Terremoto: anche Cavalca si unisce alla catena della solidarietà

Parte del ricavato delle vendite di sabato e domenica saranno devolute alla Croce Rossa

26 agosto 2016
Guarda anche: Varese Città
cavalca

Oltre alla gelateria Buosi, un altro storico negozio del Varesotto si unisce alla catena della solidarietà in favore dei terremotati del Centro Italia.

Cavalca, azienda varesina da oltre 60 anni, esprime infatti il proprio sostegno alle vittime e agli sfollati donando alla Croce Rossa Italiana parte degli incassi che saranno ottenuti nelle giornate di sabato 27 e domenica 28 agosto: i clienti saranno documentati e informati sulla destinazione dei fondi raccolti. L’iniziativa verrà ovviamente pubblicizzata anche sul sito internet aziendale e sui social network.

Tag:

Leggi anche:

  • Calcio, Europe League – Il Milan si beve lo Shkendjia ed ipoteca i gironi

    Un match senza storia quello che ieri sera ha visto il Milan imporsi sui macedoni dello Shkendija. A San Siro, nel primo atto dei playoff di Europa League finisce addirittura 6 a 0 grazie alle doppiette di Silva e Montolivo a cui si sono aggiunte le reti di Borini ed Antonelli. Se è vero che gli
  • Janus River a Villa Recalcati

    Si terrà domani giovedì 17 agosto a partire dalle ore 10:3= presso l’Ufficio di Presidente di Villa Recalcati la conferenza stampa per accogliere Janus River, il ciclista ottantenne che da 17 anni sta girando il mondo a bordo della sua bicicletta. All’evento saranno presenti il Vicepresidente
  • La Piscina Manara di Busto Arsizio sarà la casa delle giovanili della BPM Sport Management

    La pallanuoto e Busto Arsizio: un legame che diventerà ancora più stretto nella stagione 2017/2018 grazie alla volontà di Sport Management di investire ulteriori risorse in una delle discipline più importanti per l’azienda e che ha nella Piscina Manara il fulcro della sua attività. La
  • Janus River: 
la tappa malnatese
 del giro del mondo ad 80 anni in bicicletta

    Passerà da Malnate Janus River, il ciclista ottentenne che dal 2000 si è proposto di fare il giro del mondo su due ruote, contando su un budget di 3 euro al giorno e la generosità di chi incontra. Classe 1936, la tempra che può avere solo chi nasce in Siberia, 17 anni fa ha iniziato il viaggio