Varese: Galimberti incontra il rettore Coen Porisini

Sinergia tra amministrazione e università: al via il percorso tra il sindaco e l'ateneo dell'Insubria

20 luglio 2016
Guarda anche: Varese
Listener

Listener

Fare sinergia tra amministrazione e università. Diventare una vera città universitaria. L’arrivo della facoltà di Scienze motorie a Varese e la promozione dello sport. Tanti i temi trattati oggi nell’incontro che si è svolto in comune tra il sindaco Galimberti e il rettore dell’Università dell’Insubria, Alberto Coen Porisini. Presenti anche diversi assessori e dirigenti di Palazzo Estense e alcuni membri dell’Ateneo.

“Iniziamo da oggi concretamente quello che per noi è un percorso fondamentale per lo sviluppo di Varese: aprire un vero dialogo costruttivo e operativo con il mondo dell’università varesina – ha detto Davide Galimberti, sindaco di Varese -. Abbiamo la fortuna di ospitare in città questo prestigioso Ateneo e dobbiamo essere capaci di sfruttare tutte le potenzialità e le occasioni che potremo creare da un lavoro congiunto tra amministratori e mondo accademico”.

Prosegue dunque spedita la chiamata del sindaco Galimberti alla costruzione di una città partecipata in cui i diversi ambiti cittadini collaborano per il bene di Varese. Tanti i temi trattati questa mattina su cui nei prossimi giorni si inizierà a lavorare insieme: dallo sviluppo economico all’ambiente, dal Piano di Governo del Territorio allo sport, fino al coinvolgimento delle competenze reciproche per sviluppare progetti di forte interesse per la città. Un tema centrale poi è stato quello della collaborazione nei prossimi anni perché Varese diventi una vera città universitaria.

Il rettore si è detto molto soddisfatto per questa apertura dell’amministrazione verso l’università e ha ringraziato il sindaco per questa richiesta di collaborazione: “Il campus è un luogo aperto alla città non solo agli studenti e nei prossimi anni vorremmo che la presenza dell’università a Varese potesse concretizzarsi anche in uno scambio reciproco di capacità, competenze e visioni per il futuro della città”. Così Alberto Coen Porisini.

Durante l’incontro si è anche parlato dello spostamento a Varese della Facoltà di Scienze motorie e in quest’ottica si sono avviati gli accordi perché l’università possa usufruire di spazi come palestre, piscine e campi dove poter svolgere le attività relative al percorso di studi. Un altro elemento importante per la promozione e lo sviluppo dello sport in città.

Un’altra azione concreta comunicata oggi riguarda i lavori per il marciapiede di via Ottorino Rossi. Il Comune ai primi di settembre darà il via a questo intervento che l’università chiede da tempo perché quella strada è frequentata da tanti giovani studenti che oggi sono costretti a camminare in condizioni di scarsa sicurezza.

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti