Il rifugio antiaereo di Villa Toeplitz torna alla luce?

La collaborazione tra Varese Nascosta e l'esploratore Michael Bolognini sta dando risultati notevoli

04 ottobre 2015
Guarda anche: Varese
Bolognini 3

Bolognini 3

Un rifugio antiaereo “dimenticato”. Il quale, grazie all’impegno dell’esploratore Michael Bolognini, sta per “tornare alla luce”. Se i varesini hanno iniziato a conoscere ed apprezzare, come dimostrano i numeri delle visite, il rifugio antiaereo situato nel centro storico, sotto il parco dei Giardini Estensi, un altro bunker potrebbe essere riaperto. Si tratta di un rifugio antiaereo che si trova sotto Villa Toeplitz, nelle vicinanze di un altro tunnel, anch’esso inesplorato da almeno 15 anni. Ma mentre quest’ultimo è noto, l’esistenza del bunker nelle vicinanze della villa sarebbe rimasta ignota. Fino alla scoperta dell’esploratore Bolognini, della “Geographical Research Association. Il quale, in collaborazione con l’associazione “La Varese Nascosta”, guidata da Andrea Badoglio, ha presentato al Comune di Varese un progetto di esplorazione del tunnel. La collaborazione tra le due associazioni, che sta venendo portata avanti anche su altri fronti, rappresenta un’importante novità per la Città Giardino: la passione per la scoperta e la riscoperta, a seconda dei casi, dei “segreti” di un territorio ricco dal punto di vista storico, ma troppo spesso ignorato, lanciata da “La Varese Nascosta” e subito accolta da altre realtà e soggetti, come la “Geographical Research Association”, crea i presupposti per quello che possiamo definire una vero e proprio “Rinascimento” varesino. Un impegno che ha trovato subito l’appoggio del Comune, come dimostra infatti l’interessamento dell’assessore a Lavori pubblici e Verde pubblico Riccardo Santinon, il quale ha annunciato la sua presenza sul posto durante la fase esplorativa. “Per villa Toeplitz, avvieremo una prima fase dove sul campo verificheremo l’accessibilità ai bunker – spiega Michael Bolognini – in base alla valutazioni che verranno decideremo come procedere nella seconda fase, quella esplorativa. Andrà valutata l’accessibilità, il rischio (presenza di aria inquinata, crolli, struttura instabile e metodo esplorativo). Dopo questa seconda fase, se sarà possibile, accederemo alle strutture documentando. Geographical Research Association coordinerà il progetto, e determinerà anche il team, tra i vari componenti selezionati in GRA”. “Varese è una terra ricca di testimonianze storiche, che, insieme alle bellezze paesaggistiche, la rendono un luogo affascinante e di richiamo. Le iniziative di cittadini e professionisti, che hanno lo scopo di valorizzare il proprio territorio, sono non soltanto una risorsa che le istituzioni devono sostenere, ma il segnale di un profondo attaccamento alla propria terra. Di amore per la propria città e provincia” dichiara l’assessore Santinon. “Il progetto della Varese Nascosta, nata come gruppo e diventata in breve tempo un’associazione, sta raccogliendo tantissimi aderenti. La curiosità di conoscere i segreti e i lati nascosti del proprio territorio è molto forte dei varesini. Ad oggi nel gruppo abbiamo superato i 3.500 membri e stiamo crescendo sempre di più. Ringrazio tutti coloro che stanno dando una mano attivamente per portare alla luce quella Varese sotterranea che, scoperta e studiata, può raccontarci molto sulle nostre origini e sulla nostra città” è il commento del presidente Badoglio.

Tag:

Leggi anche:

  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti
  • Simone Miele vincitore della Coppa Italia Rally 2016

    rally-simone-miele Simone Miele e Roberto Mometti sono i vincitori della Coppa Italia Rally 2016, serie nazionale reintrodotta da Aci Sport per questa stagione. A bordo della Ford Fiesta World Rally Car, i due varesini – Simone è di Olgiate Olona mentre Roberto di Luino- hanno messo le mani sul titolo di Zona1 già