Una folla commossa saluta Christian Lazzari

A Caldana 400 persone ai funerali del ragazzo morto in un incidente

21 novembre 2015
Guarda anche: Luinese
lazzari

“Fate in modo che altri genitori non provino lo strazio che stiamo provando noi”: in queste semplici parole della madre si riassume tutto il dolore delle oltre 400 persone che, ieri pomeriggio, hanno preso parte ai funerali di Christian Lazzari, il diciottenne di Caravate morto domenica scorsa a Caldana in un incidente stradale.

Proprio nella frazione di Cocquio-Trevisago si sono svolte le esequie, con la chiesa stracolma e tantissimi amici accomodati anche sul sagrato. Applausi, palloncini e una canzone di Vasco Rossi hanno salutato il feretro all’uscita, prima dell’ultimo, tristissimo viaggio.

Tag:

Leggi anche:

  • Giro d’Italia numero 100: vince l’olandese Dumoulin

    Con la cronometro Monza-Milano (29.3 km) si è chiuso il Giro d’Italia numero 100. A vincere la celeberrima corsa in rosa targata 2017 è stato Tom Dumoulin, l’olandese della Sunweb che ha stupito un po’ tutti e che si è laureato il nuovo re in rosa. Quintana, Nibali e Pinot si classificano
  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad