La ripartenza spiegata da Palazzo Estense

Lovato: “Attenzione, nessuno ha mai detto che dal 4 maggio è #liberitutti”

04 Maggio 2020
Guarda anche: Comune di Varese

Ben trovati a tutti, è la prima volta che vi scrivo in questa veste, anzi è la prima volta che vi scrivo in assoluto.

Professionalmente è da molti anni che sono al fianco di enti, imprese e professionisti per aiutarli concretamente al miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro, quindi non vi nascondo la mia preoccupazione per la ripresa di lunedì 4 maggio.

In questi giorni ho avuto modo, aiutando la collega Perusin, di confrontarmi con molti di voi ai Tavoli creati dal Comune per la ripartenza ed i confronti sono stati seri e soprattutto costruttivi. Tutti i partecipanti si sono sempre espressi nel massimo rispetto della sicurezza reciproca, la voglia di riprendere le nostre abitudini è alta, allora vi starete domandando perché sono preoccupato.

Sono preoccupato perché vivo nella nostra splendida città, per ragioni di lavoro sono costretto a muovermi e ogni tanto vedo concittadini che “adattano” le norme alle loro esigenze.

La legge non la si adatta, la legge si applica e si rispetta, anche se non la si condivide.

Questo significa vivere in una comunità.

Vediamo se riesco a semplificare per noi, quanto indicato nei 250 provvedimenti che a vario titolo si sono susseguiti nell’emergenza covid-19.

Il distanziamento è la principale regola anti-contagio, ciò vuol dire che tra noi dobbiamo mantenere una significativa – seppur piccola – distanza di 1 metro.

Non occorre andare in giro con il metro in tasca, ma è certo che non ci si può abbracciare, in sintesi se allunghiamo il braccio non ci dobbiamo toccare.

Parliamo ora di mascherine e chiariamo per quale ragione sono state introdotte.

L’uso di mascherine facciali nella comunità è una misura complementare e non si sostituisce al distanziamento fisico, all’igiene respiratoria (tra cui tossire o starnutire evitando di trasmettere agli altri le goccioline con le secrezioni respiratorie), all’igiene delle mani e all’evitare di toccarsi con queste il viso, il naso, gli occhi e la bocca.

L’uso delle mascherine è importante per due ragioni:

  • Nel momento in cui si frequentano spazi chiusi (negozi di alimentari, centri commerciali…), o quando si utilizzano i mezzi pubblici, è possibile che inavvertitamente si possa non mantenere la distanza di sicurezza (almeno 1 metro).
  • La mascherina serve per proteggere gli altri da noi, pensiamo ai soggetti asintomatici (o a coloro che hanno già contratto il virus e non lo sanno).

Desidero chiarire bene questo concetto: la mascherina NON protegge chi la porta, protegge gli altri da chi la sta portando.

Quindi se ti presenti di fronte a me senza mascherina, il messaggio che mi stai mandando non è “non metto la mascherina perché io non ho paura del virus”, ma è “io NON ti rispetto”.

Un’ultima nota in proposito, le mascherine con valvola NON vanno bene per noi, perché sono state studiate per il mondo del lavoro e vanno usate con precauzione, perché in questo caso la maschera protegge chi la indossa e non chi gli sta di fronte.  Illuminante in proposito è l’immagine che vi allego.

Lunedì si ricomincia, ma con l’attenzione dovuta ad uno stato d’emergenza.

Il virus ancora non è stato sconfitto, ci dobbiamo convivere, e rammento a tutti che la ripresa è subordinata a queste raccomandazioni:

  • NON si esce da casa se non ci si sente bene, e soprattutto è vietato con sintomi quali tosse, raffreddore o una temperatura corporea maggiore a 37,5°.
  • Dobbiamo continuare ad attuare il massimo utilizzo della modalità di lavoro da casa.
  • Dobbiamo mantenere sospese tutte quelle attività non necessarie e che possono essere eseguite in tempi successivi, magari tra poche settimane.
  • I datori di lavoro devono assicurare un piano di turnazione dei dipendenti dedicati alla produzione con l’obiettivo di diminuire al massimo i contatti e di creare gruppi autonomi, distinti e riconoscibili.

Vi lascio con solo tre regole da rammentare: igiene, distanza, e mascherina.

Ricordiamo che lunedì 4 maggio non è #liberitutti.

Fabrizio Lovato
Assessore a Turismo e Grandi eventi

Tag:

Leggi anche:

  • Oltre 10.000 test sierologici effettuati dalle tre ASST del territorio di ATS Insubria

    I test sierologici, effettuati dalle tre ASST del territorio di ATS Insubria, hanno superato quota 10.000, nonostante l’ultima settimana abbia visto diminuire l’attività di testing, a causa del progressivo esaurimento delle liste dei soggetti in fase conclusiva della quarantena domiciliare, a
  • Musei, porte aperte nel weekend

    Ritorno ai Musei civici di Varese. Nel weekend sono in programma le prime riaperture dopo il lockdown legato alla pandemia da coronavirus: si parte sabato mattina con il Castello di Masnago e con il Museo Castiglioni; domenica, invece, il turno di Villa Mirabello. In questa fase tutte e tre
  • Sacro Monte, da sabato attiva la funicolare

    Al Sacro Monte con la funicolare. Il servizio, che durante il lockdown ha visto anche l’ammodernamento delle pedane per i diversamente abili, ripartirà il prossimo weekend: corse garantite il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 19.10 e interscambio con gli autobus urbani. Nei fine
  • Centri estivi, si parte il 15 giugno

    Varese riparte dai bambini e dai ragazzi. Il 15 giugno infatti, sarà una data da segnare in calendario: quel giorno partiranno i centri estivi della città di Varese. Dopo tre mesi dall’inizio dell’emergenza sanitaria, e dalla chiusura delle scuole, il Comune mette in campo tutte le risorse