Tribunale: Agostino Abate trasferito a Como

Il magistrato lascia la Città Giardino dopo 31 anni di servizio

09 novembre 2015
Guarda anche: Varese Città
Tribunale

Da Tangentopoli al caso Uva, Agostino Abate ha guidato nel corso degli anni tutte le più importanti inchieste del capoluogo varesino.

Eppure, proprio i rilievi mossi nei suoi confronti per la vicenda relativa alla morte di Giuseppe Uva ha portato il Consiglio Superiore della Magistratura al suo allontanamento da Varese, con trasferimento provvisorio a Como. Il magistrato di origine campana era in città dal 1984, ma annuncia di voler “esercitare i diritti previsti” contro la decisione del trasferimento: Abate reputa infatti ingiusto l’esilio in terra lariana.

Tag:

Leggi anche:

  • Famigliari e amici non ci stanno: condanna sbagliata, la giustizia non esiste più

    Si sono riuniti fuori dal Tribunale di Varese per chiedere ancora una volta GIUSTIZIA PER GIADA; la giovane che è stata uccisa dalla macchina in corsa lo scorso settembre in Viale Dei Mille a Biumo Inferiore non ha ottenuto giustizia. La famiglia, gli amici, il fidanzato della ragazza tra lacrime
  • La Quiete, azienda varesina che si occupa di sanità, con sessanta dipendenti.

    Dopo anni di vicende giudiziarie, il Tribunale di Varese ha reso esecutivo lo sfratto dei locali, ora locati, per il 9 gennaio, ciò comporterebbe per l’azienda la perdita dell’esistente attività, in quanto perderebbe l’accreditamento per l’attività ambulatoriale e
  • Caso Uva: magistrati varesini sanzionati dal Csm

    I due pm avrebbero omesso o ritardato il componimento di atti, in particolare per quanto riguarda la testimonianza di Alberto Bigioggero. Tre ore di camera di consiglio hanno portato ad una sanzione di censura nei confronti di Arduini, mentre per Abate, già trasferito a novembre a Como, viene
  • Varese: il pm Abate nel mirino del Ministero

    Nella vicenda relativa alla bancarotta della Quiete, il magistrato avrebbe “omesso la tempestiva iscrizione nel registro degli indagati, con l’indicazione delle persone a cui il reato è attribuito disponendo di fatto l’archiviazione di una notizia di reato”, come si legge