Varese: Galimberti incontra il rettore Coen Porisini

Sinergia tra amministrazione e università: al via il percorso tra il sindaco e l'ateneo dell'Insubria

20 luglio 2016
Guarda anche: Varese
Listener

Fare sinergia tra amministrazione e università. Diventare una vera città universitaria. L’arrivo della facoltà di Scienze motorie a Varese e la promozione dello sport. Tanti i temi trattati oggi nell’incontro che si è svolto in comune tra il sindaco Galimberti e il rettore dell’Università dell’Insubria, Alberto Coen Porisini. Presenti anche diversi assessori e dirigenti di Palazzo Estense e alcuni membri dell’Ateneo.

“Iniziamo da oggi concretamente quello che per noi è un percorso fondamentale per lo sviluppo di Varese: aprire un vero dialogo costruttivo e operativo con il mondo dell’università varesina – ha detto Davide Galimberti, sindaco di Varese -. Abbiamo la fortuna di ospitare in città questo prestigioso Ateneo e dobbiamo essere capaci di sfruttare tutte le potenzialità e le occasioni che potremo creare da un lavoro congiunto tra amministratori e mondo accademico”.

Prosegue dunque spedita la chiamata del sindaco Galimberti alla costruzione di una città partecipata in cui i diversi ambiti cittadini collaborano per il bene di Varese. Tanti i temi trattati questa mattina su cui nei prossimi giorni si inizierà a lavorare insieme: dallo sviluppo economico all’ambiente, dal Piano di Governo del Territorio allo sport, fino al coinvolgimento delle competenze reciproche per sviluppare progetti di forte interesse per la città. Un tema centrale poi è stato quello della collaborazione nei prossimi anni perché Varese diventi una vera città universitaria.

Il rettore si è detto molto soddisfatto per questa apertura dell’amministrazione verso l’università e ha ringraziato il sindaco per questa richiesta di collaborazione: “Il campus è un luogo aperto alla città non solo agli studenti e nei prossimi anni vorremmo che la presenza dell’università a Varese potesse concretizzarsi anche in uno scambio reciproco di capacità, competenze e visioni per il futuro della città”. Così Alberto Coen Porisini.

Durante l’incontro si è anche parlato dello spostamento a Varese della Facoltà di Scienze motorie e in quest’ottica si sono avviati gli accordi perché l’università possa usufruire di spazi come palestre, piscine e campi dove poter svolgere le attività relative al percorso di studi. Un altro elemento importante per la promozione e lo sviluppo dello sport in città.

Un’altra azione concreta comunicata oggi riguarda i lavori per il marciapiede di via Ottorino Rossi. Il Comune ai primi di settembre darà il via a questo intervento che l’università chiede da tempo perché quella strada è frequentata da tanti giovani studenti che oggi sono costretti a camminare in condizioni di scarsa sicurezza.

Leggi anche:

  • 24 luglio 1923: la Juventus si apre all’era di casa Agnelli

    Fu fondata nel 1897 a Torino da un semplice gruppo di studenti liceali locali, appassionati di calcio, che pensarono a questa società come un semplice polisportiva. La squadra composta allora da un gruppo di ragazzi del liceo classico della città fece strada arrivando al suo primo campionato
  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim
  • Gite in Lombardia presenta “Al Poncione di Ganna”

    Gite in Lombardia organizza per il 14 agosto una giornata in mezzo alla natura, con metà il Monte Poncione di Ganna, una montagna delle Prealpi Varesine alta 993m slm. “Un sentiero all’ombra di antichi alberi, un’idea per scappare dalla calura delle nostre città certo, ma non solo.