“Una città per i giovani, costruita dai giovani”. Ecco la Lista di Dino De Simone

Alle primarie ha votato solo meno dell'1% degli under 20 ha votato, e solo meno del 15% degli under 30

09 marzo 2016
Guarda anche: Varese Città
FB_IMG_1457540539049

I giovani vanno riavvicinati alla politica. E’ questo uno dei punti fondamentali emersi dalla presentazione della Lista “Progetto ConCittàDino”, il laboratorio che ha sostenuto Dino De Simone alle primarie e che ora diventa una lista civica nel centrosinistra a supporto della candidatura di Davide Galimberti. A guidarla sarà naturalmente Dino De Simone, insieme al gruppo che ha dato vita al laboratorio e ha partecipato alla campagna elettorale delle primarie.

Un progetto, quello di De Simone, che punta molto sull’idea di città che Varese potrà diventare nell’arco di vent’anni. “Assomigliare di più a quelle realtà ecosostenibili che sono le città svizzere, danesi e tedesche – ha detto De Simone – perché questo potenzialmente può diventare Varese”.

Un soggetto che vuole collegarsi alle migliori esperienze amministrative del centrosinistra in Italia, orientate all’innovazione, all’ambientalismo e ai diritti sociali. Da qui l’attenzione verso le forze mobilitate alle ultime primarie a Milano, i torinesi che stanno sostenendo la candidatura di Piero Fassino accanto al suo assessore al bilancio Gianguido Passoni o, più localmente, per la lista di Malnate Sostenibile o “Il Gelso” di Comerio di Silvio Aimetti. 

Per questo la colonna vertebrale del Progetto non potrà che essere composta da giovani, donne, attivisti sociali, professionisti, come:

Andrea Minidio: insegnante, musicista e uomo di teatro, volto noto del Rugby Varese. “Lavoriamo con una prospettiva ventennale. L’impegno politico non si può esaurire con una visione troppo ristretta, che duri solo i cinque anni”.

Barbara Cirivello: avvocatessa, referente della sezione varesina del Movimento Consumatori. “Penso alla bellezza della nostra città, sulla quale bisogna scommettere e puntare. Dopo 13 anni di impegno nel sociale, a contatto con le persone, ho deciso di dare una mano anche a livello politico, portando la mia esperienza. Quello che serve è puntare su nuove politiche sociali del Comune”.

Francesca Coffano: vent’anni, studentessa di architettura, tra i giovani che fin dall’inizio hanno sostenuto il Laboratorio Concittadino. “Voglio dare il mio contributo, anche se ho meno esperienza di altri, perché sono una studentessa. Ma la mia spinta è anche quella di portare i miei coetanei ad interessarsi alla politica”.

Natalino Bianchi: tecnico Rai, ma soprattutto papà di tre ragazzi: tra i più attivi componenti delle associazioni genitori delle scuole varesine

Rossana Chiodi: ex presidentessa di Fiab-Ciclocittà Varese, storica figura del movimento ambientalista varesino. “La mobilità sostenibile e i mezzi alternativi di trasporto sono i miei punti”.

Mauro Rivolta: architetto con la passione per l’architettura bio-ecologica, la bioclimatica e le costruzioni in legno, fondatore dello StudioEcoArch. “Noi siamo per un ambientalismo consapevole, che segue la tendenza delle grandi città europee. Siamo rimasti indietro, ma possiamo cercare di recuperare il tempo perso. Serve, si può dire, un cambiamento radicale”.

Francesca Marutti, giovanissima studentessa, che non ha partecipato alla campagna delle primarie, ma scende adesso in campo per le elezioni. “Spero che i miei coetanei, vedendomi impegnata in politica, possano così anche loro seguire questa strada”.

Margherita Fontana, ideatrice delle AgenDine, ovvero il metodo di raccolta delle opinioni e delle esigenze dei giovani varesini. “Sostenere questa lista

Giovanni Pinesso, storico ambientalista di Varese. “Ho seguito da sempre le battaglie ambientaliste e questa lista mi dà l’opportunità di andare avanti”.

Un elenco destinato ad arricchirsi per dare rappresentanza alle numerose energie e qualità che la città di Varese è in grado di esprimere. Perché per uscire da oltre vent’anni di amministrazione leghista c’è bisogno di entusiasmo, apertura e generosità. Il Progetto Concittadino sarà accanto a Davide Galimberti per portare a Palazzo Estense, con ruolo di protagonista, il mondo che lotta da sempre per una
città più a misura d’uomo, che fermi il consumo di suolo a favore del recupero delle aree dismesse per dare spazio all’innovazione e reali opportunità di partecipazione ai giovani.

Il “dramma” della scarsa partecipazione giovanile è dato appunto dalle primarie: solo meno dell’1% degli under 20 ha votato, e solo meno del 15% degli under 30 degli aventi diritto al voto. Occorre quindi dare una spinta per la partecipazione giovanile.

Tag:

Leggi anche:

  • Al via mercoledì le semifinali scudetto del campionato under 15 per la Busto Pallanuoto

    Scatterà mercoledì 26 luglio la semifinale del Campionato Nazionale under 15 Maschile di pallanuoto che, nel girone 4 in programma presso la Piscina Comunale Olimpica di Palermo, vedrà in vasca anche la Busto Pallanuoto, società del vivaio Sport Management qualificatasi nelle scorse
  • 24 luglio 1923: la Juventus si apre all’era di casa Agnelli

    Fu fondata nel 1897 a Torino da un semplice gruppo di studenti liceali locali, appassionati di calcio, che pensarono a questa società come un semplice polisportiva. La squadra composta allora da un gruppo di ragazzi del liceo classico della città fece strada arrivando al suo primo campionato
  • Arcieri di Varese, per i 40 anni una festa sociale a Calcinate degli Orrigoni

    Era il 19 luglio del 1977 quando la società, affiliata alla Federazione Italiana Tiro Con l’Arco, apriva per la prima volta le porte ai giovani. La compagnia Arcieri di Varese, festeggia il suo 40esimo anno di età, 40esimo anno di promozione sportiva e sociale nel territorio, 40esimo anno di
  • Calcio Tim Cup – Il Varese pesca il Pisa

    La stagione del Varese parte dalla Toscana e parte da Pisa: saranno loro gli avversari dei biancorossi nel primo impegno ufficiale della stagione Domenica 30 luglio gli uomini di mister Iacolino se la vedranno con gli uomini di Carmine Gautieri ex tecnico proprio dei biancorossi. La sfida di Tim