Un convegno sui Longobardi nell’area del Seprio

Dal 2 al 7 dicembre una serie di appuntamenti focalizzati sulla regina Teodolinda tra Gazzada, Cairate e Torba

25 novembre 2015
Guarda anche: Varese
torba

Di stirpe regale e delicata bellezza, secondo Paolo Diacono, la figura della regina Teodolinda è il fulcro del progetto di ricerca promosso dall’Università Cattolica del Sacro Cuore e dal Centro studi longobardi, su finanziamento a bando del Fondo sociale europeo della Regione Lombardia. Un temastorico-istituzionale
improntato alla migliore tradizione medievistica,che muove all’interno di un percorso più ampio,connesso alla valorizzazione attraverso la ricerca scientifica del sito seriale UNESCO “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”, con particolare riguardo al complesso archeologico di Castelseprio-Torba e
della piccola chiesa di Santa Maria “foris portas”.
Il contesto politico-religioso e culturale europeo in cui è vissuta la sovrana cattolica, di origini bavaresi, si collega così ad una realtà monumentale tra le più interessanti e discusse dell’area del Seprio, scoperta oltre mezzo secolo fa dall’intuizione di Gian Pietro Bognetti. Il progetto, che coinvolge molti atenei europei e
numerosi giovani studiosi, prevede alcune applicazioni direttamente fruibili per il grande pubblico destinate a comunicare i risultati delle indagini. In questo modo, i molti aspetti che toccano i problemi legati alla prima evangelizzazione e al pontificato di Gregorio Magno, allo scisma dei Tre Capitoli, alle relazioni con
l’oriente bizantino,al monachesimo italico e insulare nelle sue differenti manifestazioni, fino alla memoria che il ricordo della regina Teodolinda ha consegnato alla storia, dialogano con le esigenze odierne di riflettere sui resti di un passato che continua a sollecitare la società odierna.
Storia e attualità restano inscindibili. Con l’impegno di Regione Lombardia nella diffusione conoscitiva del valore culturale del patrimonio UNESCO, la ricerca accademica entra in forte connessione con le attese delle comunità territoriali locali e la loro crescita. Parlare di Castelseprio non è pertanto solo espressione
della continuità del lavoro storico, ma anche delle sue declinazioni sociali che, come ad esempio in campo artistico, hanno portato al recentissimo superbo restauro della cappella di Teodolinda nel Duomo di Monza e alla sua promozione. L’incontro di studio,che gode del patrocinio della Commissione nazionale italiana dell’UNESCO, dell’ICOMOS, del FAI – Fondo Ambiente Italiano e della Soprintendenza Archeologia della Lombardia,è realizzato in collaborazione con la Fondazione CISAM di Spoleto e le massime istituzioni pubbliche e culturali dell’area del Seprio. Il convegno si terrà dal 2 al 7 dicembre con una serie di appuntamenti ospitati tra Monza, Gazzada-Schianno, Torba e Cairate.

Di stirpe regale e delicata bellezza, secondo Paolo Diacono, la figura della regina Teodolinda è il fulcro del progetto di ricerca promosso dall’Università Cattolica del Sacro Cuore e dal Centro studi longobardi, su finanziamento a bando del Fondo sociale europeo della Regione Lombardia. Un temastorico-istituzionale
improntato alla migliore tradizione medievistica,che muove all’interno di un percorso più ampio,connesso alla valorizzazione attraverso la ricerca scientifica del sito seriale UNESCO “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”, con particolare riguardo al complesso archeologico di Castelseprio-Torba e
della piccola chiesa di Santa Maria “foris portas”.
Il contesto politico-religioso e culturale europeo in cui è vissuta la sovrana cattolica, di origini bavaresi, si collega così ad una realtà monumentale tra le più interessanti e discusse dell’area del Seprio, scoperta oltre mezzo secolo fa dall’intuizione di Gian Pietro Bognetti. Il progetto, che coinvolge molti atenei europei e
numerosi giovani studiosi, prevede alcune applicazioni direttamente fruibili per il grande pubblico destinate a comunicare i risultati delle indagini. In questo modo, i molti aspetti che toccano i problemi legati alla prima evangelizzazione e al pontificato di Gregorio Magno, allo scisma dei Tre Capitoli, alle relazioni con
l’oriente bizantino,al monachesimo italico e insulare nelle sue differenti manifestazioni, fino alla memoria che il ricordo della regina Teodolinda ha consegnato alla storia, dialogano con le esigenze odierne di riflettere sui resti di un passato che continua a sollecitare la società odierna.
Storia e attualità restano inscindibili. Con l’impegno di Regione Lombardia nella diffusione conoscitiva del valore culturale del patrimonio UNESCO, la ricerca accademica entra in forte connessione con le attese delle comunità territoriali locali e la loro crescita. Parlare di Castelseprio non è pertanto solo espressione
della continuità del lavoro storico, ma anche delle sue declinazioni sociali che, come ad esempio in campo artistico, hanno portato al recentissimo superbo restauro della cappella di Teodolinda nel Duomo di Monza e alla sua promozione. L’incontro di studio,che gode del patrocinio della Commissione nazionale italiana dell’UNESCO, dell’ICOMOS, del FAI – Fondo Ambiente Italiano e della Soprintendenza Archeologia della Lombardia,è realizzato in collaborazione con la Fondazione CISAM di Spoleto e le massime istituzioni pubbliche e culturali dell’area del Seprio. Il convegno si terrà dal 2 al 7 dicembre con una serie di appuntamenti ospitati tra Monza, Gazzada-Schianno, Torba e Cairate.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti