sono arrivati i renziani, che a Varese esprimono il segretario regionale del partito Alessandro Alfieri, i quali, non avendo trovato un proprio candidato, hanno deciso di appoggiare la discesa in campo di Marantelli, tessendo quindi un’alleanza tra “estremi”.

Marantelli, alle primarie che videro “l’incoronazione” di Renzi, sostenne infatti Gianni Cuperlo. “È l’unico candidato in grado di battere la Lega” si giustificarono gli uomini del premier. In realtà, ascoltando gli umori del centrodestra, l’avversario più temuto sembrava essere proprio il vincente Galimberti. Un volto nuovo, avvocato di successo, capace di intercettare il ceto medio. Quel voto borghese, insomma, che a Varese ha fatto sempre la differenza e non si è mai fidato del centrosinistra.

Questa volta, per la coalizione di centrodestra, che ad oggi ancora non esiste con Lega e Forza Italia che vivono come “separati in casa”, avrà effettivamente la possibilità di espugnare la roccaforte della Lega.

Marco Tavazzi

Tag:

Leggi anche:

  • Via Gasparotto, addio ai ruderi. Cominciato l’intervento di recupero

    Poche ore per abbattere le strutture diroccate all’incrocio tra via Gasparotto e viale Borri. È cominciato così l’intervento di recupero di una delle porte d’accesso alla città di Varese. Per anni i vecchi ruderi sono stati la prima immagine che pendolari e abitanti si
  • Galimberti alla Festa della polizia “Ruolo fondamentale per la comunità”

    Si è svolta questa mattina la festa della Polizia di Stato in occasione del 167° dalla fondazione del corpo. All’appuntamento era presente il sindaco Davide Galimberti. “È stato un onore rendere merito agli uomini e le donne che ogni giorni svolgono con dedizione un lavoro
  • Mercoledì 27 marzo al Santuccio: VARESE CAMBIA INSIEME

    Partecipa, dialoga, condividi, una serata di confronto con lo sguardo rivolto in avanti. L’amministrazione invita tutta la città mercoledì 27 marzo alle 20.30 per parlare di Varese, delle sue opportunità, delle prospettive e del futuro del capoluogo. Il luogo del confronto per la
  • Arriva la triade di incontri “Che cosa l’EUROPA fa per me?”

    Giovedì 28 marzo, alle ore 18,30, presso l’Aula Magna dell’Università Insubria di via Ravasi 2, Carlo Calenda, ex Ministro dello Sviluppo Economico, e Sergio Rizzo, grande firma del giornalismo italiano, daranno il via alla triade di incontri “Che cosa l’EUROPA fa per