“La Tasi potrebbe essere incostituzionale”. Ma la Regione non risponde

Il consiglio comunale di Varese aveva votato a maggioranza un ordine del giorno, presentato da Alessio Nicoletti di Movimento Libero, per chiedere al Pirellone di porre il quesito alla Corte Costituzionale. Ma ad oggi ancora niente

26 Giugno 2014
Guarda anche: PoliticaVarese Città
Nicoletti

La Tasi potrebbe essere incostituzionale. Questa la possibilità che i consiglio comunale di Varese a grande maggioranza ha chiesto alla Regione Lombardia di vagliare.

Gli esponenti politici avevano votato a larga maggioranza, un mese fa, un ordine del giorno con cui si chiedeva appunto al Pirellone di presentare una richiesta alla Corte Costituzionale per vagliare la costituzionalità o meno della nuova tassa. Una proposta presenta dal consigliere di Movimento Libero Alessio Nicoletti. Che ad oggi tuttavia non ha ancora avuto una risposta.

“Con l’approvazione del nostro ordine del giorno, durante la seduta del Consiglio Comunale del 19 Maggio 2014, il Comune di Varese ha assunto un’iniziativa politica forte per contrastare l’introduzione della Tasi – dichiara Nicoletti – la richiesta a
Regione Lombardia da parte di un Capoluogo di Provincia di proporre giudizio costituzionale sulla Tasi rappresenta senza dubbio una richiesta istituzionalmente forte che non può essere “snobbata” in questo modo”.

E quindi Nicoletti invita la Regione a provvedere. “Crediamo ci siano tutti gli elementi giuridici, a partire dalla violazione dell’articolo 53 della Costituzione Italiana, per poter procedere in questo senso. Per questo, chiediamo con forza un segnale dalla Regione Lombardia e dal presidente Roberto Maroni”.

L’ordine del giorno era stato approvato con 21 voti favorevoli, 5 contrari e un astenuto.

Nel testo si chiedeva alla Regione Lombardia di attivarsi per avere un giudizio dalla Consulta sull’effettiva costituzionalità della nuova tassa introdotta dal governo. Ad appoggiare la proposta Lega Nord, Forza Italia, Ncd e buona parte dell’opposizione, salvo il Pd, contrario, e l’astensione del consigliere comunale di Sel Rocco Cordì.

La Tasi potrebbe essere “incostituzionale perché lede il principio di capacità contributiva stabilito dall’articolo 53 della Costituzione e quindi deve essere annullata. Il Comune deve far valere il principio che ognuno deve poter pagare le tasse attraverso la propria capacità contributiva. L’ordine del giorno chiede che la Regione si attivi, perché come ente può farlo per via diretta. Il Comune potrebbe farlo per via incidentale, ma sarebbe un risultato più debole”. Insomma, si resta in attesa. Per il momento, tuttavia, non si ha notizia di una risposta.

Tag:

Leggi anche:

  • Foibe ed esodo giuliano dalmata: storia e memoria del 10 febbraio

    Anche quest’anno è stato pubblicato il Bando di concorso regionale per gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado della Lombardia: “Il sacrificio degli italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia: mantenere la memoria, rispettare la verità, impegnarsi per garantire i
  • Premiate le donne in prima linea durante Covid. Il grazie del governatore

    Sono 206, di cui 55 lombarde, le donne premiate lunedì 28 settembre da Fondazione Onda (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere) in occasione della presentazione del IV Congresso Nazionale della Fondazione, per l’impegno in prima linea nella gestione dell’epidemia di
  • Ripartenza: Regione Lombardia stanzia 6 milioni di euro per l’enogastronomia

    La prima misura riguarda il sostegno al sistema produttivo caseario, ma anche i cittadini in difficoltà economica, mentre la seconda iniziativa mira a sostenere il sistema produttivo vinicolo di qualità e gli operatori della ristorazione. “Io mangio lombardo” è una misura straordinaria dal
  • Lombardia, interpellanza PD su trasporto bici su treni Trenord

    Il trasporto delle biciclette sui mezzi Trenord aveva “trovato un suo equilibrio” grazie “ai tanti interventi da parte dell’azienda” e al “proficuo confronto con Fiab e altre associazioni legate al mondo delle due ruote”. Purtroppo, le norme legate all’emergenza Covid-19, hanno