Cunardo: al via la Sagra della Patata

Nel weekend si rinnova l'appuntamento in favore dell'asilo

03 agosto 2016
Guarda anche: Luinese
sagra-della-patata-cunardo

Nel 2006 bisognava trovare i fondi per evitare la chiusura della scuola materna, i cunardesi allora decisero che andava fatto quello che meglio sapevano fare: una festa.

Nasce così la Sagra della Patata, una manifestazione il cui intero incasso è destinato al bilancio dell’asilo di Cunardo, scuola paritaria che da oltre 130 anni educa i bambini della comunità. L’allora consiglio di amministrazione, presieduto da Eugenio Gant con primo “chef” Roberto Bossi, fece appello a tutte le associazioni ed i gruppi del paese che risposero positivamente. Venne quindi scelto il famoso tubero come ingrediente principe della festa per la sua semplicità e per la varietà di ricette esistenti.

“Negli anni poi questa felice intuizione si è trasformata in una delle più grandi ed apprezzate sagre gastronomiche della provincia di Varese – commenta soddisfatta Roberta Tuzzi, attuale presidente del Cda dell’asilo – diventando così un fondamentale momento di raccolta fondi per sostenere i costi della scuola. In questi anni infatti grazie agli utili dell’iniziativa è stato possibile non solo potenziare l’offerta formativa a bambini e famiglie ma anche sistemare il tetto, svolgere tutte le manutenzioni ordinarie e straordinarie, rinnovare i serramenti, i bagni, i pavimenti e gli adeguamenti antisismici”.

Alcuni numeri fanno capire il successo della sagra: dal 2006 ad oggi sono stati cucinati 300 quintali di patate (provenienti dal Veneto e dalla Puglia), 20 di questi solo di patatine fritte (tutti da patata fresca). Sono stati serviti 10.000 kg di gnocchi, 20.000 frittelle di patate e sono stati distribuiti 1.000 kg tra ketchup e maionese.
“La squadra di volontari è composta da 100 persone – conclude Tuzzi – ed è pronta a servire i 1.200 posti allestiti, tutti al coperto e serviti da quest’anno anche da wi-fi libero”.

La decima edizione della “Sagra della patata” inizierà presso la Baita del fondista (via per Bedero) venerdì 5 agosto (alle 19.00 è prevista l’apertura delle cucine), continuerà sabato 6 e chiuderà domenica 7 agosto con il pranzo alle 12.00, alle 14.30 l’animazione per i bambini, alle 16.00 la merenda e la cena dalle 19.00.
Tutti i piatti sono cucinati da patata fresca e l’intero incasso sarà destinato alla scuola materna. Si mangia bene e si fa del bene, per questo è la festa di beneficenza più buona che ci sia.

Tag:

Leggi anche:

  • La SC Binda riparte ancora più forte

    Ieri sera presso la sede di Sant’Ambrogio della Società Ciclistica Alfredo Binda si è tenuta un’importante riunione dei soci. All’ordine del giorno, oltre le consuete procedure amministrative di approvazione di bilancio di esercizio della scorsa stagione e presentazione del
  • 16° Giornata Nazionale del Sollievo in Hospice tra sport e musica

    In occasione della sedicesima Giornata Nazionale del Sollievo l’Associazione Accanto onlus – Amici dell’Hospice S. Martino – in collaborazione con l’Hospice San Martino, il Gruppo Paxme (Gruppo Paritetico di Cooperative Sociali) e la Cooperativa Sociale Arca, organizza un
  • Hayden non ce l’ha fatta, il pilota è deceduto nel pomeriggio

    E’ di pochi minuti fa la notizia della morte di Nicky Hayden, il pilota 36enne di superbike rimasto vittima di un incidente in bici qualche giorno fa a Misano Adriatico. Apparso subito in condizioni disperate, con danni cerebrali al cervello e ai polmoni, lo statunitense ha lottato fino ad
  • Varese weekend nero: finale playoff persa e dimissioni del presidente

    Il Varese chiude la stagione senza festa e senza sorrisi. L’ultima partita dell’anno, ovvero la finale playoff di Serie D, finisce con la vittoria del Gozzano che passa al “Franco Ossola” 2-0 grazie ai gol di Gulin e Segato. Buon primo tempo per i biancorossi, ma ripresa da dimenticare