Biblioteca, a giugno tre “Incontri d’autore”

Lunedì 17 a Palazzo Estense il consigliere per la stampa e la comunicazione del presidente Mattarella Giovanni Grasso

04 Giugno 2019
Guarda anche: Varese Città

Tre appuntamenti in dodici giorni, con la Biblioteca civica pronta ad accogliere scrittori e giornalisti. Torna anche a giugno la rassegna “Incontri d’autore”, che punta a coinvolgere i cittadini varesini in veri e propri confronti con le firme del panorama letterario italiano.

Tra gli ospiti più attesi Giovanni Grasso, consigliere per la stampa e la comunicazione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Lunedì 17 giugno, alle 21 all’interno del Salone Estense, Grasso presenterà “Il caso Kaufmann”, titolo del suo primo romanzo; a intervenire con l’autore saranno il sindaco di Varese Davide Galimberti e il consigliere comunale Enzo Laforgia.

Con questo suo testo l’autore spinge il lettore a riflettere sulle conseguenze dell’odio, regalando un romanzo sull’importanza delle parole e delle piccole azioni che possono cambiare il corso degli eventi, e mostrando al contempo la dolcezza di un amore nato in un’epoca dominata dalla follia e dalla totale perdita di umanità.

Gli appuntamenti del mese verranno invece aperti giovedì prossimo, 6 giugno, da Carlo Maria Lomartire, giornalista televisivo autore di una trilogia sugli Sforza. Alle 18.00 sarà lui stesso a presentare in Biblioteca, assieme all’ex presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni e al direttore de La Prealpina Maurizio Lucchi, il secondo volume del suo percorso: “Il Moro”, dedicato a Ludovico Sforza. A introdurre la serata anche il sindaco di Varese Davide Galimberti.

Fu Ludovico “il Moro” a rendere Milano, oltre che una delle città più ricche, vivaci e ammirate d’Europa, un’invidiata capitale della creatività e della cultura. Un tratto di storia che le pagine di Lomartire aiutano a comprendere, rintracciando in esse, insieme ai pregi e ai difetti del carattere italiano, le radici delle fortune e delle virtù della Milano d’oggi.

Domenica 9 giugno alle 10, infine, sarà la volta di Maurizio Fantoni Minnella e del suo testo “La città che viviamo. Ragionamenti di un esploratore urbano”. In dialogo con l’autore, all’interno della Biblioteca, saranno il vicesindaco di Varese Daniele Zanzi, Rocco Cordì e il direttore di Varese Report Andrea Giacometti. Obiettivo del libro, secondo quanto affermato dallo stesso Fantoni Minnella, è quello di “ricostruirne mentalmente la logica delle forme urbane e del loro sviluppo rispetto alle funzioni primarie e quelle secondarie. Solo in tal modo , forse, è possibile acquisire una maggiore consapevolezza non solo nella città nella quale si vive e lavora quotidianamente, ma di tutte le altre anche se viste per una sola volta”.

Tag:

Leggi anche:

  • La Lega in Via Sempione “Quanto peserà il ritardo sulle tasche dei Varesini?”

    “Un cantiere in ritardo di parecchi mesi, che peserà sui cittadini costretti a vivere i disagi della mancata apertura del parcheggio di via Sempione. Questo è lo stile della sinistra che amministra la città di Varese: si impossessa dei progetti che avevamo lasciato noi, li peggiora e non
  • Passeggiata al San Francesco

    Domenica 20 ottobre alle ore 9.30 si terrà la Passeggiata al San Francesco. Il ritrovo sarà a Velate in Piazza S.Stefano da dove inizierà la camminata di circa 1 ora fino al Monte San Francesco. L’escursione include la visita ai resti del cenobio e successivamente il trasferimento a
  • Torna Con(i)cittadini: domenica a Calcinate del Pesce

    Progetto Concittadino organizza il quarto incontro nei quartieri: questa volta dedicato a Calcinate del Pesce, Mustonate, Lissago e Calcinate degli Orrigoni. L’appuntamento è al Circolo di Calcinate del Pesce, in via Duca degli Abruzzi 117, Domenica 20 ottobre alle 18, per promuovere un
  • Quindicenne accoltellata sabato notte nel centro della movida varesina

    Un uomo che si aggirava in bicicletta fra le strade non distanti dal municipio si è fermato e senza un apparente motivo ha prima strattonato la ragazzina di appena 15 anni per poi colpirla con un paio di fendenti portati al viso e al braccio con una lama. L’amica che era con lei si è