Salone Estense: domenica la Natività di Filippo Lippi

Nel palazzo comunale l'esposizione dell'opera del XV secolo

18 dicembre 2015
Guarda anche: Culture e SpettacoloVarese
natività

Il Salone Estense ospiterà domenica 20 dicembre, dalle 9 alle 19 ad ingresso libero, la “Natività” della bottega di Filippo Lippi, un’opera risalente al XV secolo. Di seguito una scheda dettagliata della stessa:

AUTORE : Bottega di FILIPPO LIPPI

NATIVITÀ – Bottega di FILIPPO LIPPI (Firenze 1406 – Spoleto 1469)

Epoca : Firenze – seconda metà del ‘400

Altissima scuola. Rarità

Misure : Altezza (con cornice) 62.0 cm- Larghezza (con cornice) 52.0 cm. Altezza (tavola) 39,5 cm. – Larghezza (tavola) 30,5 cm.

NATIVITA’ – Bottega di FILIPPO LIPPI (Firenze 1406 – Spoleto 1469) Importante e rara “tempera a uovo” su tavola di pioppo entro cornice antica a tabernacolo dorata e intagliata. La Bottega di Filippo Lippi (Firenze 1406 – Spoleto 1469), artista fondamentale del Rinascimento toscano, anello di congiunzione fra Masaccio e Botticelli, giungerà, con opere come questa, di chiara committenza privata, fino agli inizi del Cinquecento ed anche oltre. La “maniera” di questa importante bottega sarà un punto di riferimento significativo per i decenni successivi. L’opera in questione presenta i modi pittorici delicati tipici del periodo, i lineamenti della Madonna, di aspetto “nordico” coi capelli biondi ben curati, sono finissimi, il San Giuseppe, secondo tradizione, appare di aspetto assai maturo, quasi senile. I panneggi del manto della Vergine sono di particolare leggerezza, con chiaroscuri salienti che ne accentuano l’effetto tridimensionale. Il Bambino appare “diafano”, di colore chiarissimo, quasi “sospeso” nell’aria, per evidenziarne la presenza “spirituale”, a suggellarne la venerazione e la preghiera. La finestra che si apre dietro la scena, per una scelta geniale voluta da parte dell’anonimo pittore, non raffigura, secondo tradizione, un sereno e naturale paesaggio primaverile, bensì una scena “di tutti i giorni” che mostra gli ingenui tratti pittorici tipici di un “ex-voto”, con un angelo che appare a due personaggi in attesa sulla china di una montagna (a rappresentare le difficoltà della vita illuminata dalla “Luce della Fede”). Una scena molto “popolare”, facile da comprendere, che contrasta in modo ricercato coi tratti raffinati e “colti” della Natività vera e propria. Un “trait d’union” ideale che avvicina l’osservatore anche di scarsa cultura, stimolandone così la preghiera e l’emotività.
La bottega di Filippo Lippi vide la partecipazione di un giovane Botticelli dal 1464 al 1467.

Tag:

Leggi anche:

  • Pallanuoto: la BPM Sport Management espugna il Foro Italico

    Arriva la terza vittoria in sette giorni. La BPM Sport Management ha iniziato il nuovo anno veramente alla grande. A farne le spese questa volta è la SS Lazio Nuoto che, alla Piscina del Foro Italico, è uscita sconfitta per 9-17 (1-7, 3-1, 3-6, 2-3). Ottime le prestazioni di Mirarchi e Luongo,
  • Pallanuoto: la BPM Sport Management a Roma contro l’insidia Lazio

    Dopo le fatiche di Coppa torna il Campionato. Messo in cassaforte il risultato del match di andata (12-10 / ritorno in programma sabato 18 febbraio), domani la BPM Sport Management sarà a Roma dove, alla Piscina del Foro Italico, sfiderà la SS Lazio Nuoto per la 12ª giornata del Campionato di
  • Un campione olimpico a Varese: Jury Chechi

    Il sindaco di Varese Davide Galimberti, il vicesindaco Daniele Zanzi e il presidente del Consiglio comunale hanno incontrato questa mattina a Palazzo Estense il campione olimpico Jury Chechi. Il famoso ginnasta sta trascorrendo qualche giorno a Varese, città in cui da atleta si è allenato per
  • Euro Cup, semifinale: alla BPM Sport Management il primo round contro l’Oradea

    Grande spettacolo in vasca alle Piscine Manara. Nell’andata della semifinale di Euro Cup, la BPM Sport Management batte 12-10 (3-4, 3-4, 2-1, 4-1) il CSM Digi Oradea, rimontando nel quarto tempo lo svantaggio maturato nella prima parte di gara . Nell’altro match lo Jadran Carine Herceg Novi