Insulti e minacce ai controllori: due mesi di reclusione

Pubblicata oggi la sentenza che ha condannato l’autore di un’aggressione verbale ai danni di due controllori

22 Maggio 2019
Guarda anche: AperturaCronacaVarese Città

Arriva una nuova sentenza di condanna nei confronti di un soggetto che si è distinto per una forte aggressione verbale nei confronti di due verificatori delle Autolinee Varesine: al termine del processo, l’imputato – peraltro già noto in ambito giudiziario – è stato infatti condannato a due mesi di reclusione e al pagamento delle spese processuali.

La vicenda risale all’anno 2014, quando due controllori salirono a bordo di un autobus della linea urbana E: nei pressi di via Sanvito Silvestro, il passeggero in questione esibì un abbonamento scaduto da diverse settimane e, alla richiesta di documenti per l’inevitabile sanzione, diede letteralmente in escandescenza, ricoprendo i due verificatori di irripetibili insulti e minacce verbali, oltretutto alla presenza di un ampio numero di utenti.

Venne così richiesto l’intervento delle Forze dell’Ordine, puntualmente avvenuto in prossimità del centro: anche alla presenza degli agenti, il passeggero continuò nei suoi comportamenti offensivi e fu pertanto tradotto immediatamente in Questura per procedere con l’identificazione. Inevitabile dunque la denuncia da parte dell’azienda e, a distanza di cinque anni, ecco la sentenza di condanna.

Autolinee Varesine esprime piena soddisfazione per l’esito del procedimento giudiziario, che tutela una volta di più la figura dei verificatori/controllori: essendo incaricati di pubblico servizio, il rifiuto di esibire loro i documenti di identità comporta infatti l’automatico intervento delle Forze dell’Ordine, e al tempo stesso episodi di insulti e minacce verbali come questo vengono puntualmente perseguiti.

Fortunatamente, negli ultimi anni gli episodi di aggressione verbale o peggio ancora fisica nei confronti dei controllori sono in diminuzione: ciò è possibile da un lato grazie alla fondamentale collaborazione col Comune di Varese che ha portato alla presenza a bordo degli agenti di Polizia Locale (in borghese o in divisa), e dall’altro grazie ad un crescente numero di autobus dotati di moderni sistemi di videosorveglianza.

Tag:

Leggi anche:

  • Arrestato marocchino di 39 per spaccio di Droga

    Nel pomeriggio di ieri personale della Polizia di Stato ha arrestato un cittadino marocchino di 39 anni destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per spaccio di droga. L’arresto è stato segnato da momenti di tensione in quanto l’indagato, rintracciato a bordo della
  • Tangenti in Lombardia: 28 arresti a Milano

    I carabinieri di Monza e la Gdf di Varese hanno eseguito in Lombardia e Piemonte 43 ordinanze di custodia cautelare, di cui 12 in carcere, nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Dda milanese su due gruppi criminali operativi tra Milano e Varese costituiti da esponenti politici,
  • Arrestato italiano per spaccio

    Mercoledì  mattina gli investigatori del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio “in trasferta” a Milano hanno scoperto un vero e proprio “bazar” della droga, sequestrato notevoli quantitativi di diverse sostanze stupefacenti e un’arma illegale e arrestato il pregiudicato
  • Quarantenne marocchino denunciato per violenza ai danni di minore

    Domenica pomeriggio gli operatori dell’U.P.G.S.P. della Questura di Varese hanno prontamente identificato e denunciato un quarantenne italiano di origini marocchine, per violenza sessuale aggravata, commessa nei confronti di una ragazza di sedici anni. Il reo, inizialmente a bordo del suo