Domani presentazione del progetto “Fiabe a Bizzozero”

Martedì 30 maggio, alle ore 10.00, presso la Sala Matrimoni di Palazzo Estense avverrà la presentazione del settimo e dell’ottavo volume del progetto “Fiabe a Bizzozero”,

29 Maggio 2017
Guarda anche: Cultura Musica SpettacoloVarese Città

Martedì 30 maggio, alle ore 10.00, presso la Sala Matrimoni di Palazzo Estense avverrà la presentazione del settimo e dell’ottavo volume del progetto “Fiabe a Bizzozero”, che anche quest’anno ha coinvolto le scuole primarie Marconi e Garibaldi di Bizzozero. L’iniziativa promossa dal quotidiano digitale rionale BIZZOZERO.NET, è realizzata in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Varese 4, ed è il risultato di un progetto che si pone come scopo quello di far conoscere ai bambini il territorio in cui vivono e ad instaurare con esso un legame “affettivo”. Per raggiungere l’ambizioso obiettivo ecco la proposta di ambientare nel territorio dello storico Comune di Bizzozero (oggi suddiviso fra i quartieri varesini di Bizzozero, San Carlo e Bustecche) dei racconti che gli alunni sono poi chiamati ad illustrare tenendo come sfondo proprio Bizzozero, i suoi monumenti, i suoi spazi, i suoi scorci. Ogni classe aderente al progetto ne personalizza la realizzazione in funzione del proprio gusto e delle proprie esigenze.

Nel caso specifico di “C’era una volta a Bizzozero”, i bambini della classe III^ dell’anno scolastico 2016-17 della scuola Giuseppe Garibaldi di Varese, hanno reinterpretato delle antiche credenze popolari creando da soli dei racconti; i vari testi con lo stesso tema così ottenuti, hanno concorso a creare due distinte storie, frutto della condivisione e della mediazione fra le soluzioni migliori precedentemente ideate. Le due fiabe sono poi state illustrate con vivaci disegni che hanno brillantemente rappresentato nello sfondo i principali monumenti di Bizzozero.

Invece, per quanto riguarda “Camilla e la pietra magica”, i bambini della classe III^ dell’anno scolastico 2016-17 della scuola Guglielmo Marconi di Varese, hanno ambientato nello storico borgo di Bizzozero una fiaba che ha toccato diversi angoli del territorio, illustrandone i diversi momenti con altrettanti disegni, e vergando il testo del racconto a mano, all’interno di una cornice che riprende gli stilemi dell’antico stemma della famiglia Bizzozero.

Questi lavori sono oggi stati raccolti in due libri che saranno presentati al pubblico martedì, e che nell’occasione saranno distribuiti ai giovani autori dal sindaco di Varese Davide Galimberti, alla presenza dell’Assessore alle Politiche Giovanili ed alla Partecipazione Francesca Strazzi, grazie al contributo della Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e di Buguggiate.

 

Tag:

Leggi anche:

  • Villa Toeplitz, girini e rane traslocano. National Geographic a Varese

    Sono già 280 mila i girini messi in sicurezza dai volontari della LIPU che insieme al Comune di Varese, armati di retini e secchi, stanno spostando temporaneamente girini e rane che fanno parte della ricca biodiversità del Parco di Villa Toeplitz. La prossima settima infatti inizieranno i lavori
  • Giornata del sapere educativo, il Comune mette i giovani al centro

    È in corso a Palazzo Estense la settima edizione della Giornata del sapere educativo, iniziativa giunta alla sua settimana edizione e che quest’anno ha scelto come slogan “Sperare, sapere, costruire”. Poco fa, inaugurando i lavori, l’intervento del sindaco Davide Galimberti
  • Travolta da un treno, muore una donna a Legnano

    Tragedia questa mattina poco dopo le 9 all’altezza della stazione di Legnano. Una donna è stata travolta da un treno e, nonostante i soccorsi, per lei non c’è stato nulla da fare. Ancora da accertare se si è trattato di un incidente oppure di un gesto volontario. Inevitabili i
  • Ingegneri dei boschi: alla scoperta dei picchi all’Università dell’Insubria

    I picchi costituiscono una famiglia di uccelli ben presente nell’immaginario collettivo. Nota a tutti è la loro peculiare abitudine di scavare fori all’interno dei tronchi degli alberi, grazie a poderosi e rapidissimi colpi di becco, sia per cercare larve di insetti (che costituiscono una