Lombardia, Rolfi “Le imprese agricole vogliono voucher, non sanatorie”

Lavoro per i disoccupati e percettori reddito di cittadinanza

14 Maggio 2020
Guarda anche: Lavoro

“La regolarizzazione degli immigrati del DL Rilancio è inutile per l’agricoltura lombarda. Basta con la strumentalizzazione ideologica di un comparto vitale come quello agricolo. Dal ministro ci aspettiamo fondi e semplificazione. L’approvazione del Decreto Aprile, poi diventato Decreto Maggio e poi diventato Decreto Rilancio, doveva essere l’occasione giusta per dare soldi veri alle aziende del settore primario e semplificare il lavoro agricolo con i voucher e, invece, cercando ‘agricoltura’ si trova solo la misura per regolarizzare gli immigrati”. Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia, Fabio Rolfi, in merito al DL Rilancio.

“Il lavoro regolare e pagato adeguatamente – ha spiegato Rolfi – deve essere dato prioritariamente a disoccupati e ai beneficiari del reddito di cittadinanza in modo semplice e veloce”.

“È la storia di questi giorni – ha rimarcato l’assessore – a confermarlo: siamo all’inizio di una crisi economica che getta nell’incertezza milioni di famiglie”.

“Anche in agricoltura, chi cerca manodopera – ha aggiunto l’assessore – la trova”.

“Il settore ha bisogno di concretezza – ha sottolineato l’assessore Rolfi – e non di ideologia”. “Lo hanno confermato – ha proseguito – anche le associazioni di categoria, definendo inutile una maxi sanatoria di regolarizzazione degli immigrati nel DL Rilancio”.

“Bisogna reintrodurre i voucher – ha continuato – per far emergere il lavoro nero e bisogna usare le forbici contro la burocrazia. Ci sono intere filiere che attendono risposte. Come florovivaismo, agriturismi, suinicoltura e lattiero-caseario“.

“Queste imprese – ha concluso l’assessore Rolfi – vorrebbero che il proprio ministro si occupasse di agricoltura non di immigrati”.

Tag:

Leggi anche:

  • Fase 2, L’Italia oggi riparte

    L’Italia oggi riparte. Il numero più basso di vittime dall’inizio del lockdown, 145 nelle ultime 24 ore, è il miglior auspicio per l’Italia che riapre, con i negozi, i bar e i ristoranti che potranno rialzare le saracinesche dopo oltre due mesi. L’Italia prova dunque a
  • Lockdown in Italia, Nel 2020 crollo dei consumi pari a 84 miliardi di euro

    In base alle nuove ipotesi di progressiva e graduale riapertura delle attività economiche, e mantenendo la data del primo ottobre come la più realistica per il ritorno a una fase di totale normalità, seppure con l’attivazione di protocolli di sicurezza che modificheranno i comportamenti di
  • Salvini “Italiani preoccupati e arrabbiati”

    “I primi messaggi ricevuti sono di italiani fra il preoccupato e l’arrabbiato. Ieri sera il ministro Bellanova ha pianto per i problemi dei poveri immigrati da regolarizzare, ci si sarebbe aspettati impegno e sofferenza per cittadini italiani in difficoltà”. Cosi’ il leader
  • Confcommercio: 420.000 posti in meno con 270.000 chiusure

    Le imprese a rischio nel commercio e nel turismo sono il 10% del totale pari a circa 270.000 mentre i posti di lavoro che potrebbero essere persi con l’emergenza Covid sono 420.000. Lo ha detto Enrico Postacchini, membro di Giunta di Confcommercio in una audizione alla Commissione Industria