Apre il “Parco mmm… che paura” a Malnate

Inaugurazione sabato 16 aprile

14 aprile 2016
Guarda anche: Varese
Parco-Malnate-1

Apre sabato il “Parco mmm… che paura”, un progetto della Associazione Progetto Zattera, realizzato grazie al finanziamento della Fondazione Comunità di Malnate.

Il progetto servirà a realizzare un parco culturale nella via Firenze di Gurone con la collaborazione della Città di Malnate, l’associazione AGM e diversi commercianti della città.
“Parco mmm … che paura” vorrebbe rappresentare un modello ludico innovativo in città, capace di mettere in azione i meccanismi del gioco libero fra gli ambienti, gli abitanti che transitano nel parco di via Firenze attraverso la costruzione di un gioco e delle attività ricreative. In particolare, vorrebbe creare i presupposti perché adulti e minori possano progettare insieme arricchire l’esperienza in spazi aggregativi nel:

1) Valorizzare gli spazi per l’infanzia di Malnate.
2) Creare un luogo attrezzato per la rappresentazione per le famiglie.
3) Allestire strutture itineranti con personale professionale e volontario.

Appuntamento sabato 16 Aprile alle 14.30 in via Firenze a Malnate per l’inaugurazione del gioco, al concerto della junior band di Malnate, laboratori di manualità e alla presentazione dello spettacolo della Compagnia Bottega Teatrale di Vercelli.

“Parco, mmm … che paura” vorrebbe rappresentare un modello ludico innovativo capace di mettere in azione meccanismi di relazione fra gli ambienti, gli abitanti che transitano nel parco di via Firenze. In particolare vorrebbe creare i presupposti perché adulti e minori possano riprogettare insieme percorsi condivisi nella scelta di individuare modelli aggregativi che mirano ad arricchire l’esperienza in spazi aperti, non necessariamente convenzionali, con l’obiettivo di far sì che il territorio possa generare autonomamente percorsi partecipativi.

Il progetto si presenterà come una novità nell’ambiente cittadino, perché farà emergere in un dialogo diretto con i minori e gli adulti, vista la decennale esperienza dell’Associazione, la possibilità di progettare a partire dal basso una struttura ludica all’aperto, condizionata da fattori climatici e temporali, che possa, nel suo interagire con i giovani cittadini, rielaborare proposte mutabili, volte a migliorare l’attività ludica della città.

Da numerosi anni Progetto Zattera cura il Festival Impronte nella città di Varese e l’evento Marcia Diritto che, negli ultimi quindici anni, hanno coinvolto artisti nazionali e internazionali e altri Enti pubblici e privati che hanno condiviso e finanziato numerosi progetti per l’infanzia.

Tag:

Leggi anche:

  • La banda di Moretti vuole cucirsi addosso il derby

    openjobmetis-cavaliero Dopo la vittoria in coppa l’Openjobmetis riparte dal campionato di serie A e lo fa con la sfida delle sfide. Al PalA2A arriva nientemeno che Cantù, per quello che si preannuncia un derby infuocato. A Masnago dalle ore 20.30, con diretta tv su Milanow, la squadra di coach Moretti ospiterà
  • A Buguggiate arriva la corsa benefica dei Babbi Natale

    babbi-natale-buguggiate . A questi due enti sarà infatti devoluto il ricavato dell’iniziativa. «Questa corsa è nata con il preciso scopo di raccogliere fondi da devolvere in beneficenza», raccontano gli organizzatori. «Negli anni abbiamo potuto dare il nostro contributo a realtà significative che operano sul
  • L’Hockey Varese ha presentato il progetto Inspire

    hockey-varese-progetto-inspire L’Hockey Club Varese 1977 ha presentato, questa mattina in Comune a Varese, l’edizione 2016/2017 del PROGETTO INSPIRE realizzato in collaborazione con SOS Villaggi dei Bambini Morosolo e, da quest’anno, anche con NIL – Nucleo di Inserimento Lavorativo Ambito Territoriale
  • Università dell’Insubria sempre più sportiva: brillano le atlete del mezzofondo

    oggioni_spagnoli   La gara si è svolta in Trentino Alto Adige, nel parco Segantini del Lido di Levico Terme (TN): Silvia Oggioni ha completato il percorso di 7 km nel tempo di 25:11 precedendo di cinque secondi la seconda. Da segnalare anche l’ottima prestazione di altri due studenti-atleti