L’alfabetizzazione degli stranieri viaggia forte alla “Parini”

Questa mattina il saluto dell'assessore Angelini alla brillante realtà di Giubiano

06 novembre 2015
Guarda anche: Varese
centro

Benvenuti in Italia! è lo striscione preparato dai bambini e dai ragazzi del Centro di prima Alfabetizzazione alla scuola primaria Parini. Alla presentazione, questa mattina, sono intervenuti l’assessore a Famiglia e Persona Enrico Angelini, la referente intercultura per l’UST Paola Benetti con la dirigente Mara Caenazzo e l’insegnante Cinzia Milan.
Gli iscritti, di varie nazionalità, dal Marocco all’Ucraina, dalla Cina al Sudamerica, sono 11 per le scuole primarie e 17 per le secondarie di primo grado, «ma il numero varia, in base ai nuovi inserimenti: l’anno scorso siamo arrivati a 45» spiega la dirigente scolastica.
L’assessore ha salutato gli alunni. «Vi svelo un piccolo segreto: più vi impegnerete e più avrete soddisfazioni, più sarete contenti di essere in una comunità che cresce insieme!».
Il centro è unico in tutta la Lombardia: positive le esperienze degli scorsi anni, con una media di 30/40 iscritti (24 il primo anno, 44 due anni fa, 45 l’anno scorso), nelle scuole di Avigno, alla Vidoletti e dall’anno scorso, appunto, alla Parini.
«Il centro – precisa l’assessore – garantisce il primo ingresso nella scuola ai bambini appena arrivati a Varese, che si ricongiungono con le famiglie solitamente. Il primo impatto è duro: il centro dà assistenza, insegnando le basi dell’italiano e le principali regole del nostro Paese. Poi si prosegue con l’inserimento nelle varie classi, con un ulteriore servizio di mediazione linguistica e culturale. L’obiettivo è duplice: andare incontro alle esigenze dei bambini e delle famiglie che arrivano in città, e dall’altro lato aiutare i ragazzi italiani o gli altri stranieri già inseriti ad accogliere e accettare i nuovi compagni».
Il centro si rivolge a bambini stranieri neo-arrivati in Italia nella fascia di età 6-14 anni. Il bambino infatti, spesso, fatica ad esprimere e ad utilizzare le proprie conoscenze e competenze a causa delle difficoltà linguistiche, dell’inserimento in un contesto nuovo, con persone nuove, con abitudini e costumi differenti.
I bambini frequentano inizialmente il centro scolastico per poi venire inseriti progressivamente nelle classi e nelle scuole di appartenenza entro pochi mesi.
Il periodo di frequenza può variare da un minimo di qualche settimana fino ad un massimo di tre mesi a seconda del grado di apprendimento raggiunto dal bambino. Il tempo dedicato all’accoglienza del minore straniero viene potenziato con il coinvolgimento della famiglia. Sono infatti programmati incontri specifici prima dell’inserimento in classe che permettono di orientare ed informare adeguatamente il nucleo familiare ottimizzando l’impiego dei mediatori culturali. In classe sono promosse anche attività di laboratorio che permettano al minore straniero di esprimere stati d’animo ed emozioni, di interagire con i compagni e gli educatori in una situazione di gioco.

Tag:

Leggi anche:

  • Sport varesino: i risultati di calcio, volley, basket

    Si è concluso un altro weekend sportivo, anzi per l’esattezza si chiuderà questa sera alle ore 20.30 con il posticipo di basket dell’Openjobmetis che in casa con Pistoia si gioca una partita delicatissima in virtù dell’obiettivo salvezza. Per il resto turni di campionati poco
  • Pallanuoto: vittoria convincente della BPM Sport Management contro la Roma Vis Nova

    Tre punti per dimenticare la delusione europea. La BPM Sport Management, nel turno infrasettimanale di Campionato (16ª giornata), giocato ieri pomeriggio, batte nella Piscina del Foro Italico la Roma Vis Nova per 20-9 (6-3, 3-2, 4-3, 7-1) e centra la sesta vittoria consecutiva. I Mastini
  • Volley – La UYBA vola ai quarti, ma che fatica!

    La UYBA torna da Minsk con la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Cev in tasca. Il ko per 3-2 (25-22, 22-25, 25-21, 24-26, 15-10) rimediato nella gara di ritorno degli ottavi in casa del Minchanka Minsk, infatti, consente alle farfalle di strappare il pass per il turno successivo in virtù
  • BCC Cup, il basket con il cuore raccoglie 10.000 euro per la fondazione Il Ponte del Sorriso

    Il primo trofeo BCC Cup è andato alla solidarietà. La grande partecipazione di pubblico sugli spalti del PalaBorsani e l’agonismo messo in campo dalla Pallacanestro Openjobmetis Varese e dal Legnano Basket Knights hanno fatto vincere il grande cuore del basket e di tutti gli appassionati della